Skip to content

Basket, handicap e qualità della vita

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Discalzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Enrico Molinari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

L’idea ed il progetto di questo lavoro sono sorti principalmente da una grande passione personale per il gioco del basket e dalla constatazione dell’esistenza di un vuoto istituzionale, a livello universitario, per ciò che concerne la psicologia dello sport.
Durante lo svolgimento si è poi concretizzata una terza motivazione importante: l’opportunità di sfruttare le competenze maturate nel corso delle tre EPG sostenute durante l’iter universitario. Infatti, l’occasione di visitare un centro riabilitativo per l’infanzia ha permesso di condensare, nella costruzione di uno strumento di indagine ed osservazione, le conoscenze accumulate nelle tre esperienze suddette: il tema dell’osservazione dall’EPG di “Teorie e Tecniche dell’Osservazione del Comportamento Infantile”, la costruzione e l’impiego di uno strumento osservativo dalle EPG di “Psicologia dell’Handicap e della Riabilitazione” e di “Psicologia Clinica”.
L’intento del lavoro è di indagare il rapporto che intercorre in Italia fra la pratica del basket e il mondo dell’handicap (fisico e mentale), partendo dalla disamina del concetto di Qualità della Vita (QdV), e di proporre alcune soluzioni per incrementare le tuttora scarse interazioni fra i due ambiti.
Il concetto di QdV, complesso e multidimensionale, si sta diffondendo, in campo medico e psicologico, come criterio-guida ed obiettivo finale degli interventi terapeutici e riabilitativi; purtroppo la sua definizione è tutt’altro che univoca, benché le dimensioni che lo compongono vengano unanimemente considerate dalla letteratura come appartenenti alle tre grandi sfere dell’esistenza umana: biologica, psicologica e sociale.
Lo sport, un’altra realtà che racchiude un ventaglio sterminato di esperienze diverse, influenza positivamente le dimensioni più chiamate in causa dalla ricerca scientifica in merito al concetto di QdV. Il basket, all’interno dello sport, ha delle caratteristiche che lo rendono una disciplina di squadra particolarmente completa, stimolante (per la mente e il fisico) e adatta per essere praticata da individui disabili fisici e psichici (a condizione che venga approcciata, nei limiti del possibile, con motivazione intrinseca, o perlomeno curiosità ed interesse, dal soggetto invalido). Si badi bene che la pallacanestro è solo uno dei tanti sport proponibili, non è a priori migliore o peggiore di altri e non ha nessuna valenza terapeutica di per se stesso, ma ha semplicemente delle peculiarità che lo valorizzano. Esso, infatti, quale attività di squadra, influenza due dimensioni della QdV particolarmente importanti per le persone disabili, poichè connesse direttamente con gli obiettivi primi degli interventi riabilitativi: l’integrazione sociale e l’autonomia/autodeterminazione.
La pallacanestro applicata all’handicap può complessivamente venire distinta in due ambiti, a seconda del tipo di handicap (fisico o mentale) a cui si rivolge e degli obiettivi che si pone:
· il basket in carrozzina come attività sportiva ricreativa fonte di piacere e divertimento (al pari del basket in piedi per le persone “normodotate”), che contribuisce al miglioramento della QdV dei disabili prevalentemente fisici con menomazioni ineliminabili (paraplegici, poliomelitici, amputati, etc.);
· il basket come attività sportiva integrata con le altre componenti di un progetto riabilitativo per individui con handicap soprattutto mentale (è il caso che verrà presentato, unico in Italia, del Centro di Terapia Integrata per l’Infanzia “La Lucciola” di Ravarino, in provincia di Modena).
La situazione complessiva di entrambi gli ambiti non è delle più rosee ed a complicare le cose c’è il fatto che le ragioni più macroscopiche alla base di essa (la mentalità della gente, che rende complicata una reale integrazione sociale degli individui disabili, e la scarsa diffusione del basket in tutta la Penisola) sono difficilmente modificabili in tempi brevi. Comunque, in questa sede verranno proposte alcune possibili soluzioni per incrementare la diffusione del basket in carrozzina e per far sì che l’esperienza positiva e stimolante del Centro “La Lucciola” non rimanga un caso isolato nel già non esaltante (per qualità e quantità) panorama del rapporto fra sport (basket) e riabilitazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE INTRODUZIONE L’idea ed il progetto di questo lavoro sono sorti principalmente da una grande passione personale per il gioco del basket e dalla constatazione dell’esistenza di un vuoto istituzionale, a livello universitario, per ciò che concerne la psicologia dello sport. Durante lo svolgimento si è poi concretizzata una terza motivazione importante: l’opportunità di sfruttare le competenze maturate nel corso delle tre EPG sostenute durante l’iter universitario. Infatti, l’occasione di visitare un centro riabilitativo per l’infanzia ha permesso di condensare, nella costruzione di uno strumento di indagine ed osservazione, le conoscenze accumulate nelle tre esperienze suddette: il tema dell’osservazione dall’EPG di “Teorie e Tecniche dell’Osservazione del Comportamento Infantile”, la costruzione e l’impiego di uno strumento osservativo dalle EPG di “Psicologia dell’Handicap e della Riabilitazione” e di “Psicologia Clinica”. L’intento del lavoro è di indagare il rapporto che intercorre in Italia fra la pratica del basket e il mondo dell’handicap (fisico e mentale), partendo dalla disamina del concetto di Qualità della Vita (QdV), e di proporre alcune soluzioni per incrementare le tuttora scarse interazioni fra i due ambiti. Il concetto di QdV, complesso e multidimensionale, si sta diffondendo, in campo medico e psicologico, come criterio-guida ed obiettivo finale degli interventi terapeutici e riabilitativi; purtroppo la sua definizione è tutt’altro che univoca, benchè le dimensioni che lo compongono vengano unanimemente considerate dalla letteratura come appartenenti alle tre grandi sfere dell’esistenza umana: biologica, psicologica e sociale. Lo sport, un’altra realtà che racchiude un ventaglio sterminato di esperienze diverse, influenza positivamente le dimensioni più chiamate in causa dalla ricerca scientifica in merito al concetto di QdV. Il basket, all’interno dello sport, ha delle caratteristiche che lo rendono una disciplina di squadra particolarmente completa, stimolante (per la mente e il fisico) e adatta per essere praticata da

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi