Skip to content

Salute e società: Italia e Belgio a confronto

Informazioni tesi

  Autore: Danilo Clavari
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze sociali per le Politiche, le risorse umane, l’organizzazione e la v
  Relatore: Giulio Moini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

Con questo lavoro di tesi sono stati comparati i modelli di protezione sociale ed i sistemi sanitari del Belgio e dell’Italia, alla luce dei mutamenti sociali in corso, di politiche e scelte organizzative differenti, in un quadro di scarsa sostenibilità finanziaria dei sistemi. L’analisi dello sviluppo e dei cambiamenti nei rispettivi sistemi di welfare in generale, della protezione sociale in particolare, ha tenuto conto anche del contesto internazionale, facendo emergere con più chiarezza i differenti modelli adottati dai due paesi. Il Belgio, che sin dai primi del ‘900 ha fatto del sistema bismarckiano il suo modello teorico e pratico, tutela i rischi sociali derivanti dall’attività lavorativa (infortuni sul lavoro, malattia, inabilità, ecc.) e la salute della popolazione attraverso l’assicurazione sanitaria obbligatoria ovvero le mutue. Diversa la situazione italiana: il sistema di protezione sociale italiano, ugualmente di tipo bismarckiano, è maggiormente frammentato nelle sue prestazioni, che appaiono inadeguate in alcuni casi, ad esempio la tutela contro la disoccupazione, oppure troppo costose, come nel caso delle pensioni; il sistema sanitario, in origine anch’esso di tipo bismarckiano, è stato progressivamente modificato fino a diventare un sistema di tipo beveridgiano, ossia universale e finanziato attraverso la fiscalità generale.
La ricerca nasce con l’obiettivo più generale di mostrare, attraverso la comparazione di due sistemi sanitari, come un sistema basato sulle mutue, quale è quello belga, possa configurarsi, in termini di prestazioni e servizi, universalistico qual è quello italiano.
L’ipotesi è che un sistema basato sull’affiliazione ad una mutua si prospetti universalista grazie ad un sistema di protezione sociale forte, capace di garantire anche alle fasce socioeconomiche più deboli, ai redditi più bassi e a quelle persone in uno stato di bisogno, il diritto alla salute per tutto il ciclo di vita.
In Belgio, il sistema si fonda su un regime assicurativo obbligatorio, secondo una concezione liberale della medicina. Il diritto alle cure mediche spetta in Belgio a tutte le persone facenti parte del regime di sicurezza sociale, attraverso l’affiliazione ad una mutua. Ogni affiliato paga una quota mensile e vengono previsti pagamenti agevolati per i redditi più bassi.
Dunque, tutti i lavoratori, salariati, del pubblico impiego, del privato o autonomi sono coperti dall’organismo assicuratore.
Tuttavia, il regime di sicurezza sociale belga non esclude i disoccupati, pensionati, beneficiari di forme di aiuto sociale, portatori di handicap, studenti e orfani ecc., né tutte quelle persone a loro carico: coniugi, coabitanti, figli, nipoti e pronipoti. In particolare, per coloro che hanno perduto la propria occupazione per cause indipendenti la loro volontà, esistono misure di accompagnamento che, da un lato, sostengono il disoccupato a livello economico e nel suo percorso di ricerca di una nuova occupazione, dall’altro, costituiscono un dispositivo di controllo sull’effettiva volontà del disoccupato di reinserirsi nel mercato del lavoro. Le prestazioni di disoccupazione rappresentano in Belgio il 12,2% delle spese totali per la protezione sociale, circa il doppio della media UE15 (6,2%), l’Italia spende il 2% sul totale.
Esiste, inoltre, un solido sistema di “aiuto sociale” erogato a livello comunale dai CPAS che si rivolge a tutte le persone in condizione non lavorativa le quali possono beneficiare della revenue d’intégration. Le fasce sociali che fanno ricorso a questi tipi di aiuto sono le più deboli. Viene offerta loro un’occupazione o una formazione al lavoro, un sostegno al reddito (che può prolungarsi per tutta la vita e molto spesso un progetto individualizzato d’integrazione sociale.
Per quanto riguarda le cure della salute, l’affiliazione ad una mutua, essendo obbligatoria, rimane tale anche per tutte quelle categorie che ricevono le tutele previste dal sistema di protezione sociale.
Queste misure consentono ai soggetti che ne beneficiano di iscriversi ad una mutua e di conseguenza ottenere le cure per la salute. Qualora non fosse presente in Belgio questo sistema di sostegno, difficilmente potrebbero vedersi garantite quelle prestazioni di cui oggi beneficiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 L‟evoluzione dei sistemi di welfare 1.1. I nuovi assetti di welfare: welfare state e welfare mix I moderni sistemi di welfare state si sviluppano in tutto il mondo occidentale attraverso un processo graduale, dalla rivoluzione industriale di fine ottocento, fino all‟ultimo dopoguerra e poi ancora per tutto il XX secolo. Il welfare state è considerato un modello di organizzazione dei poteri pubblici finalizzato a compensare i costi sociali ed economici delle dinamiche di competizione mercantile e tenta di raggiungere il suo obiettivo ultimo, vale a dire il contrasto alla povertà e ai principali rischi sociali, tenendo conto di alcuni criteri presupposti: un modello sociale, industriale e fordista; il tipo di rischi sociali che esso prevede (ripartiti lungo una traiettoria di classi sociali e periodi del ciclo di vita); le possibilità di mettere in campo modalità regolative atte a contrastare tale generi di rischi – ad esempio politiche sociali di tipo “assicurativo” - e più in generale su un rapporto stato-individuo che preveda una certa passività e subordinazione del secondo rispetto al primo. Gli strumenti attraverso i quali si tenta di realizzare tale modello fanno riferimento ai seguenti settori d‟intervento:  Politiche di garanzia e sostegno del reddito: rientrano sotto questa voce le misure definite “di sicurezza sociale”, gestite attraverso tre grandi sottoinsiemi: il sistema previdenziale; il sistema delle assicurazioni, in parte obbligatorie e in parte integrative; il sistema fiscale.  Politiche sanitarie: è possibile ricondurre le modalità con cui nei diversi paesi si gestisce questo settore a due modelli fondamentali: il 8

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

belgio
beveridge
bismarck
federalismo
italia
mutue
protezione sociale
regionalizzazione
salute
sanità
selettività
sicurezza sociale
ssn
universalismo
universalismo selettivo
welfare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi