Skip to content

Applicazione di SRG per il rinforzo strutturale: selezione delle matrici e sperimentazione su travi in cemento armato

Informazioni tesi

  Autore: Marco Libralon
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Edile
  Relatore: Francesca Da Porto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 221

Lo scopo di tale ricerca è valutare il comportamento e l’efficacia delle fibre SRG, da utilizzare come rinforzo a flessione di travi in calcestruzzo armato ripristinate al lembo teso.
La sperimentazione si divide in due momenti.
Il primo momento prevede di determinare la resistenza allo strappo dei compositi SRG.
Nella seconda parte della sperimentazione vengono utilizzate le fibre scelte in precedenza e applicate come rinforzo su delle travi in cemento armato ripristinate al lembo teso. Queste travi vengono sottoposte a prove di flessione statica per poter valutare il loro comportamento e l’apporto che l’applicazione delle fibre può dare nell’aumento di portanza e di deformabilità della trave.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il calcestruzzo armato, dopo circa un secolo di vita, manifesta la sua vulnerabilità a causa della qualità del materiale, all'azione del tempo, alle condizioni ambientali o alla perdita delle prestazioni meccaniche provocate da eventi straordinari e da errate previsioni progettuali. Per questi motivi, negli ultimi, anni è cresciuto l'interesse per il degrado ed il ripristino delle strutture in calcestruzzo armato per salvaguardare il patrimonio edilizio esistente o per renderlo fruibile anche dopo un suo degrado o, ancora, quando si dovesse presentare la necessità di richiedere alla struttura maggiori prestazioni sia meccaniche che deformative. E’ sensazione comune che i processi edilizi saranno sempre più rivolti verso la riqualificazione e il rinforzo di strutture esistenza. Attualmente sono disponibili una serie di materiali di ripristino che sono stati formulati per rispondere alle esigenze relative ad una varietà di ambienti e di interventi. Negli ultimi anni si sono sviluppati, in particolare, i materiali compositi i quali hanno trovato largo impiego nel campo dell’Ingegneria civile, in applicazioni relative sia a strutture di nuova costruzione che ad edifici già esistenti. I sistemi di rinforzo realizzati con fibre di carbonio o fibre di vetro accoppiate a matrici organiche (resine epossidiche) denominati FRP (Fiber Reinforced Polymer), sono quelli più utilizzati. Tali compositi sono quelli che maggiormente sono stati approfonditi attraverso ricerche sperimentali che hanno permesso di chiarirne il comportamento e svilupparne dei modelli di calcolo. Vengono utilizzati in diversi settori come quello navale, aeronautico e militare dove vengono sfruttati per la loro ineguagliabile resistenza specifica (resistenza a trazione per unità di peso), per il binomio resistenza-leggerezza, che determina alte prestazioni e bassa invasività dell’intervento sulla struttura esistente. Agli ulteriori e innegabili vantaggi di intervento con tali compositi, come la facilità di trasporto, la resistenza alla corrosione, la reversibilità dell’intervento di rinforzo, corrispondono, tuttavia, alcune limitazioni: la matrice epossidica, con la quale vengono applicati, presenta, infatti, scarsa resistenza al fuoco (T<80°) e richiede, per la sua corretta polimerizzazione, assenza di umidità e temperature ambientali comprese tra i 5° e i 25°C; la superficie di applicazione deve essere perfettamente planare per evitare distacchi del rinforzo. L’applicazione di queste tipologie di rinforzo richiede, inoltre, maestranze altamente specializzate. In questo contesto quindi, si affacciano ora nuove generazioni di rinforzi. A gli ormai “classici” FRP, si affiancano ora gli FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrix) e gli SRG (Steel ReinforcedGrout) che sfruttano sia le eccezionali proprietà di fibre di nuova concezione come quelle in PBO (Poliparafenilenbenzobisoxazolo), sia un materiale come l’acciaio, che, per quanto comune nel campo dell’edilizia, viene caratterizzato da lavorazioni innovative che ne migliorano le prestazioni meccaniche. Tutte queste nuove tipologie di compositi, nonostante siano state annoverate con nomenclature così differenti, sono però accomunate dall’elemento che ne permette il funzionamento e l’adesione al supporto: la matrice cementizia. Gli SRG sono un metodo giovane e alternativo di rinforzo o ripristino strutturale, che coniuga i vantaggi connessi all’utilizzo dei materiali compositi, quali l’uso di una fase fibrosa ad alta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

c.a.
cemento armato
fiber reinforced polimer
frp
matrici
matrici cementizie
ripristino
srg
steel reinforced grout
travi
travi in c.a.

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi