Skip to content

Caldiero e Recoaro Terme: due realtà termali agli opposti. La storia e l'attualità di due cittadine dell'acqua

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Zanuso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Culture per il Management Turistico
  Relatore: Francesco Vecchiato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

Questo studio intende descrivere la tipologia di attività di due centri termali, le Terme di Giunone di Caldiero e le Terme di Recoaro S.p.A., che sotto numerosi aspetti si differenziano in modo sostanziale dalle altre note stazioni termali e, appunto per la loro esclusività, in particolar modo tra loro stesse.
Dopo averne presentato la storia, generalmente poco conosciuta, si vogliono trattare i vari aspetti legati all'attualità, alle caratteristiche distintive e, particolarmente per la situazione recoarese, agli aspetti connessi alla crisi che sta vivendo da decenni lo stabilimento.
Allo scopo di migliorare la comprensione dei dati presentati, verranno utilizzati come termini di paragone alcuni dati statistici e menzioni dell'attività termale di Abano Terme, uno dei maggiori centri termali d'Italia, accreditato al Sistema Sanitario Nazionale con livello massimo (“super”), forte per attrattività turistica e notorietà. Si prenderà così in considerazione un triangolo di centri piuttosto circonvicini, ognuno dei quali però occupante una diversa provincia veneta: la veronese per le Terme di Giunone, la vicentina per le Terme di Recoaro S.p.A. e la padovana per l'attività termale alberghiera, dimostrandone la radicale diversità l'uno con l'altro.
Lo studio vuole focalizzarsi minimamente, e solo come termine di confronto, su Abano Terme proprio perchè è una realtà conosciuta rispetto a Caldiero e Recoaro Terme, ma comunque verrà menzionato perchè, come gli altri due, è assolutamente esclusivo nella sua identità, essendo l'unico sito in Italia a svolgere totalmente la cura termale presso gli alberghi, privo di alcun centro o parco termale.
Inoltre, maggior attenzione verrà prestata a Recoaro in quanto la situazione di crisi cronica, di continue polemiche, di disastri ambientali e di decisioni straordinarie prese proprio in questi giorni, fanno del centro recoarese un argomento alquanto interessante e decisamente attuale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. Caldiero, le Terme di Giunone 1.1. Cenni sull'ambiente Il comune di Caldiero si estende su una superficie di 10,42 kmq, quasi interamente pianeggianti (solo un ottavo della superficie complessiva è collinare) e presenta un'altitudine di trenta metri sul livello del mare con una punta massima di ottanta metri nella zona collinare. Si localizza tra il fiume Adige e le ultime propaggini dei monti lessini, allo sbocco della verdeggiante valle d'Illasi. Dista tredici chilometri da Verona e confina con i comuni di Colognola ai Colli a nord-est, Belfiore a est e a sud, Zevio a sud-ovest, S. Martino Buon Albergo a ovest e Lavagno a nord-ovest. Conta 7.393 abitanti (ISTAT 2010). Strategicamente rilevante fin dal più lontano passato preistorico per essere situata nella tradizionale fascia di transito ai piedi dei monti, Caldiero è un nodo di notevole importanza per tutti i paesi circonvicini per la sua collocazione a cavallo della strada statale n. 11 (Verona-Vicenza), nonché per la vicinanza alla linea ferroviaria Milano-Venezia e all'autostrada Serenissima. Protette a nord e a ovest dalle ultime collinette lessiniche del Monte Gazzo e del Monte Rocca, sul quale si ergono la villa ottocentesca La Rocca e il castello medievale, la natura ha donato all'uomo un incantevole luogo di benessere, le antiche Terme di Giunone, alle quali è legata buona parte della storia del paese. 1.2. Dalla storia antica a oggi Sul Monte Rocca di Caldiero sono state rinvenute tracce di villaggi preistorici, in particolare dell'Età del ferro. Inoltre, scavi più recenti, nel 1992, hanno rintracciato, sotto murature e pavimenti medievali, un deposito che sembrerebbe attestare la presenza in sito, costantemente, per cinquecento anni (circa 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acqua minerale
terme
recoaro
caldiero
storia
ambiente
turismo
crisi
urbanistica
attualità
sanpellegrino s.p.a.
politica
alberghi
amministrazione
benessere
polemiche
albergatori
terme di recoaro s.p.a.
azienda speciale terme di giunone
comune di recoaro
comune di caldiero

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi