Skip to content

Psicologia e cure palliative. Storie famigliari di pazienti neoplastici in fase terminale.

Informazioni tesi

  Autore: Sara Spada
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia clinica e di comunità
  Relatore: Giuseppe Andreis
Coautore: Paola Minacapelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 237

Il nostro contesto di osservazione, l’UOCP dell’ASL 12 di Biella, ci ha permesso di avvicinarci ad una nuovo filosofia, quella delle cure palliative, per cui il paziente è al centro dell’attenzione e deve essere accolto come persona, come individuo unico con una storia irripetibile.
Abbiamo potuto, così, modificare l’idea si ha dell’ospedale: non solo un luogo di sofferenza che spaventa, ma come una struttura che accoglie, quasi una “grande madre” per il paziente, gli operatori e, in un certo senso, anche per noi.
All’interno del dipartimento oncologico, con la collaborazione delle sue diverse unità operative dipartimentali, sono previsti progetti che si propongono di accogliere il malato, al centro dell’interesse della filosofia palliativa, dalla diagnosi di malattia, alla morte e al sostegno del lutto dei famigliari.
A settembre, sempre nell’ottica di porre al centro dell’attenzione il paziente, è prevista l’organizzazione di servizi come il “Patient Service” e i “Gruppi Interdisciplinari Cure” che rappresentano la risposta concreta alla filosofia dell’accoglienza e dell’accudimento.
Il Patient Service è una struttura interdipartimentale, gestita dall’oncologia, che prevede di fornire al paziente tutte le risposte a partire dalle indicazioni riguardanti la diagnosi, il decorso della malattia e i trattamenti, evitando al paziente inutili ed estenuanti ricerche all’interno dell’ospedale.
Il GIC, invece è un gruppo interdisciplinare, un équipe altamente specializzata, composto dall’oncologo, il patologo, lo psicologo e il riabilitatore.
Ogni GIC si specializza su una tipologia di cancro, per tanto ci saranno GIC per tumori intestinali, per localizzazioni epatiche, cerebrali, polmonari e così via.
Si verifica, con queste proposte, un’accoglienza di tipo cognitivo quando vengono fornite le informazioni necessarie per poter combattere o accettare la malattia, ma anche un’accoglienza emotiva perché il malato si sente accompagnato nel suo percorso di malattia e l’intervento diventerà “cucito” su misura su quel paziente, vero protagonista attivo nella gestione della sua malattia.
Anche i volontari svolgono la loro attività di accoglienza in reparto, in day hospital e nell’assistenza domiciliare, seguendo, così, i pazienti con la loro presenza, vicinanza, affetto.
Per quanto riguarda gli operatori, trovano momenti di contenimento già all’interno dell’équipe che permette di confrontare le esperienze umane e professionali e di fornire un sostegno per le assistenze più problematiche.
Un altro momento riguarda la supervisione psicologica in cui si dà più spazio alle problematiche emotive e relazionali che gli operatori sono meno preparati ad affrontare.
Infine per quanto riguarda noi, possiamo dire di esserci sentite accolte sia dall’équipe multidisciplinare che dal gruppo dei pazienti e famigliari.
La prima esperienza ci ha permesso di sentirci accolte, come succede al paziente, più da un punto di vista cognitivo perché abbiamo potuto vedere come opera l’équipe e come vengono assistiti i pazienti secondo la nuova filosofia delle cure palliative.
Nel secondo caso, invece, abbiamo partecipato ad un livello più emotivo e coinvolgente ai racconti di chi è stato colpito, direttamente o indirettamente, da questa terribile malattia.
In questa esperienza siamo venute a contatto con temi molto delicati quali: la morte, la sofferenza, la perdita e il distacco.
Non abbiamo avuto, però, un contatto diretto con queste tematiche perché il nostro ruolo è stato quello di osservatrici, sia alle riunioni d’èquipe che a quelle dei pazienti e famigliari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 83 -83  INTRODUZIONE Nel 1999 siamo venute a conoscenza dell‟esistenza di una nuova filosofia all‟interno del campo medico che inizia ad operare quando “non c‟è più niente da fare” per il tecnico e per la terapia rivolta alla guarigione. Le cure palliative rappresentano un‟attitudine che si traduce in un‟attenzione rivolta prima alla persona, poi alla malattia, consistono in attività rivolte al malato e alla sua famiglia, rispondendo ai loro reali bisogni nell‟ottica di salvaguardare la dignità della persona e la qualità di vita del malato. Uno dei bisogni principali del paziente terminale risulta essere quello di morire nella propria abitazione e circondato dagli affetti più cari; questa necessità di vicinanza e conforto viene soddisfatta pienamente dai programmi domiciliari, garantiti dalle équipes di cure palliative. Questi temi hanno, da subito, suscitato in noi grande interesse perché, pur essendo apparentemente scontate la priorità del malato sulla malattia e la legittimità di voler trascorrere gli ultimi giorni di vita a casa, nella pratica questo non avveniva e si moriva in ospedali soli e nascosti da un paravento. Abbiamo iniziato, così, a documentarci utilizzando sia i principali testi inerenti questo argomento, sia numerose informazioni presenti su internet. Il nostro lavoro si articola in tre parti: la prima di carattere esclusivamente bibliografico, la seconda calata nella realtà biellese e la terza “esperienziale”. La prima parte è suddivisa in tre capitoli: nel primo capitolo, dopo aver definito la filosofia delle cure palliative, compiamo un breve excursus storico del loro sviluppo in Italia e nel mondo. Segue un paragrafo dedicato a coloro che beneficiano delle cure palliative e alcuni studi, in ambito psicologico, compiuti in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi