Comunicazione e trend delle imprese di abbigliamento di lusso: il caso del settore bambino

La tesi tratta un'analisi che parte dal mercato dei beni di lusso nella sua totalità, per spingersi sempre più nello specifico, analizzando il target specifico dei bambini e l'impatto che hanno i prodotti di lusso su questa categoria (e sulla famiglia in generale).
Nella conclusione viene trattato un caso aziendale nel dettaglio: Groupe Zannier, l'azienda leader mondiale nell'abbigliamento per bambini (tra i quali Levi's, Paul Smith, Jean Paul Gaultier).

Mostra/Nascondi contenuto.
  5     INTRODUZIONE I brand sono ormai parte integrante della nostra vita, e senza dubbio ho avuto modo di osservare questo fenomeno da vicino, durante questi anni e grazie ai corsi di laurea che ho frequentato. In parte questo lavoro nasce da questa riflessione, che mi ha sempre affascinato. Mi incuriosiva il fatto che un fenomeno così recente sia riuscito in un periodo relativamente breve a cambiare radicalmente le percezioni di consumo dell’intera società moderna, così tanto da renderci una scelta di acquisto quasi impossibile ed immaginabile, senza coinvolgere il mondo dei marchi. Poi è arrivata la mia prima esperienza lavorativa: uno stage in un’azienda multinazionale che deteneva, tra marchi di proprietà e contratti di licenza per marchi dell’alta moda, la leadership mondiale per quanto riguarda l’abbigliamento per bambini. Senza dubbio un’esperienza interessante, formativa, ed attraverso la quale ho potuto almeno parzialmente osservare un riscontro della riflessione sull’universo dei brand. Anche nelle abitudini di consumo dei bambini c’è il marchio. Ed è molto presente, non ha niente da invidiare al posizionamento dei brand nei confronti degli adulti. Esistono i marchi di fascia media, esiste l’alto di gamma, esiste il lusso (che fa parte di una branca del settore in forte crescita, tra l’altro). Ho subito pensato che i risvolti potessero essere estremamente interessanti, e in qualche modo ho provato ad immaginare le dinamiche che regolano il consumo (e soprattutto il consumo di prodotti “branded”) da parte dei bambini - “Chissà quanto possono essere paragonabili a quelle che regolano il consumo degli adulti?”.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Brand Management

Autore: Giorgio Trucco Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6110 click dal 15/01/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.