Skip to content

Il valore delle testimonianze come nuova prospettiva nella conservazione e nel restauro dell’arte contemporanea. Voci a confronto tra interrogativi, problematiche e risoluzioni.

Informazioni tesi

  Autore: Benedetta Bodo Di Albaretto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Conservazione e Diagnostica di opere d'arte moderna e contemporanea
  Relatore: Antonio Rava
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 308

Il fascino che l’arte contemporanea ha esercitato su di me, dapprima come semplice spettatrice e poi in ragione dei miei studi specialistici nel settore della conservazione e della diagnostica delle opere d’arte moderne e contemporanee, mi ha portata a sviluppare una maggiore consapevolezza riguardo la complessità della sua natura. Infatti, le esperienze dell’arte contemporanea richiedono uno sforzo maggiore di analisi e di comprensione sia a chi ne fruisce ma anche e soprattutto a chi ha il ruolo di affiancarle, che si tratti dello storico dell’arte oppure, a più livelli, del conservatore.É proprio il suo linguaggio a volte ermetico a renderne difficile la comprensione e dunque la sua analisi e persino la sua conservazione, in quest’ultimo caso resa più complessa per via di un suo maggiore coinvolgimento con la tecnica e la tecnologia. Non é un mistero che la conservazione e il restauro delle opere d’arte contemporanee pongano a volte più problemi di quelli che si possono riscontrare intervenendo sulle opere antiche o moderne, in primo luogo a causa della varietà dei materiali e delle tecniche in uso. Va inoltre tenuto ben presente il lacunoso interesse che ha spinto storici dell’arte e soprintendenze ad interessarsi poco e male del contemporaneo, senza contare la carenza di comunicazioni tra queste figure e gli addetti del settore, restauratori in primis. A causa di questo atteggiamento le questioni tecniche sono state relegate per anni a vaghi accenni legati a studi diagnostici funzionali a interventi di restauro, il che spiega perché oggi risulti molto difficile reperire testimonianze utili: le fonti scritte esistenti sono rare e datate, soprattutto in Italia.
La distanza mantenuta sull’argomento da storici e critici ha prodotto un’ulteriore conseguenza, altrettanto grave, nell’universo dell’arte contemporanea: ha influito negativamente sul comportamento degli artisti nei confronti della definizione tecnica delle proprie opere. Vista la reticenza nel raccogliere e archiviare informazioni scritte sull’aspetto esecutivo del loro lavoro gli artisti stessi sono diventati refrattari ad affrontare spontaneamente l’argomento. Inoltre, spesso si rivelano impreparati ad accettare o semplicemente a consigliare il miglior intervento conservativo o di restauro per la propria opera, per esempio perché non ricordano il procedimento oppure la totalità delle componenti utilizzate.
É una considerazione dal peso non irrilevante, soprattutto se si considera che la testimonianza di un artista dovrebbe essere la chiave per qualunque porta nascosta nell’opera: materiali, messaggio, tecniche, provenienza, destinazione etc. Proprio da queste forme di collaborazione dovrebbe scaturire quella letteratura specifica valida come fonte oltre che come una “mappa di intervento”.
Con questo lavoro ci si propone di entrare nel vivo della questione, valutando le problematiche in relazione soprattutto a quello che sono le esperienze sin qui maturate da conservatori e restauratori.
É un cammino svolto sul campo, che non si serve solo di fonti teoriche, anzi, é impostato soprattutto sul confronto diretto con gli artisti e con gli addetti ai lavori, per approfondire temi e problematiche attraverso cui sia possibile generare nuovi punti di contatto e di forza.
Punto di questo elaborato é tracciare un excursus sulla storia della conservazione per l’arte contemporanea: dal ruolo del restauratore a quello del conservatore, dall’utilizzo sempre più audace di materiali e tecniche alle problematiche che ne derivano. Viene pertanto presa in considerazione anche la nascita di organismi come l’INCCA e Officine d’Arte.
A compendio di queste analisi sono state realizzate una serie di interviste e sono state raccolte testimonianze dirette che inquadrano il punto di vista del restauratore quanto del conservatore.
A rafforzare questo osservatorio sono state anche raccolte alcune interviste ad artisti, scelti tra quelli ho avuto l’opportunità di conoscere durante i due anni e mezzo di lavoro presso la MLB Home Gallery di Ferrara e durante i tre mesi di tirocinio presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino. Artisti tra di loro diversi per provenienza, generazione e linguaggio adoperato, ma in tal senso di grande supporto allo sviluppo di questo lavoro.
Le interviste che ho elaborato hanno una griglia strutturale omogenea che permette di individuare, per confronto, problematiche diverse per ogni artista.
L’elaborato si conclude con la presentazione di una scheda tecnica - una sorta di carta guida - realizzata sulla base delle informazioni raccolte attraverso le testimonianze raccolte: questa scheda si propone come strumento di utilità ai fini della conservazione, un tramite diretto tra artista e tecnico dell’arte.
É in sostanza il punto conclusivo di un’esperienza che ha inteso mettere a frutto le conoscenze maturate nel corso dei miei studi : la realizzazione di una carta di servizi che acquista in questa sede un valore sperimentale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
N%#!U(#N" I f  =                                    =                         * If    =     f             f            ff         =   >    *    é   f      =  =                   =  @@  * É              ff     q           q=    >                   *    q  é      ff          =         ff :       ff                $       é          =        $$ * I                 $     =               é       $      >    *  é            =       > $   q                                * I         q                              $  * 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte contemporanea
artista
arzuffi
bittente
bombardieri
cecchini
cinque
collezionista
conservazione
diagnostica
favelli
festi
intervista
lucietti
margutti
patrizia sandretto re rebaudengo
perrone
restauro
rubiku
scagnolari
scheda tecnica
tagliatti
toderi
tuttofuoco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi