Skip to content

Analisi del Bilancio Preventivo degli Enti Locali

Informazioni tesi

  Autore: Egidio Vergari
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Daniela Preite
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

La riforma, a cui stiamo assistendo a partire dai primi anni ’90 e che non è ancora del tutto conclusa, ha profondamente modificato la fisionomia della Pubblica Amministrazione (da ora in poi P.A.) nelle strutture, nei rapporti, nel funzionamento, nelle modalità di governo, nella cultura gestionale, nei sistemi informativi ed amministrativi.
Questo fenomeno, noto come aziendalizzazione della pubblica ammnistrazione nella letteratura italiana e come new public management (Npm) in quella internazionale, ha inevitabilmente interessato anche il sistema contabile. . .
Questo lavoro si prefigge l’obiettivo di verificare se le scelte di bilancio:
• corrispondano, in termini di quantificazione finanziaria, agli obiettivi che gli organi di governo intendono realizzare;
• costituiscano, nello stesso tempo, indicazioni e vincoli per l’attività dei dirigenti e dei responsabili dei servizi.
Da tali obiettivi scaturisce l’attenzione posta nel presente lavoro verso lo strumento dell’analisi del bilancio preventivo.
Il presente lavoro, pertanto, è strutturato in cinque capitoli:
1. il primo capitolo, illustra il processo di analisi di bilancio nel settore privatistico. Ciò in quanto è in tale contesto che è nata e si è sviluppata l’analisi di bilancio;
2. il secondo capitolo, introduce il sistema informativo-contabile degli Enti Locali e vuole approfondire il sistema degli indicatori finanziari applicabili al bilancio preventivo;
3. il terzo ed il quarto capitolo, hanno la stessa struttura e applicano gli approfondimenti teorici del precedente capitolo a due casi concreti rappresentati dai bilanci preventivi di due comuni leccesi;
4. il quinto capitolo evidenzia come sia possibile identificare nel benchmarking uno strumento attraverso il quale l’Ente Locale, attraverso l’analisi comparata con l’esperienza dei best-performer, possa ottenere informazioni utili alla valutazione delle proprie modalità di soddisfacimento dei bisogni del cittadino-utente-cliente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La riforma, a cui stiamo assistendo a partire dai primi anni ’90 e che non è ancora del tutto conclusa, ha profondamente modificato la fisionomia della Pubblica Amministrazione (da ora in poi P.A.) nelle strutture, nei rapporti, nel funzionamento, nelle modalità di governo, nella cultura gestionale, nei sistemi informativi ed amministrativi. Questo fenomeno, noto come aziendalizzazione della pubblica ammnistrazione nella letteratura italiana e come new public management (Npm) in quella internazionale, ha inevitabilmente interessato anche il sistema contabile. Decenni di uso improprio delle risorse pubbliche, di distrazione dell’azione pubblica dalla propria missione, fenomeni corruttivi e concussivi hanno aumentato a dismisura il debito pubblico e impoverito la qualità delle prestazioni della P.A.; va anche ricordato che, in questi anni, a seguito del processo di decentramento amministrativo, agli Enti Locali sono stati assegnati nuovi compiti che si sono aggiunti a quelli tradizionali e per il cui esercizio non sempre sono state trasferite le necessarie risorse anzi, queste ultime, sono andate progressivamente riducendosi. Il risultato di tutti questi cambiamenti, è una intensa produzione normativa rivolta ad affrontare i temi cruciali della riforma della P.A., anche sotto la spinta dell’esigenza di avvicinarsi agli ordinamenti più avanzati. Per quanto riguarda i comuni, una prima svolta si verifica con la L. n. 142/1990 sul nuovo ordinamento delle autonomie locali e con l’approvazione dei relativi statuti, per proseguire con il D.lgs. n. 29/1993 sulla riforma delle amministrazioni pubbliche e con la L. n. 81/1993 concernente l’elezione diretta dei sindaci e la nuova configurazione delle giunte locali. Uno dei cardini fondamentali, degli indicati provvedimenti di riforma, è rappresentato dal tentativo di risolvere il “conflitto storico” tra politici e funzionari, introducendo il principio della distinzioni delle funzioni tra organi di governo e dirigenti; infatti, secondo l’art. 3 del D.lgs. n. 29/1993 (confluito nel D.lgs. n. 165/2001 e s.m.i.) ai primi compete l’esercizio della funzione di indirizzo politico- 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi