Skip to content

Interpetazione geologica dei dati PSInSAR nel Piemonte settentrionale

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Antoniazzi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: scienze della terra
  Corso: Scienze geologiche
  Relatore: Claudia Meisina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 189

Il presente lavoro si inserisce nell’ambito di una collaborazione tra l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte (ARPA Piemonte) e il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Pavia finalizzata all’interpretazione di dati SAR satellitari elaborati con la tecnica dei Permanent Scatters (PSInSAR™) sull’intero territorio piemontese (25.000 Km²).
La Tecnica dei Diffusori Permanenti (Permanent Scatterers Technique), sviluppata e brevettata pressoil Politecnico di Milano, è un algoritmo per l’elaborazione dei dati acquisiti dai sensori radar di tipo
SAR (Synthetic Aperture Radar), montati a bordo di satelliti e costituisce un miglioramento delle tecniche classiche di interferometria radar differenziale.
I diffusori permanenti hanno caratteristiche tali da permettere misure accurate della loro distanza dal sensore (Il satellite), con la possibilità di apprezzare spostamenti di frazioni di centimetro.
Nel presente studio di tesi sono analizzati due dataset denominati Formazza ed Arona, corrispondenti alla parte settentrionale della Regione Piemonte.
Il presente lavoro vuole essere un contributo alla messa a punto di linee guida nell’analisi dei dati PSInSAR™ con il fine di quantificare i fenomeni deformativi che si sono verificati nell’arco temporale coperto dai dati.
L’obbiettivo della tesi è stata l’individuazione di aree anomale presumibilmente in movimento per motivi geologico-geofisici e l’interpretazione geologica preliminare del processo ritenuto responsabile del movimento integrando i dati PSInSAR™ con i dati geologici attraverso l’utilizzo dei Sistemi Informativi Territoriali. E’ stato inoltre creato un database delle aree in movimento in cui sono stati
inseriti tutti i dati relativi al fenomeno ed alla sua interpretazione geologica.
Il procedimento sviluppato nel presente studio di tesi ha previsto l’utilizzo ed il confronto di un metodo
visivo-manuale ed un metodo completamente automatico.
L’ultima fase del lavoro ha previsto l’interpretazione geologica di dettaglio di alcune aree anomale di particolare interesse attraverso l’analisi di una serie di dati più completi consistenti in rilevamenti di terreno e raccolata di dati stratigrafici e di monitoraggio con lo scopo di validare il metodo
evidenziandone pregi e difetti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 2 Inquadramento geologico 9 Capitolo 2 - INQUADRAMENTO GEOLOGICO L’area di studio comprende diversi ambienti geologici. Si passa dai sedimenti terrigeni del Quaternario nella Pianura Padana ai metagraniti della cupola di Verampio, considerato elemento zero delle falde Pennidiche secondo Argand. Lungo i versanti della Val d’Ossola in particolare si può osservare con continuità una sezione completa del basamento delle Alpi Meridionali e l’intera catena Alpina a vergenza europea, ad eccezione della Zona Elvetica. Dal punto di vista geo-morfologico si possono individuare due ambienti principali: l’area di pianura e l’area alpina, che viene distinta dal punto di vista strutturale in Alpi Meridionali (Sudalpino) e catena Alpina in senso stretto (Catena Alpina a vergenza europea). 2.1 AREA DI PIANURA La Pianura Padana rappresenta un bacino sedimentario compreso tra i due archi della catena Alpina ed Appenninica colmato da una coltre di depositi alluvionali terrigeni del Pliocene-Quaternario trasportati dal fiume Po e dai suoi affluenti. Durante le fasi orogenetiche terziarie il bacino padano costituiva un grande golfo la cui superficie è andata progressivamente riducendosi. Nell’area di studio il dominio della pianura interessa la porzione sud-orientale dei dataset, nella fascia limitata da Cameri ad est, Biella ad ovest e la fascia pedemontana a nord.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corner
dati
europa
frana
interferometria
monitoraggio
movimento
piemonte
ps
remote
riflettori
satellite
scatteromatri
sensing
subsidenza
telerilevamento
tre

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi