Skip to content

Le conseguenze della legislazione antiterrorismo sull'equilibrio tra i poteri nel sistema delle istituzioni americane.

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Furcas
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Patrizia Audenino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

A quasi dieci anni di distanza dagli attentati alle Torri Gemelle e al Pentagono, eventi che hanno sconvolto tutto il mondo, è sorta in me la curiosità su come quanto avvenuto avesse avuto ripercussioni profonde, se e in quale misura esse fosseroirreversibili, sul piano interno degli Stati Uniti, e su quali fattori si siano imperniate le iniziative statunitensi a livello internazionale, in quanto queste hanno coinvolto svariati Paesi. Ha avuto anche un ruolo la constatazione che pur con l’importante elezione di Obama a presidente degli Stati Uniti non ci si sarebbe in ogni caso potuto attendere uno sconvolgimento delle politiche di George W. Bush, e anzi come si vedrà esiste una sostanziale continuità.
Politiche che com’è ovvio che fosse hanno suscitato molte polemiche sia in ambito nazionale che internazionale. Gli “addetti ai lavori” si sono subito resi conto che la portata degli eventi dell’11 settembre aveva convinto l’Esecutivo statunitense della necessità di una forte azione di contrasto al terrorismo, che non esitasse a sacrificare la delicata sfera della tutela dei diritti fondamentali. Il terremoto non ha coinvolto solo quell’ambito, ma anche quello della separazione dei poteri, da sempre uno dei pilastri su cui si fonda la dottrina costituzionale statunitense. La presidenza di George W. Bush è forse quella che nella storia ha più polarizzato la vita politica statunitense: da una parte i cosiddetti neoconservatori (neocon), con il pieno sostegno all’azione del governo, dall’altra i liberal ma anche le associazioni non governative (come l’American Civil Liberties Union, che citeremo in questo testo), assolutamente ostili nei confronti dell’operato dell’ex governatore del Texas. Intellettuali e storici si sono interrogati sulla questione del giusto bilanciamento tra sicurezza nazionale e tutela dei diritti individuali, offrendo spesso un punto di vista negativo sul concreto agire dell’Esecutivo.
Altra questione è quella legata alla dottrina dello stato di emergenza (in cui gli Stati Uniti si trovano ininterrottamente dal 2001) e alla separazione dei poteri. L’analisi in questo caso si è concentrata sull’inadeguatezza della legislazione d’emergenza vigente, da una parte, e sull’inusitato ampliamento delle prerogative dell’Esecutivo, dall’altra.
Ma non è solo l’azione legislativa interna ad aver fatto parlare di sé: la cosiddetta dottrina Bush, con la rilevanza attribuita alla guerra preventiva e l’insistere sull’unilateralismo piuttosto che sul multilateralismo, hanno scatenato il dibattito anche in merito all’ambito internazionale delle politiche di Bush, vieppiù in un contesto grandemente modificato (e quindi in larga parte inedito) dalla globalizzazione. In un mondo profondamente segnato da essa è inevitabile che il nuovo “ambiente” eopolitico, le nuove sfide politiche, sociali ed economiche, non solo abbiano un impatto devastante, ma condizionino l’agire degli Stati, e così è stato nel caso degli Stati d’Uniti d’America e della lotta al terrorismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO 1 LA “GLOBAL WAR ON TERROR” DEGLI STATI UNITI: PECULIARITA’ E PROBLEMI DI DEFINIZIONE 1.1 “Guerra” al terrore? All'indomani dei tragici eventi dell'11 settembre, urgeva naturalmente una risposta immediata da parte del governo degli Stati Uniti. La peculiarità di un attacco terroristico non è data soltanto dalla sua portata violenta, dal carico di vittime e dell'impatto psicologico che si porta dietro, ma sta anche nel fatto che non può essere catalogato né come un atto di guerra, né come crimine o reato. Difatti, per quanto concerne il primo punto, non si ha ovviamente a che fare con un'organizzazione statale dotata di sovranità, e la definizione di “guerra al terrorismo” non può apparire che retorica 9 (oltre che priva di fondamento giuridico). Altresì non si può parlare di vera e propria organizzazione criminale quando si ha a che fare con i terroristi. Qui la discriminante sta nei fini dell'azione terroristica: la sua è una minaccia, una destabilizzazione al senso di sicurezza collettivo, cosa piuttosto distante da un'organizzazione criminale, per quanto possa essere pericolosa. Sta di fatto però, e in questo sta il nodo centrale di questo primo capitolo, che la risposta data dal governo statunitense è stata quasi interamente militare, in due direzioni: primo, un’azione diretta contro l'Afghanistan, reo di aver ospitato, e dato rifugio a, i membri dell'organizzazione di Al Qaeda. Tra l'altro qui si osserva un allontanamento dal tradizionale concetto di responsabilità statuale, non essendo mai state fornite le prove di un collegamento tra Afghanistan e Al Qaeda, cosa che, ai sensi della risoluzione approvata nel 1974 dall'Assemblea Generale dell'ONU 10 , avrebbe configurato un atto di aggressione nei confronti degli Stati Uniti, legittimandone così l'azione militare (approfondiremo più avanti tale aspetto in questo capitolo). 9 Introduzione di A. Ferrara in B. Ackerman, La Costituzione di emergenza, Roma, Meltemi Editore, 2005, p. 11 10 Risoluzione 3314 dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Definition of Aggression, 14 dicembre 1974, XXIX a sessione. Reperibile all'indirizzo: http://untreaty.un.org/cod/avl/ha/da/da.html

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

usa
11 settembre
fbi
guerra asimmetrica
obama
war on terror
guantanamo
costituzione di emergenza
stato di emergenza
patriot act
equilibrio dei poteri
terrorismo
al qaeda
bush
legislazione antiterrorismo
cia
corte suprema
torri gemelle
stati uniti
iraq
afghanistan

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi