Skip to content

Il tema dell'eros nella fenomenologia come prassi di Enzo Paci

Informazioni tesi

  Autore: Nazario Malandrino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Giuseppe Cantillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 245

Col titolo proposto "Il tema dell'eros nella fenomenologia come prassi di Enzo Paci" riteniamo possibile riprendere l'opera di Paci (1911-1976) da un'angolazione differente, rispetto alle letture che tendono ad esibirne una schematica ripartizione in fasi (Esistenzialismo - Relazionismo - Fenomenologia - incontro con l'umanesimo marxista). Va, d'altra parte, rigettata l'idea di una totale ed eclettica asistematicità del nostro autore: alla ricerca quindi di un filo conduttore, partiamo dalla fenomenologia dell'eros del '61 per ritrovarvi enucleata buona parte dei temi affrontati nella riflessione paciana.
Se nel titolo proposto non ritroviamo la dizione fenomenologia ma tema dell'eros, è perchè:
(a) Il tema dell'eros si sviluppa in un arco complessivo della produzione paciana che va dall'anno della tesi di laurea (1934) agli ultimi articoli del '73-'74. Espungere da questa una fase più specificatamente fenomenologica, ci sembra confliggere con l'interpretazione che qui cerchiamo di dare, che cioè Paci sia stato fenomenologo dall'inizio alla fine, nella misura in cui intendiamo per fenomenologia l'esercizio di una prassi.
(b) Rispetto a questa oscillazione di significato, l'uso paciano del termine tema indica sempre l'oggetto della mia analisi attuale, del mio inter-esse e della mia prassi, come ciò che le permette la mediazione tra mezzo e fine, l'organizzazione e il progetto. Questa dimensione teleologica e intenzionale del tema, tra origine e prassi, pertiene all'uomo in un tempo specifico: il tempo della riflessione fenomenologica come tempo della maturità. Essa si collega al disoccultamento di quell'esperienza corporea fondamentale che è il sesso.
(c) In Paci, l'esperienza fenomenologica è il continuo mutarsi e collegarsi dei temi. L'orchestrazione del tema dell'eros da modalità emblematica dell'esistenza a metafora della relazione, a figura originaria dell'alterità e dell'intersoggettività, rimanda, nella sua mobilità, al movimento continuo dell'esperienza fenomenologica tra il piano della vita e il piano del significato. L'eros si presenta allo stesso modo punto di massimo avvicinamento e insieme scarto incolmabile, punto dove la temporalità della riflessione si arresta e si fa azione nel tempo, prassi.

La possibilità che Paci ha, di usare eros sia come metafora che come modalità relazionale dell'esistenza, dipende dal fatto che eros è privo, mancante (Penia), di un significato proprio: è anzi ciò che dà significato, un significante. Esso ha quindi la funzione di rinviare ad altro o di mettere in relazione gli esclusi, ma non di formulare giudizi. Ciò che era precluso a Socrate si trasforma, per la fenomenologia, nell'astensione da giudizi astratti e non fondati su operazioni concrete.
Il termine prassi, inoltre, viene più volte utilizzato da Paci per indicare quell'atteggiamento che accomuna, e in cui confluiscono come esercizio, l'epochè husserliana e la maieutica socratica. Ripercorrere le ragioni di questo accostamento significa rinunciare alla possibilità di leggere il pensiero di Paci separato dalla sua opera e dal suo magistero. Allo stesso tempo, la traccia di questa nostra trattazione non segue un percorso cronologico legato alla sua biografia, non cerca, nella sua storia, una storia della filosofia di Paci: indaga, piuttosto, il ruolo giocato dall'eros nella costituzione dello stile di Paci e dello stile della fenomenologia come sua prassi. Chiarito il nesso fenomenologico tra la capacità di tematizzare e la costituzione di uno stile proprio, affronteremo la critica, per poi riprendere nuovamente Paci, consapevoli che quel nesso e il suo sbocco finale (la costruzione di una prassi), come pure la persistenza di un tema mobile come l'eros, renderanno sensibile la presenza di un dispositivo di orientamento esistenziale nell'opera di Paci e nelle domande che egli le rivolge...(continua)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
iii I N T R O D U Z I O N E Col titolo proposto "Il tema dell'eros nella fenomenologia come prassi di Enzo Paci" riteniamo possibile riprendere l'opera di Paci (1911- 1976) da un'angolazione differente rispetto alle letture che tendono ad esibirne una schematica ripartizione in fasi (Esistenzialismo - Relazionismo - Fenomenologia - incontro con l'umanesimo marxista). Va, d'altra parte, rigettata l'idea di una totale ed eclettica asistematicità del nostro autore: alla ricerca quindi di un filo conduttore, partiamo dalla fenomenologia dell'eros del '61 per ritrovarvi enucleata buona parte dei temi affrontati nella riflessione paciana. Se nel titolo proposto non ritroviamo la dizione fenomenologia ma tema dell'eros, è perchè: (a) Il tema dell'eros si sviluppa in un arco complessivo della produzione paciana che va dall'anno della tesi di laurea (1934) agli ultimi articoli del '73-'74. Espungere da questa una fase più specificatamente fenomenologica, ci sembra confliggere con l'interpretazione che qui cerchiamo di dare, che cioè Paci sia stato fenomenologo dall'inizio alla fine, nella misura in cui intendiamo per fenomenologia l'esercizio di una prassi. (b) Rispetto a questa oscillazione di significato, l'uso paciano del termine tema indica sempre l'oggetto della mia analisi attuale, del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi