Skip to content

La percezione del tempo: basi neurali e teorie cognitive

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Gandino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Mauro Adenzato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

Caratteristica propria dell'uomo è la capacità di astrarre dal sensibile, alla ricerca delle verità nascoste, ponendosi quelle che – con un pizzico di ironia – sono definite “domande esistenziali”: quella sulla natura del tempo è senza dubbio una di queste. La tesi indaga che cosa sia la percezione del tempo e quale valore essa abbia per noi esseri umani; quali strutture cerebrali la implementino e quali modelli siano stati proposti per spiegarne il funzionamento; propone infine un modello in grado di unificare tutte le scoperte e le proposte fin qui avanzate, spiegando l'effetto che disturbi della percezione del tempo possano avere su malattie come il Parkinson, la schizofrenia, l'ADHD.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1.0 – INTRODUZIONE: IL TEMPO, LA SUA PERCEZIONE «Che cos’è dunque il tempo? Quando nessuno me lo chiede, lo so; ma se qualcuno me lo chiede e voglio spiegarglielo, non lo so. » (Agostino d'Ippona, Confessiones XI, 14, 17: 20, 26; 26, 33). 1.1 – Il tempo nella filosofia e nella scienza – il problema del tempo: caratteristica propria dell'uomo, in grado di differenziarlo da ogni altra creatura con cui egli è fin qui entrato in contatto, è la capacità di astrarre dal sensibile e dall'immediato alla ricerca delle verità nascoste, ponendosi quelle che – con un pizzico di ironia – sono definite “domande esistenziali”: quella sulla natura del tempo è senza dubbio una di queste. Possiamo infatti dire di sapere cosa sia il “tempo”? Ne abbiamo senza dubbio una certa familiarità: lo sentiamo continuamente scorrere e giorno dopo giorno ne constatiamo gli effetti su tutto ciò che ci è caro; nonostante ciò, non siamo in grado di definirlo senza provare al tempo stesso un senso di insoddisfazione, come se ci fosse sfuggito un qualcosa di indefinibile. ¨ per questo motivo che sono state elaborate nella storia del pensiero umano così tante teorie circa la sua natura: loro caratteristica comune è di cercare di sottrarlo alla pura percezione soggettiva, oggettivandolo in un concetto per noi piø semplice da comprendere, quello dello spazio. Il problema del tempo è stato in questo modo sostituito dal problema grafico di quale forma sarebbe opportuno dargli qualora lo si volesse rappresentare per iscritto: lineare o circolare? La prospettiva piø vicina al sentire comune di noi occidentali è senza dubbio quella scientifico- aristotelica, che concepisce il tempo come l'alternarsi del ciclo di causa-effetto, dunque immaginabile come una linea che proceda dal passato al futuro: l'idea che anima questa rappresentazione è che il tempo consista in ultima istanza con il divenire stesso, motivo per cui nell'ipotetico momento in cui il ciclo delle cause e degli effetti avrà fine si dovrà constatare anche la fine del tempo stesso. In realtà all'interno di questa prospettiva lineare le posizioni su come esso debba essere concretamente rappresentato sono molte: se sia meglio disegnare una retta, ovvero se il tempo e la causalità siano ingenerati ed eterni; o una semiretta, alla cui origine si ponga una “causa incausata” analoga al “motore immobile” aristotelico ma dallo scorrere infinito; oppure un segmento, forgiato da un'entità creatrice –l'Eterno – e destinato a scomparire in esso. Di stampo completamente differente è invece la rappresentazione circolare del tempo, concretizzatasi nel ciclo dell'eterno ritorno. In occidente questa prospettiva è stata elaborata da Anassimandro – per il quale causa del suo trascorrere sarebbe il periodico tentativo compiuto dai contrari (il caldo ed il freddo, il secco e l'umido, la salita e la discesa e via dicendo) di sottomettersi reciprocamente – ma è a Nietzsche che se ne deve la piø completa definizione: per il filosofo 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi