Skip to content

Le prospettive del tessile tra moda e design. La cultura del progetto come futuro per il made in Italy.

Informazioni tesi

  Autore: Federica Palma
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: 23. Discipline delle arti, musica e spettacolo
  Relatore: Teresa Pasqui
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

Il rapporto tra i settori di moda e design sembrerebbe segnato da un'inconciliabile dicotomia per la quale, fino a qualche anno fa, l’universo dei designers e quello degli stilisti si mantenevano rigorosamente a distanza. I due gruppi si guardavano con reciproca diffidenza, espressa soprattutto da parte di alcuni designers che guardavano alla moda come puro stilismo e vuota espressione del lusso.
Questo secondo una visione esterna ed approssimativa, perché sin dall’inizio della produzione industriale vediamo il susseguirsi di artisti che non temono di invadere l’uno il campo dell’altro senza porsi limiti di sperimentazione. La storia ci mostra infatti, due settori che procedono l’uno accanto all’altro, in maniera parallela e che subiscono la reciproca influenza più o meno intensa a seconda del contesto storico-culturale in cui operano. Influenza arrivata ad essere, oggi, alla sua massima espressione: la moda ha, ormai, certamente assunto una connotazione progettuale e di marketing, e il design non può certo privarsi di peculiarità estetiche e “modaiole”, stagionali.
Tra moda e design si inserisce il tessuto, da sempre una costante nella progettazione degli oggetti: se tradizionalmente, per il design è un involucro-contenitore, per la moda è materia prima. Considerato una terra neutrale, il tessile, ha sempre trovato svariate possibilità di applicazione nell’uno e nell’altro settore, permettendo di conciliare quelle che sono le esigenze di entrambi.
La barriera tra moda e design sembrerebbe essere ormai, definitivamente caduta e il rapporto tra questi due mondi essere diventato sempre più stretto, se non addirittura irrinunciabile. Questi due settori, sempre più spesso, trovano spazi comuni di sviluppo, di comunicazione e di promozione. La tradizionale indifferenza si sta sgretolando, non senza resistenze, di fronte agli innegabili vantaggi che le sinergie tra design e moda possono portare sul piano dell'immagine, ma soprattutto della produzione e dello sviluppo del sistema nazionale nel suo complesso.
Il settore del Made in Italy sta attraversando una fase di molteplici trasformazioni dovute a mutamenti sociali derivati dall’impatto con la concorrenza mondiale. Le imprese per rimanere competitive, hanno reagito puntando sulla riorganizzazione interna e dei rapporti con gli attori della filiera facendo leva sull’innovazione, sulle nuove tecnologie e sulla creatività, caratteristica indispensabile soprattutto degli addetti al marketing, alla ricerca e sviluppo e alla progettazione.
L’ultimo decennio ha infatti visto mutare radicalmente quelle che erano le certezze dell’uno e dell’altro settore che si dirigono ora, verso un'unica direzione. Le creazioni di stilisti e designers si stanno orientando oggi, verso oggetti di alto valore in qualità, innovazione, funzionalità ed estetica. Oggetti che integrano moda, design e tecnologia grazie a quella risorsa tutta italiana della creatività, che costituisce un bene inimitabile e che si fonda su una tradizione consolidata. È in questi termini che la cultura del progetto rappresenta il futuro per il Made in Italy.
Il fenomeno della globalizzazione e il consumismo dell’ultimo decennio ha sostenuto un eccesso di informazione visiva, che ha portato alla necessità di voler consumare, anche visivamente, tutto e subito, con un veloce ricambio di gusto che non lasciava il tempo necessario per indagare oltre la superficie. Oggi siamo di fronte a una nuova estetica di oggetti più meditati, sia dal punto di vista estetico che funzionale, è una sorta di ritorno al passato, al valore dell’oggetto per il suo contenuto intrinseco.
È davvero raro vedere forme nuove e inedite nelle creazioni di moda o di design, l’innovazione passa oggi attraverso la materia che le costituisce, la superficie che le ricopre, in altre parole attraverso il tessuto. È nell’innovazione tessile che designers e stilisti dal XX secolo a questa parte, continuano a trovare nuova ispirazione.
In questa trasformazione l’innovazione tecnologica rappresenta l’imput più importante, negli ultimi anni i settori della ricerca estremi sono guardati con molto interesse, per trasferire nuovi materiali in oggetti, capi e accessori capaci di rispondere al bisogno di comfort del consumatore postmoderno, dando forma e funzione a un’innovazione che spesso è invisibile agli occhi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Capitolo I Moda e design: quale il rapporto?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art
arte
artisti
bio-tecnologie
creatività
creativity
design
e-textile
eco compatibile
estetica
fashion
lusso
made in italy
moda
nanni strada
nano-tecnologie
progetto
project
smart-textiles
sperimentazione
stilismo
tendenza
tessile
textile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi