Skip to content

La sicurezza dei sistemi informativi

Informazioni tesi

Autore: Aldo Desgro
Tipo: Diploma di Laurea
Anno: 1999-00
Università: Università degli Studi di Napoli
Facoltà: Economia
Corso: Statistica e Informatica per l'azienda
Relatore: SergioScippacercola
Lingua: Italiano
Num. pagine: 174

I sistemi informativi sono una componente essenziale delle moderne aziende, sia esse piccole o grandi. Servono ad ogni processo produttivo e memorizzano infinità di dati, di qualsiasi tipo e specie.
Permettono, inoltre, a tutti i dipendenti dell’azienda, e anche ad estranei ad essa, di condividere questa infinità di dati.
Quindi i moderni sistemi informativi, sono sempre più al centro della generazione di ‘conoscenza’ tramite informazioni, che come si sa è alla base di ogni decisione presa in azienda.
E’ chiaro, quindi, che avendo accesso al data base di un azienda si ricevono informazioni su di essa, più o meno importanti, ecco quindi sorgere l’esigenza di proteggere queste ‘informazioni’ da malintenzionati di ogni tipo, sia essi interni che esterni all’azienda, che con tecniche, più o meno raffinate, cercano di entrare nel sistema, per entrare in possesso di informazioni riservate o per dimostrare le loro capacità.
Nel primo capitolo vengono di descritti i moderni sistemi informatici aziendali, ponendo particolare attenzione ai data base, facendo una panoramica temporale e partendo dagli anni ’60 fino a giungere ad oggi.
Descrivendo architetture, linguaggi d’interrogazione e naturalmente la loro evoluzione nel tempo.
Nel secondo capitolo, viene descritta un’altra componente essenziale, che può definirsi un ‘complemento’ dei moderni sistemi informativi aziendali: ‘la rete’. E’ un complemento perché riesce a collegare, in posti più o meno remoti, vari sistemi e quindi assolvere ad un compito importante: la condivisione delle informazioni.
Partendo da quella che oggi è considerata universalmente la rete delle reti, cioè Internet, si giunge a descrivere come si è utilizzata la tecnologia e i protocolli di quest’ultima, per costruire delle ‘sottoreti’ aziendali, che risolvono il problema della comunicazione e assolvono il compito di condividere informazioni, tra utenti della stessa azienda, esse prendono il nome di Intranet.
Il terzo capitolo è dedicato invece ai problemi di sicurezza (fisica e logica). Per il primo tipo si sono descritte le regole da rispettare, che non vanno molto al di là del buon senso e della logica, proteggere il sistema da danni ‘fisici’ significa evitare che il sistema possa subire danni da calamità naturali e non, quali incendi, allagamenti, terremoti e perfino attentati. L’altra faccia della sicurezza invece è quella logica, cioè quella che deve evitare intrusioni e/o manomissioni, per introdurre l’argomento abbiamo dato la definizione di ‘protezione’, elencate quali sono le esigenze di sicurezza e descritto in maniera più o meno esaustiva le minacce a cui è soggetta, tramite le parti vulnerabili di un sistema e i vari tipi di attacchi che si possono portare ad un sistema informativo, spaziando da quelli volti alla negazione di un servizio, come ad esempio l’oscuramento di un sito internet, oppure quelli volti all’intercettazione di informazioni o di email che viaggiano in rete, per arrivare agli attacchi più pericolosi, quelli intrusivi, volti alla penetrazione del sistema, per impossessarsi di dati riservati (es. numeri di carte di credito, o qualunque tipo d’informazione riservata).
Il quarto capitolo invece è dedicato a due sistemi di protezione, la crittografia e i firewall. Il primo deriva da un’antica ‘arte’ (era usata già ai tempi dei romani), quella cioè di usare un ‘codice’ per scrivere una qualunque cosa e solo chi possedeva la ‘chiave’ poteva decifrarla, in modo da proteggersi da gli occhi indiscreti durante il viaggio. Oggi, le tecniche di crittografia si basano su complessi algoritmi, oggetto di studio di scienziati matematici, basta pensare che un algoritmo di codifica si basa su milioni di iterazioni, e basta rompere un anello di questa complessa catena, per renderla inservibile. La crittografia è altresì usata per garantire la firma digitale, cioè per garantire che il mittente di un messaggio sia realmente chi dice di essere, un’operazione che non potrebbe essere effettuata se non con la firma digitale. Con la diffusione capillare di internet, e con la sempre maggiore esigenza di far viaggiare dati importanti in rete, è facilmente comprensibile lo sviluppo a cui sarà soggetto il meccanismo della firma digitale nei prossimi anni.
Il secondo meccanismo di sicurezza è il firewall, che tradotto letteralmente significa ‘muro taglia fuoco’ e applicato ai sistemi informativi, serve a proteggere una rete interna dalla rete esterna e quindi a tenere fuori eventuali malintenzionati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
III Introduzione I sistemi informativi sono una componente essenziale delle moderne aziende, sia esse piccole o grandi. Servono ad ogni processo produttivo e memorizzano infinità di dati, di qualsiasi tipo e specie. Permettono, inoltre, a tutti i dipendenti dell’azienda, e anche ad estranei ad essa, di condividere questa infinità di dati. Quindi i moderni sistemi informativi, sono sempre più al centro della generazione di ‘conoscenza’ tramite informazioni, che come si sa è alla base di ogni decisione presa in azienda. E’ chiaro, quindi, che avendo accesso al data base di un azienda si ricevono informazioni su di essa, più o meno importanti, ecco quindi sorgere l’esigenza di proteggere queste ‘informazioni’ da malintenzionati di ogni tipo, sia essi interni che esterni all’azienda, che con tecniche, più o meno raffinate, cercano di entrare nel sistema, per entrare in possesso di informazioni riservate o per dimostrare le loro capacità. Nel primo capitolo vengono di descritti i moderni sistemi informatici aziendali, ponendo particolare attenzione ai data base, facendo una panoramica temporale e partendo dagli anni ’60 fino a giungere ad oggi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi