Skip to content

Smart Grids come opportunità di riqualificazione urbana

Informazioni tesi

  Autore: Vito Lomuscio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Politecnico di Bari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Architettura e ingegneria edile
  Relatore: Francesco Rotondo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 236

Il termine “riqualificazione” nasce in contesti molto diversi da quelli dell’urbanistica; se si fa rifermento al “Vocabolario illustrato della lingua italiana di G. Devoto – G.C. Oli, nel definire il termine, viene omesso il significato relativo all’attività pianificatoria, mentre si fa esplicitamente riferimento alla riqualificazione professionale, si può leggere infatti:
“Conferimento di una nuova e migliore qualificazione professionale a un lavoratore, mediante opportuni corsi di preparazione.”
Nello stesso vocabolario, cercando invece il termine “qualificazione” si legge:
“Formazione e miglioramento delle capacità tecniche e produttive dei lavoratori.”
Altri significati, si sono sviluppanti negli anni, man mano che le diverse discipline ne hanno “fatto proprio” il termine; nelle scienze economiche per esempio, così come definito dal “Dizionario di Economia Garzanti”, assume il senso analogo di miglioramento della produttività: per riqualificazione della spesa si intende infatti l’ottimizzazione delle risorse economiche precedentemente impiegate, a parità di cassa, nel conseguimento di determinati obiettivi di bilancio.
Andando ancora alla ricerca di ulteriori definizioni e confrontandole tra di loro, a prescindere da quale sia il contesto di riferimento, in tutte si denota come elemento chiave l’aumento di competitività, il conferimento di nuove funzioni, la correzione di sprechi e squilibri e la dotazione di qualità.
Il prefisso “ri-” ci fa comprendere che tali elementi vengano non conferiti per la prima volta, ma nuovamente, in seguito ad un decadimento o ad un cambiamento delle circostanze esterne.
Oggi la riqualificazione urbana sembra essere uno dei temi centrali dei programmi amministrativi e della pratica urbanistica ed è proprio in seno al dibattito urbanistico degli ultimi anni che si è sviluppata l’autonomia del termine, almeno in Italia.
Il tutto si riconduce al problema del “conferimento di nuove funzioni” – quindi, della “riqualificazione”- di interi parti di città; l’intero organismo urbano ha bisogno di essere aggiornato alle nuove esigenze di una città che non cresce quantitativamente, che ha mutato il proprio modo di produrre di lavorare e di impiegare il tempo libero, che vede nuovi attori socio-economici e nuovi motori di trasformazione.
La riqualificazione urbana, dunque, nel rifunzionalizzare spazi dismessi, nel coinvolgere nuovi attori sociali e nuove dinamiche produttive, nel sostenere la competitività di una comunità locale nel sistema globale, ha anche la necessità di utilizzare al meglio le risorse economiche, finanziarie ed ambientali; e nel far questo non può non coinvolgere tutte le risorse disponibili sul territorio, siano esse pubbliche o private.
Al concetto di “Ri-qualificazione” urbana, complesso di opere ed interventi utili a migliorare la qualità di un luogo, di una parte di città o meglio di un’intera città, si aggiunge anche il tema ancor più complesso di qualità ambientale, la cui crescente domanda, pone nuove questioni alle scienze del territorio.
Il nuovo peso assunto dalle variabili ambientali all’interno delle discipline urbanistiche e territoriali fa si che l’attenzione a questi aspetti risulti parte fondamentale di un progetto urbano, sia esso riferito ad una nuova edificazione o ad un progetto di ri-qualificazione.
In tutto ciò è plausibile inserire le “smart grids” letteralmente “reti intelligenti”; questo termine intende una rete in grado di integrare sapientemente le azioni di tutti gli utenti connessi – produttori, consumatori, prosumers – al fine di distribuire energia in modo efficiente, sostenibile, economicamente vantaggioso e sicuro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il termine “riqualificazione” nasce in contesti molto diversi da quelli dell’urbanistica; se si fa rifermento al “Vocabolario illustrato della lingua italiana di G. Devoto – G.C. Oli, nel definire il termine, viene omesso il significato relativo all’attività pianificatoria, mentre si fa esplicitamente riferimento alla riqualificazione professionale, si può leggere infatti: “Conferimento di una nuova e migliore qualificazione professionale a un lavoratore, mediante opportuni corsi di preparazione.” Nello stesso vocabolario, cercando invece il termine “qualificazione” si legge: “Formazione e miglioramento delle capacità tecniche e produttive dei lavoratori.” Altri significati, si sono sviluppanti negli anni, man mano che le diverse discipline ne hanno “fatto proprio” il termine; nelle scienze economiche per esempio, così come definito dal “Dizionario di Economia Garzanti”, assume il senso analogo di miglioramento della produttività: per riqualificazione della spesa si intende infatti l’ottimizzazione delle risorse economiche precedentemente impiegate, a parità di cassa, nel conseguimento di determinati obiettivi di bilancio. Andando ancora alla ricerca di ulteriori definizioni e confrontandole tra di loro, a prescindere da quale sia il contesto di riferimento, in tutte si denota come elemento chiave l’aumento di competitività, il conferimento di nuove funzioni, la correzione di sprechi e squilibri e la dotazione di qualità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

recupero
energia
urbanistica
riqualificazione urbana
smart
edifici
riqualificazione
degrado
urbana
bari
strade
teleriscaldamento
rigenerazione
periferie
gasdotti
san paolo
smart-grids
grids
recupero periferie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi