Skip to content

Il rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale nel lavoro pubblico

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina De Santis
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Pellacani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

La riforma della Pubblica Amministrazione . operata attraverso l.emanazione del decreto legislativo n. 150/2009 . segna l.avvio di un percorso particolarmente complesso che impegnera gli attori coinvolti nell.importante obiettivo di riaffermare la fiducia della collettivita nell.operato delle Pubbliche Amministrazioni, restituendo contestualmente valore e stima alla figura del funzionario pubblico. Tutto cio favorendo la diffusione di una reale cultura dell.efficienza, del merito e dell.integrita; responsabilizzando opportunamente il lavoratore pubblico . dirigente e non . sul ruolo ricoperto e sulla funzione che e chiamato a svolgere, anche attraverso l.imputazione dei demeriti rilevati.
Uno degli aspetti piu significativi della riforma di cui si e parlato e costituito dal ritrovato equilibrio tra la privatizzazione e l.inossidabile connotazione pubblicistica del lavoro pubblico; il ripristino di tale fondamentale presupposto e operato dalla riforma attraverso una puntigliosa definizione dei confini tra cio che rientra nell.orbita della contrattazione (diritti e doveri inerenti al rapporto di lavoro) e cio che invece deve rimanere nell.ambito della disciplina di diritto pubblico (aspetti inerenti alla funzione e all.organizzazione).
Tale opera di ripristino di un piu equilibrato rapporto tra le tradizionali prerogative pubblicistiche del pubblico impiego e i moderni principi tipici del lavoro privatizzato assume aspetti rilevanti nell.ambito dell.istituto oggetto del procedimento disciplinare.
Sicuramente, le disposizioni dettate dal legislatore delegato in tema di responsabilita dei dipendenti, di procedimenti e di sanzioni disciplinari sono di rilevante entita; e chiaro che in questo modo l.obiettivo che si intende perseguire e quello di conseguire un miglioramento della produttivita del personale, ricorrendo per l.appunto allo strumento dell.inasprimento delle sanzioni, oltre alle varie forme di incentivazione del merito previste.
E da sottolineare altresi la decisione di rafforzare le competenze dei dirigenti nell.adozione delle sanzioni disciplinari, nonche lo sganciamento delle procedure disciplinari dall.eventuale processo penale (c.d. abrogazione della ¡°pregiudizialita penale¡± sul processo disciplinare), il che consente di rimediare a quello che costituiva uno dei tantissimi limiti della previgente disciplina, vale a dire la permanente apertura . per lunghissimi periodi . del procedimento disciplinare, con tutte le conseguenti ricadute in termini di funzionalita e immagine della Pubblica Amministrazione.
A conclusione di questa disamina si nota che si tratta, senza dubbio, di una riforma corposa, finalizzata alla realizzazione degli obiettivi di efficienza e trasparenza dell.operato delle Pubbliche Amministrazioni e, in tal senso, in linea con le precedenti riforme relative alla privatizzazione del rapporto di lavoro dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni. L.obiettivo e perseguito attraverso previsioni premiali e sanzionatorie per i dipendenti pubblici, in un dosaggio di incentivi economici e sanzioni, che dovrebbero orientare l.azione dei dipendenti e migliorare l.efficienza degli apparati.
In tal senso, si e rilevato che le nuove norme, al di la dell.ideologia che le sostiene, appaiono ispirate da finalita condivisibili e sostanzialmente coincidenti con quelle alla base delle riforme degli anni Novanta. La vera discontinuita rispetto al passato recente e costituita dal metodo della riforma: il legislatore, attraverso le nuove norme, intende provocare un conflitto normativo adottando a tal fine una doppia strategia e quindi promuovendo il controllo sociale e diffuso del cittadino-utente sul funzionamento dei pubblici servizi e rilegittimando il dirigente quale effettivo datore di lavoro pubblico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Sommario La presente disamina si propone di analizzare i nuovi tratti del procedimento disciplinare nel pubblico impiego, così come ridisegnati alla luce della legge delega n. 15/2009 e del successivo d.lgs. n. 150/2009 di attuazione. Prima di procedere all‟esame delle disposizioni che si ritengono maggiormente rilevanti, sembra necessario dare atto di come l‟intervento in materia disciplinare si ponga in perfetta sintonia con la ratio della legge delega rivolta a operare una sostanziale rivisitazione della struttura portante del processo sulla c.d. “privatizzazione” del rapporto di pubblico impiego in Italia, inaugurato con il d.lgs. 29/1993 e consacrato con il d.lgs. 165/2001. In tale prospettiva, l‟articolo 1 del d.lgs. 150/2009 riassume in sé i cardini delle innovazioni modificando radicalmente il precedente assetto delle fonti, di cui vi è specifico contenuto nell‟articolo 2, comma 2 del d.lgs. 165/2001; quest‟ultima norma prevedeva un‟espressa potenzialità a favore dello strumento della contrattazione collettiva, di derogare ad eventuali disposizioni di legge, a regolamenti e/o a statuti non in sintonia con le regole dettate dalla contrattazione collettiva stessa. In altri termini, la centrale disposizione di cui all‟articolo 2, fulcro del richiamato d.lgs. n. 165/2001, legittimava ampiamente lo strumento della negoziazione collettiva a un‟operazione di vera e propria espunzione di normative non compatibili con essa. L‟attuale modifica, invece, pur disponendo sempre sulla possibilità di deroga da parte della contrattazione collettiva, stabilisce perentoriamente che ciò sia possibile solo quando espressamente previsto dalla legge, invertendosi per tal via i termini enunciati. È di tutta evidenza che la modifica in questione abbia finito con lo scardinare uno dei pilastri dello stesso d.lgs. 165/2001, intervenendo su un punto centrale riguardo alla struttura dei rapporti di lavoro, ripristinando perciò il tradizionale rapporto tra legge e contratto, subordinando quest‟ultimo alla legge e circoscrivendone la portata e il grado di autonomia. L‟obiettivo dichiarato è quello del conseguimento dell‟efficienza e dell'ottimizzazione della Pubblica Amministrazione; si tratta di un obiettivo il cui conseguimento passa anche attraverso la complessiva riscrittura della materia disciplinare concepita ai sensi dell‟articolo 67, d.lgs. 150/2009 come mezzo di controllo dei risultati della performance individuale del dipendente. In tale prospettiva, la complessiva riforma del procedimento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lavoro
pubblico
penale
procedimento
disciplinare
codice disciplinare
potere disciplinare
responsabilità disciplinare
sanzioni disciplinari
riforma brunetta
efficienza
pubblica amministrazione
ruolo
diritto pubblico
privatizzazione
dipendenti
merito
150/2009
funzionario pubblico
pregiudizialità penale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi