Skip to content

La resistenza dieci anni dopo: i riflessi del dibattito storiografico nella stampa di partito e indipendente

Informazioni tesi

  Autore: Luca Tedesco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1993-94
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Pietro Scoppola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 340

Alla luce del nesso storia-politica il mondo della stampa assume a nostro avviso un ruolo assai significativo. Esso, difatti, come avremo modo di vedere nel corso dell'esposizione, nella sua opera di diffusione e volgarizzazione delle varie letture storiografiche, non si limiterà a ripetere "senza mediazioni le parole d'ordine dei partiti", ma si distinguerà anche per una capacità di selezione e di "adeguamento" dei risultati storiografici alle mutevoli esigenze politiche (ed in questa operazione non fu estranea anche la cosiddetta stampa indipendente). Ricercare ragioni e modalità di tale processo è stato quindi uno dei nostri obiettivi. Non solo. Forse proprio anche attraverso la forte valenza "monopolistica" che avevano le diverse rappresentazioni della Resistenza nel mondo della carta stampata, quest'ultima, soprattutto ad opera dei periodici, fu capace di affermare la fragilità di una comune matrice culturale e di comuni obiettivi delle forze resistenziali oltre quello meramente indipendentistico e patriottico. Così, l'universo della stampa fu capace di offrirsi come luogo di incontro e soprattutto di scontro tra le diverse interpretazioni, che altrimenti non avrebbero avuto modo di confrontarsi, giungendo anche ad anticipare, sebbene in modo embrionale, alcuni temi che saranno centrali nel dibattito storiografico posteriore. Quest'ultimo elemento, insieme a quelli precedenti, fa della carta stampata del periodo, a nostro avviso, uno strumento prezioso per comprendere appieno la storiografia "politica" del Decennale, e le diverse utilizzazioni cui essa fu sottoposta.
Da ultimo segnaliamo i criteri che ci hanno guidato nell'opera di selezione degli organi di stampa. Essi derivano ovviamente dall'oggetto della nostra ricerca; così, pur avendo dato largo spazio ai quotidiani indipendenti, agli organi dei partiti maggiori ed ai periodici di "area", non abbiamo disdegnato quelli dei partiti minori allorché abbiano offerto dei contributi significativi ai fini del nostro lavoro. Rimane invece certamente esclusa tutta quella stampa gravitante intorno a forze politiche o posizioni che, rifiutando il portato e l'eredità resistenziale o rifacendosi addirittura al regime fascista, non poterono certo prendere parte alla polemica storica (e politica) del Decennale, sviluppatasi all'insegna della lotta per i "monopoli".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Alla fine degli anni cinquanta Roberto Battaglia, in un lungo intervento sulla rivista "Il Movimento di Liberazione in Italia" 1 , indicava nella "polemica del decennale" il tratto distintivo che accomunava le riflessioni e gli studi sulla guerra partigiana elaborati nel decimo anniversario della sua conclusione. A conferma di questa teoria lo storico comunista portava come esempio il volume Il Secondo Risorgimento 2 , nel quale, a suo dire, nell'assenza di contributi di studiosi di diversa area, "le posizioni governative della DC" sarebbero state assunte a "canone generale". Questa considerazione di Battaglia costituisce una chiara testimonianza del panorama storiografico del primo decennio post-resistenziale. Tale panorama, difatti, si 1 R. Battaglia, La storiografia della Resistenza. Dalla memorialistica al saggio storico, "MlI", a. XI, n. 57, ottobre-dicembre 1959, p. 37. 2 Il secondo Risorgimento. Scritti del decennale della Resistenza e del ritorno alla democrazia: 1945-1955, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1955, (scritti di A. Garosci, L. Salvatorelli, C. Primieri, R. Cadorna, M. Bendiscioli, P. Gentile, C. Mortati, M. Ferrara, F. Montanari).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aclassismo
anticomunismo
antifascismo
attesismo
centrismo
dopoguerra
resistenza
spontaneismo
stampa
alcide de gasperi
storia d'italia
storia contemporanea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi