Sessismo e omofobia in un campione di gay e lesbiche italiani: una ricerca correlazionale

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Domenico Berardi Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2636 click dal 23/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L’intolleranza verso i gruppi sociali più deboli o minoritari si esprime con il pregiudizio, gli stereotipi, la discriminazione, la violenza fisica e psicologica, l’emarginazione, la condanna.
Come vari ricercatori hanno teorizzato, alla base dell’intolleranza potrebbe esistere una matrice di fondo nell’individuo che lo porta a esprimere la sua intolleranza in varie forme. Sessismo, omofobia, razzismo e intolleranza verso le altre religioni possono quindi trovarsi (e spesso si trovano) in una stessa persona. Esisterebbe, cioè, una relazione tra le varie forme di intolleranza, che è stata effettivamente confermata da numerose ricerche e, con riferimento all’omofobia e al sessismo, è stata ampiamente documentata nella popolazione generale.
Non esistono, invece, sufficienti studi sulla presenza e sulle caratteristiche delle varie forme di intolleranza nei gruppi sociali più deboli o minoritari, come le minoranze sessuali o razziali. Questo comporta un’importante limitazione, in quanto non è possibile progettare interventi efficaci contro l’intolleranza se non se ne conoscono a fondo le dinamiche e le strategie che vengono attuate sia da chi agisce sia da chi subisce l’intolleranza.
Con questo lavoro abbiamo voluto fornire un contributo in questa direzione, misurando il sessismo e l’omofobia interiorizzata in un campione della popolazione non eterosessuale italiana.
Nella ricerca online, che si è svolta tra dicembre 2009 e febbraio 2010, sono stati raccolti 289 questionari validi, di cui 187 compilati da soggetti maschi e 102 da soggetti femmine. Le scale utilizzate sono state: la versione italiana dell’Ambivalent Sexism Inventory (ASI; Glick & Fiske, 1996); la Measure of Internalized Sexual Stigma for Lesbians and Gays (MISS-LG; Lingiardi, Nardelli, Baiocco, & Rollè, in corso di pubblicazione); la Marlowe & Crowne Social Desiderability Scale (MC-SDS; Crowne & Marlowe, 1960).
Lo studio ha mostrato che i livelli medi di sessismo misurati nel campione non eterosessuale italiano sono notevolmente inferiori a quelli rilevati nella popolazione generale. Questo dato indicherebbe una risposta virtuosa alle discriminazioni, alle violenze e alla condanna sociale di cui sono abitualmente fatte oggetto le minoranze sessuali. Il subire pregiudizi e trattamenti ingiusti e discriminatori non avrebbe cioè portato a una posizione astiosa e di rivalsa verso altre categorie sociali discriminate, come le donne, ma avrebbe invece favorito lo sviluppo di una maggiore sensibilità, una maggiore tolleranza e un maggior rispetto dell’unicità, della dignità e dei diritti di ogni individuo.
Per quanto riguarda i risultati correlazionali, è stata confermata l’associazione tra sessismo e omofobia, in questo caso interiorizzata. E’ stata inoltre evidenziata un’interessante relazione tra omofobia interiorizzata e orientamento sessuale: l’omofobia interiorizzata tende a diminuire tanto più ci si avvicina a un orientamento esclusivamente omosessuale. Sembrerebbe quindi che una scelta omosessuale netta consenta una maggiore auto accettazione e una migliore relazione con gli altri. Sono state anche confermate le relazioni, per certi versi attese, tra omofobia e rapporto con la religione e con l’orientamento politico, mentre non sono state evidenziate associazioni tra omofobia interiorizzata ed età anagrafica, provenienza geografica, titolo di studio, attività svolta e condizione economica dei soggetti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 9 INTRODUZIONE L’omofobia e il sessismo sono stati oggetto di un ampio studio nella ricerca psicosociale, con particolare riferimento alla popolazione generale (per limitarsi solo ai lavori più recenti.: Brown & Groscup, 2009; Newcomb & Mustanski, 2010; Frost & Meyer, 2009; McCann, Minichiello, & Plummer, 2009; Moradi et al., 2010; Bowers, Minichiello, & Plummer, 2010; Madureira, 2007; Fields, Swan, & Kloos, 2010; Travaglia, Overall, & Sibley, 2009; Allen, Swan, & Raghavan, 2009; Dardenne, Dumont, & Bollier, 2007; Leaper & Brown, 2008; Martínez, Paterna, Roux, & Falomir, 2010; Swim & Hyers, 2009). Come vedremo in maggior dettaglio, l’omofobia rappresenta una disposizione negativa nei confronti delle persone e delle esperienze omosessuali, mentre il sessismo esprime tale negatività – con atteggiamenti sia ostili sia benevoli – nei confronti delle donne. Omofobia e sessismo sono stati indicati da Aosved, Long e Voller (2009) come forme di intolleranza, insieme al razzismo, al classismo, all’intolleranza religiosa, all’intolleranza verso gli anziani (ageism) e a tutti gli altri atteggiamenti che sono caratterizzati dalla mancanza di riconoscimento e di rispetto per i diritti e per le scelte fondamentali degli altri. L’intolleranza si esprime attraverso i pregiudizi, gli stereotipi, lo stigma sociale, la discriminazione e la violenza e ha come risultato quello di mantenere in stato di oppressione i gruppi minoritari o più deboli (Lott e Maluso, 1995). Diverse posizioni teoriche suggeriscono l’esistenza di una radice comune nelle