Skip to content

La crisi finanziaria: cause, conseguenze e responsabilità

Informazioni tesi

  Autore: Carmine Di Costanzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Emilia Di Lorenzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

Il 2007 ha visto lo scoppio di quella che da molti è stata definita, la più grande crisi dalla Grande Depressione ad oggi con forti turbolenze nei mercati finanziari e gravi ripercussioni sull’economia reale. La crisi finanziaria ha avuto origine negli Stati Uniti, ma si è rapidamente diffusa in tutto il mondo, costringendo le Banche Centrali e i Governi a intervenire per evitare il fallimento di diversi istituti di credito e per salvaguardare l’esistenza del sistema finanziario. La crisi del 2007 passerà alla storia come “la crisi dei mutui subprime”. I subprime sono mutui concessi a soggetti con un basso merito creditizio, in quanto, hanno avuto problemi pregressi nella loro storia di debitore. In realtà i fattori scatenanti sono diversi, infatti,la crisi dei mutui subprime è stata preceduta, nell’ultimo decennio, da altre crisi finanziarie quali il collasso dell’hedge fund Long Term Capital Management (1998) e la bolla delle dot-com e high-tech (2000-2001). Per le conseguenze che tali crisi avrebbero potuto generare sull’intero sistema economico, le banche centrali (in particolare la Federal Reserve) sono intervenute attuando una politica monetaria espansiva, immettendo nel sistema cospicui capitali con conseguente abbassamento dei tassi d’interesse.
I bassi tassi di interesse, hanno incentivato le famiglie americane a contrarre mutui, soprattutto per l’acquisto di case, la forte domanda di immobili ha generato un incremento dei prezzi degli stessi, favorendo lo scoppio di una bolla speculativa nel settore immobiliare.
Contemporaneamente,le banche hanno contribuito ad accelerare il processo di propagazione della crisi attraverso il massiccio ricorso ad operazioni di cartolarizzazione(operazione consistente nello smobilizzo di un portafoglio di crediti o di altre attività, attraverso la loro conversione in titoli negoziabili sul mercato).
L’obiettivo di questo elaborato è spiegare le origini della crisi e i meccanismi di propagazione(Capitolo 1 e 3), gli effetti sull’economia reale e gli interventi operati dalle Banche centrali e dai Governi per arginarla(Capitolo 2).
L’ultimo capitolo della tesi, il quarto, tratta il fallimento della banca statunitense Lehman Brothers, la trattazione mette in evidenza il ruolo centrale delle banche nella crisi, il caso di studio verte su Lehman perché è stata l’unica banca che il governo americano ha lasciato fallire, mentre ha salvato le altre, tuttavia anche altri primari istituti di credito avevano concesso mutui subprime e, come Lehman, avevano nei loro bilanci titoli spazzatura che dopo lo scoppio della bolla dei mutui ad alto rischio non avevano più valore, molti sarebbero stati i default se il governo statunitense non fosse intervenuto con forti iniezioni di liquidità a sostegno delle banche in crisi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il 2007 ha visto lo scoppio di quella che da molti è stata definita, la più grande crisi dalla Grande Depressione ad oggi con forti turbolenze nei mercati finanziari e gravi ripercussioni sull’economia reale. La crisi finanziaria ha avuto origine negli Stati Uniti, ma si è rapidamente diffusa in tutto il mondo, costringendo le Banche Centrali e i Governi a intervenire per evitare il fallimento di diversi istituti di credito e per salvaguardare l’esistenza del sistema finanziario. La crisi del 2007 passerà alla storia come “la crisi dei mutui subprime”. I subprime sono mutui concessi a soggetti con un basso merito creditizio, in quanto, hanno avuto problemi pregressi nella loro storia di debitore. In realtà i fattori scatenanti sono diversi, infatti,la crisi dei mutui subprime è stata preceduta, nell’ultimo decennio, da altre crisi finanziarie quali il collasso dell’hedge fund Long Term Capital Management (1998) e la bolla delle dot-com e high-tech (2000-2001). Per le conseguenze che tali crisi avrebbero potuto generare sull’intero sistema economico, le banche centrali (in particolare la Federal Reserve) sono intervenute attuando una politica monetaria espansiva, immettendo nel sistema cospicui capitali con conseguente abbassamento dei tassi d’interesse. I bassi tassi di interesse, hanno incentivato le famiglie americane a contrarre mutui, soprattutto per l’acquisto di case, la forte domanda di immobili ha generato un incremento dei prezzi degli stessi, favorendo lo scoppio di una bolla speculativa nel settore immobiliare. Contemporaneamente,le banche hanno contribuito ad accelerare il processo di propagazione della crisi attraverso il massiccio ricorso ad operazioni di cartolarizzazione(operazione consistente nello smobilizzo di un portafoglio di crediti o di altre attività, attraverso la loro conversione in titoli negoziabili sul mercato).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agenzie di rating
asset backed security
banche centrrali
bce
cartolarizzazione
cause dlla crisi
cdo
collateralized debt obligation
credit default swap
crisi dei subprime
crisi di liquidità
federal funds rate
federal reserve
il ruolo delle banche
intervento dei governi
lehman brother
mortgage backe security
mutui subprime
politica dei tassi bassi
propagazione della crisi
tarp
titoli tossici
troubled asset relief program

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi