Skip to content

Eleonora Duse epistolografa: le lettere alla famiglia Orvieto (1901-1908)

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Sansone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Letteratura, Filologia e Linguistica italiana
  Relatore: Beatrice Manetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

La tesi verte sulla considerazione di Eleonora Duse come scrittrice, oltre che come attrice, come comunemente viene ricordata. A prova di ciò è stato esaminato lo scambio epistolare della Duse con i componenti della famiglia Orvieto,nucleo familiare di spicco nella Firenze di fino Ottocento. Il carteggio è stato inizialmente contestualizzato nel panorama culturale dell'epoca ed anche alla luce degli anni determinanti del sodalizio artistico e amoroso tra la Duse e D'Annunzio. Vengono valutati i rapporti che hanno legato la figura della Duse alla famiglia Orvieto. Segue quindi la presentazione delle lettere. Il carteggio contiene lettere trascritte e quindi decifrate dagli originali autografi della Duse, per la maggior parte inediti prima della stesura di questa tesi. Ogni lettera è provvista di un approfondito apparato di note al fine di inquadrarle cronologicamente ed artisticamente nella carriera e nella vita della Duse. Si tratta di un tassello che va ad unire arte e letteratura, di un ibrido che come raramente avviene, prende in considerazione l'arte dell'attrice anche in qualità di scrittrice.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il punto di partenza di questo lavoro, che prende in esame la scrittura epistolare di Eleonora Duse a partire dalle lettere inviate dall’attrice ad Adolfo, Laura, Angiolo e Leon Francesco Orvieto, è una considerazione di Giovanni Papini, tra i primi ad avanzare l’ipotesi che la grande interprete di D’Annunzio e di Ibsen nascondesse un talento e una vocazione di scrittrice. Nel 1917 Papini le scrive: «voi siete soprattutto scrittrice e grande» 1 . Sono gli anni in cui la Duse ha volontariamente abbandonato le scene e questo elemento contribuisce non poco a radicalizzare l’opinione di Papini, secondo il quale la Duse avrebbe dovuto lasciare per sempre il teatro per dedicarsi unicamente alla scrittura. Papini non è l’unico a tenere in grande considerazione le potenzialità di scrittrice di Eleonora Duse. Cinquant’anni dopo gli fa eco Vittore Branca, che nel 1969 pubblica il primo di una serie di tre contributi dedicati appunto alla «vocazione letteraria» dell’attrice. In quello pubblicato sul Corriere della Sera il 19 aprile 1969 Branca prende le mosse proprio dal parere di Papini, ricordando come in quegli anni la Duse si presentasse spesso e all’improvviso alle letture e alle discussioni dei cenacoli letterari fiorentini, garbata presenza dispensatrice di equilibrate opinioni. Continua poi a svelare Eleonora Duse scrittrice attraverso un rapido elenco dei numerosi rapporti epistolari intrattenuti dall’attrice con letterati e letterate dell’epoca, da Arrigo Boito a Matilde Serao, Ada Negri, Henrik Ibsen e George Bernard Shaw, e con attrici come Sarah Bernhardt e Isadora Duncan 2 . Tra queste testimonianze, però, una in particolare risulta essere di capitale importanza per Branca: i quattro quaderni di lettere e note lasciati da Eleonora figlia Enrichetta 3 . Dopo la morte della madre, Enrichetta riorganizzò e trascrisse con cura l’epistolario, anche se decise di distruggere molte delle lettere contenute nei quaderni. Queste lettere «rivelano questa grande e profonda piega della 1 Lettera di Giovanni Papini a Eleonora Duse, agosto 1917, cit. in Maria Ida Biggi, Ma Pupa, Henriette, in Ma Pupa Henriette. Le lettere di Eleonora Duse alla figlia, a cura di Maria Ida Biggi, Marsilio, Venezia 2010, p. XXVII). 2 Cfr. Vittore Branca, La scrittrice Eleonora Duse, in «Corriere della Sera», 19 aprile 1969. 3 Ma pupa, Henriette. Le lettere di Eleonora Duse alla figlia, a cura di Maria Ida Biggi, cit., pp. XIII-XXIX.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scrittura
amicizia
lettere
palcoscenico
epistolare
eleonora duse
famiglia orvieto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi