Credenze religiose e popolari nel territorio Mondragonese

Diploma di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Modestina Pacifico Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 856 click dal 09/05/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

La presente ricerca ha avuto l’obiettivo di tracciare un preciso percorso culturale della città di Mondragone. Il percorso individuato ha interessato maggiormente la sfera religiosa e popolare del popolo mondragonese. Quindi i motivi che hanno spinto alla scelta di questo lavoro i derivano dalla forte voglia di percorrere un cammino fortemente religioso ossia di tracciare un percorso ricco di cultura, tradizione, folklore, religione e superstizione. In altre parole la motivazione risiede anche nella curiosità di conoscere un vasto patrimonio culturale della città in esame, poiché è stato un aspetto a volte trascurato dagli abitanti stessi, e perciò è stato utile riprendere vecchi documenti, testi locali e testimonianze per costruire le basi essenziali di questo lavoro. Ma per poter arrivare alla designazione di questo iter è stato necessario effettuare indagini diversificate. Si è partiti dalla ricerca di scritti presso biblioteche comunali, universitarie e scolastiche;da tale ricerca sono emessi dati che sono serviti per la ricostruzione storica e antropologica dell’argomento oggetto di tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro trae spunto da un’osservazione di G. Giordan, secondo il quale ‹‹ la persistenza della religione nel mondo contemporaneo si inserisce all’interno di un nuovo panorama sociale e culturale più complesso del precedente, che costringe a ricomprendere il rapporto con il sacro in termini difficilmente paragonabili al contesto del mondo tradizionale›› 1 . In tale senso la domanda di fondo è se, nel caso di Mondragone, attualmente, si sia di fronte a forme di religiosità e devozione popolare ‘tradizionali’ o non piuttosto, almeno nell’oggi, ad una loro ‘reinterpretazione’ e rivisitazione in chiave di attualità. Lo studio della devozione popolare a Mondragone (culti, feste, etc.) - considerato nelle sue relazioni con la vita contadina - non potrà poi che prendere le mosse dall’analisi della religiosità della comunità. Tale religiosità ha finito per permeare, come si avrà modo di vedere, ogni aspetto della vita sociale ed ha lasciato tracce e vestigia ‘fisiche’ nell’intero territorio. La religiosità mondragonese sarà analizzata, quindi, in rapporto alla ‹‹maniera di una collettività di credere solidamente nei principi della fede cattolica, il modo in cui la gente vi si è rapportata nei diversi frangenti della sua storia››. Del resto gli aspetti sociali del fenomeno religioso, in ambito mondragonese appaiono evidenti. Secondo Valente ‹‹il culto di Dio era divenuto l’unico bene inalienabile di cui la persona poteva pienamente godere e, nel frattempo, era il modo migliore per comprendere la propria esistenza, magari nell’attesa di una vita migliore in una realtà 4 1 Giordan G., Introduzione. Dall’osservanza religiosa alla ricerca spirituale, in, Giordan G. (a cura di), Tra religione e spiritualita: il rapporto con il sacro nell’epoca del pluralismo, F.Angeli, Milano, 2006, p.18. Valente C., Mondragone Sacra. Viaggio nella memoria dello spirito, Caramanica Editore, Marina di Minturno, 2005, p. 14.