Skip to content

Progetto di un terminal intermodale nel nuovo porto di Fiumicino

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Verrocchio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Architettura e ingegneria edile
  Relatore: Giovanni Ascarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Il progetto riguarda un terminal per navi da crociera che costituisce la parte più importante del nuovo scalo portuale di Fiumicino, per la consistenza delle aree destinate e per la sua posizione dominante. Esso è non solo il luogo d’interscambio tra diverse modalità di trasporto, ma anche l’immagine di simbolica “porta” dal mare. L’esigenza del progetto del terminal crocieristico è soprattutto la rispondenza a standard qualitativi adeguati all’offerta nuova compresa nei pacchetti-crociera degli ultimi anni.
L’analisi del contesto evidenzia l’importanza strategica del futuro polo portuale nel sistema infrastrutturale per lo stretto legame possibile con l’aeroporto intercontinentale e per il processo di rivitalizzazione del sistema città-porto che consegue.
L’assetto funzionale è condizionato dal rispetto della separazione tra flussi entranti e uscenti e, soprattutto, dalle norme sulla sicurezza antiterrorismo relative al controllo dei bagagli. L’attacco a terra è riservato ai parcheggi e al terminal degli autobus; il primo livello contiene gli ambienti per gli arrivi e le partenze dei passeggeri delle navi, mentre il secondo livello consiste in una passeggiata commerciale. Il terminal comprende anche funzioni accessorie di ristoro e svago: è progettato come un organismo architettonico polifunzionale, che può adeguarsi anche a fluttuazioni di utenza nell’arco dell’anno.
L’idea alla base dell’architettura progettata è una grande copertura unitaria, come una grande pensilina, che contiene al di sotto i diversi volumi funzionali. Una grande permeabilità permette di avere una relazione diretta con l’acqua e con l’ambiente circostante. Il complesso evoca il tipico paesaggio portuale di moli e imbarcazioni. La parte dell’edificio all’estremità del molo si erge fungendo da faro per chi arriva nel porto: il terminal è ideato per assumere riconoscibilità a grande scala e per attrarre anche solo semplici visitatori che vogliono godere del paesaggio e delle viste sul porto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
“Progetto di un terminal intermodale nel nuovo porto di Fiumicino” 3 PREMESSA PREMESSA PREMESSA PREMESSA Il tema della tesi riguarda il progetto di un terminal intermodale nel nuovo porto di Fiumicino (Roma). Fiumicino è oggi nota soprattutto per la presenza dell’aeroporto intercontinentale ma risulta anche la località sul mare più prossima alla capitale. In questo quadro strategico Fiumicino, nei prossimi anni, svilupperà le sue potenzialità anche dal punto di vista dei trasporti marittimi con la costruzione di un nuovo porto che accoglierà funzioni industriali, commerciali, ma soprattutto turistiche, vista la suddetta vicinanza con Roma e con l’aeroporto. All’interno del nuovo porto una parte consistente delle aree sarà destinata al traffico passeggeri (traghetti e navi da crociera): il terminal per i passeggeri risulterà quindi uno degli elementi che più caratterizzeranno il nuovo contesto ambientale dello scalo portuale. Il progetto riguarderà proprio un terminal passeggeri, definito intermodale intermodale intermodale intermodale per la caratteristica di essere la “cerniera”, il punto di interscambio tra diverse modalità di trasporto. In particolare si focalizzerà l’attenzione sull’area destinata alle navi da crociera; questa area occupa la maggior parte del molo più ampio del porto e offre la possibilità di un intervento importante: - dal punto di vista ambientale e paesaggistico, essendo uno spazio che in un certo senso ‘domina’ il porto, e ha potenzialità di essere riferimento visivo per il territorio circostante; - dal punto di vista dell’immagine, avendo la caratteristica di essere simbolica porta di Roma e dell’Italia, in qualità di luogo di approdo di viaggi turistici; - dal punto di vista della qualità degli spazi e delle funzioni degli edifici, dovendo prevedere in esso un sistema integrato tra diversi mezzi di trasporto e luoghi di transito, attesa e svago. Il progetto del terminal intermodale nell’ambito di un porto assume anche un significato importante all’interno del dibattito attuale sulla riqualificazione dei fronte-mare, tema che sta avendo molta attenzione da parte delle città che possiedono uno scalo portuale. Facendo una ricerca si sono analizzati diversi esempi caratterizzanti l’architettura dei terminal passeggeri portuali degli ultimi 15-20 anni, fornendo così una carrellata di tipologie e di espressioni formali di cui far tesoro: corpi di fabbrica e grandi coperture che evocano immagini nautiche e a grande valenza simbolica, spazi artificiali che si confondono con la naturalità del paesaggio, elementi che emergono come un faro del porto, trasparenze che permettono un dialogo continuo con il porto, le navi e il mare; inoltre: polifunzionalità degli spazi, attenzione alle normative di sicurezza antiterrorismo, integrazione tra spazi di parcheggio autoveicoli e edificio. Risulta chiaro che le qualità elencate saranno alla base del progetto del terminal, che risulterà essere una architettura significativa dal punto di vista simbolico, basata inoltre su una impostazione funzionale chiara, su un sistema costruttivo ben determinato, che avrà anche la possibilità di essere versatile e fruibile diversamente nel tempo, come è auspicabile al giorno d’oggi per ogni costruzione di carattere pubblico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

infrastrutture
intermodale
porto
fiumicino
terminal
crociera
civitavecchia
lazio
molo
stazione
autorità portuale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi