Skip to content

Ripensare la banca: l'esperienza della ''Banca Etica''

Informazioni tesi

  Autore: Rocchina Maitilasso
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Scienze economiche e bancarie di Siena
  Corso: Scienze Economiche e Bancarie
  Relatore: Franco Belli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

Nella prassi di solito seguita dalla finanza tradizionale, il risparmiatore non è in grado di determinare, e nemmeno di venire a conoscenza, dei settori in cui il suo denaro è impiegato, per cui, essendo il denaro in sé né buono, né cattivo, la responsabilità per un suo uso corretto, ricade non solo sulla banca che è tenuta, oggi più di ieri, ad indagare sulla provenienza dei risparmi, essendo forte il rischio che essa corre da un punto di vista etico, ma anche su ogni singolo risparmiatore, che è colui che fornisce la materia prima al sistema finanziario.
E’ crescente l’esigenza di avere tali informazioni, in quanto il denaro può costituire uno strumento per la crescita sotto l’aspetto sociale, oppure può provocare sfruttamento e distruzione: finanziare quindi quei soggetti che hanno come scopo la massimizzazione dell’utilità sociale, invece che i profitti individuali, significa orientare la società verso una più equa distribuzione della ricchezza, favorendo la creazione di una nuova forma di efficienza.
L’art.1 della legge bancaria del 1936 afferma chela banca svolge funzioni di interesse pubblico, per cui la molla che fa muovere tale meccanismo non è diversa da quella consueta della ricerca individuale del massimo profitto, in quanto l’imprenditore bancario mette in risalto le proprie qualità, attraverso la quantità di profitto che riesce a produrre, ma è consapevole anche dell’esistenza e dell’importanza di certe regole di comportamento che bisogna rispettare e far rispettare come regole del sistema.
Per parlare di finanza etica, bisogna evidenziare le caratteristiche che la rendono eticamente e socialmente orientata.
I principi ispiratori della finanza etica, nella gestione delle risorse finanziarie, risiedono nella:
1.Trasparenza ed eticità nella raccolta del risparmio
2.Trasparenza ed eticità nell’impiego del denaro.

I principi su cui è basato il futuro sviluppo della finanza etica: essi sono racchiusi in un documento, denominato Manifesto della Finanza Etica, promosso da un vasto arco di organizzazioni, operanti in tale settore e in cui vengono proposte delle linee di comportamento che devono costituire una guida per coloro che desiderano svolgere un’attività etica in campo finanziario.
Essi sono largamente condivisi dal punto di vista verbale, ma si rivelano poi di difficile attuazione sul piano pratico.
L’evoluzione della finanza etica, e conseguentemente del terzo settore, cui è strettamente connessa, è possibile solamente evitando la pura e semplice creazione di quel polmone finanziario, composto dalle organizzazioni facenti parte di questo settore alternativo, e impegnandosi, invece, nella creazione di una più elevata sensibilità e disponibilità verso le questioni di carattere sociale ed etico da parte dei risparmiatori, i quali dovrebbero rivolgere minore attenzione al solo rendimento effettivo del titolo e mirare, invece, allo svolgimento di accurate valutazioni prima di prendere decisioni importanti per i propri risparmi.
L’etica da un punto di vista della banca, invece, non consiste solo nella oculata gestione del risparmio, ma anche nella valutazione morale della destinazione e della provenienza del denaro gestito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I L’ETICA NELL’ECONOMIA E NELLA FINANZA 1.1 Cosa è l’etica Nata come branca della filosofia e in stretto rapporto con la religione e il diritto, l’etica “si occupa delle norme che regolano, o dovrebbero regolare, i rapporti di ciascun individuo con gli altri e dei valori che ogni individuo deve realizzare nel suo comportamento”1. L’etica, infatti, rappresenta una sfida che non può più essere ignorata e che non si può esorcizzare con teorie che affidano la soluzione dei problemi etici a calcoli che i meccanismi della società inducono tutti ad effettuare2; essa è costituita da regole di comportamento che vanno rispettate e fatte rispettare come regole del sistema. Dette regole sono però qualcosa di diverso, di maggiormente complesso e di più limitativo della libertà d’azione individuale3, non sono tuttavia imposte da una repressione manifesta od occulta, non sono sostenute da un potere, ma tutt’al più da un’autorità, che si poggia su un sentimento di responsabilità nei confronti di qualcosa che va al di là dell’individuale. Attribuire all’etica una precisa data di nascita non è possibile ma, qualunque ne sia la causa occasionante, essa produce la consapevolezza di una radicale differenza tra le “leggi di natura”, di cui non si è in grado di liberarsi, e le “leggi morali” che si possono, di fatto, abolire con un atto di volontà. Nella storia e nel pensiero di numerosi studiosi (tra tutti ricordiamo Aristotele, le cui idee hanno influenzato il pensiero occidentale per diversi millenni), si ritrova sempre la domanda, sorta in innumerevoli versioni, di “come bisogna vivere?”. Si impone, infatti, la necessità di attuare una differenziazione tra il bene in senso strumentale o derivato e il bene, che ha valore in sé, senza guardare ai 1 Cfr. L. KOLAKOWSKI, Etica, in Enciclopedia Einaudi, vol. V, Torino, 1978, p.954. 2 Cfr. S. LOMBARDINI e A. TRIPOLI( a cura di:), L’economia al servizio dell’uomo , Il Mulino, Bologna, 1994, p.90. 3 Cfr. F. BELLI, Ripensando la banca( considerazioni extravaganti per un progetto di ricerca), appunti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi