Employer branding. Una strategia di successo per le organizzazioni

L’employer branding rappresenta, oggi, una potenziale strategia di successo per le aziende inserite in un panorama altamente competitivo. Non è solo il mercato dei consumatori ad essere diventato competitivo ed esigente, ma anche il mercato delle risorse umane gioca il suo ruolo all’interno degli equilibri. Come si potrà constatare nella prima parte dell’elaborato, lo scenario globale è mutato largamente nell’arco dell’ultimo secolo, e soprattutto negli ultimi decenni: una maggiore competizione, un’innovazione tecnologica sempre più veloce, una clientela con bisogni differenti. Da un mercato standardizzato, basato su principi di gerarchia e sulla divisione del lavoro, si è giunti ad un mercato che aspira all’adattamento all’ambiente e alle esigenze dei clienti. Il vantaggio competitivo su cui si misurano le imprese è basato sulla propria capacità di rispondere e adeguarsi al cambiamento interno ed esterno dell’ambiente, sviluppando conoscenze, capacità e abilità nella forza lavoro. Il nuovo equilibrio si basa sulle persone. È il capitale umano, oggi, a rappresentare la risorsa più preziosa delle imprese. I prodotti possono essere copiati, le tecniche possono essere imitate: gli individui, invece, rappresentano l’elemento distintivo delle organizzazioni. Sono cambiati anche i rapporti tra individuo e impresa: oggi l’individuo non chiede solo un impiego, ma anche un luogo di crescita professionale, una possibilità di sviluppo all’interno di un ambiente di elevata qualità, un clima organizzativo basato sulla fiducia e un buon equilibrio tra lavoro e vita privata. Oggi il successo o il fallimento di un’azienda sono dettati proprio dalla capacità di attrarre e trattenere i talenti migliori, motivandoli ad operare per l’interesse dell’organizzazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione L’employer branding rappresenta, oggi, una potenziale strategia di successo per le a- ziende inserite in un panorama altamente competitivo. Non è solo il mercato dei consu- matori ad essere diventato competitivo ed esigente, ma anche il mercato delle risorse umane gioca il suo ruolo all’interno degli equilibri. Come si potrà constatare nella prima parte dell’elaborato, lo scenario globale è mutato largamente nell’arco dell’ultimo seco- lo, e soprattutto negli ultimi decenni: una maggiore competizione, un’innovazione tec- nologica sempre più veloce, una clientela con bisogni differenti. Da un mercato stan- dardizzato, basato su principi di gerarchia e sulla divisione del lavoro, si è giunti ad un mercato che aspira all’adattamento all’ambiente e alle esigenze dei clienti. Il vantaggio competitivo su cui si misurano le imprese è basato sulla propria capacità di rispondere e adeguarsi al cambiamento interno ed esterno dell’ambiente, sviluppando conoscenze, capacità e abilità nella forza lavoro. Il nuovo equilibrio si basa sulle persone. È il capita- le umano, oggi, a rappresentare la risorsa più preziosa delle imprese. I prodotti possono essere copiati, le tecniche possono essere imitate: gli individui, invece, rappresentano l’elemento distintivo delle organizzazioni. Sono cambiati anche i rapporti tra individuo e impresa: oggi l’individuo non chiede solo un impiego, ma anche un luogo di crescita professionale, una possibilità di sviluppo all’interno di un ambiente di elevata qualità, un clima organizzativo basato sulla fiducia e un buon equilibrio tra lavoro e vita privata. Oggi il successo o il fallimento di un’azienda sono dettati proprio dalla capacità di at- trarre e trattenere i talenti migliori, motivandoli ad operare per l’interesse dell’organizzazione. Ecco perché – come si potrà vedere descritto all’interno della pri- ma parte dell’elaborato – le aziende cercano di implementare la tipica strategia e comu- nicazione rivolta verso il consumatore esterno, nei confronti di un cliente fino ad ora non considerato: il dipendente. C’è una stretta analogia tra la comunicazione esterna e il marketing interno, che trasforma il collaboratore nel primo e più importante cliente

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emanuele Marcon Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2078 click dal 08/10/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.