Skip to content

La condizione dell'uomo secondo Pirandello. Analisi delle interazioni sociali dell'''uomo-attore''

Informazioni tesi

  Autore: Marco Narici
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Stefano Giovannuzzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

Con la presente tesi si vuole tracciare un percorso che riguarda la condizione dell'uomo attraverso il pensiero e le opere di Luigi Pirandello, facendo riferimento alla sociologia di Erving Goffman, il quale ha analizzato l'aspetto del ruolo sociale e delle regole d'interazione, e di Georg Simmel, autore che ha influenzato l'ideologia di Pirandello.
Nel primo capitolo della ricerca si analizzerà, tramite la novella di Pirandello La Carriola, la condizione esistenziale dell'uomo, condannato all'eterno inconsistente fluire e vanamente impegnato a trascendere quella condanna in un'inconclusa ricerca della forma. Il protagonista dell'opera vive un drammatico sdoppiamento di personalità, destinato a sfociare nell'estraniamento dalla società. La crisi d'identità del personaggio pirandelliano, cui si farà riferimento, deriva proprio dalla presa di coscienza della sua condizione.
Parallelamente si esporranno alcuni concetti del sociologo Erving Goffman, il quale analizza le interazioni tra le persone che avvengono nelle scene ordinarie della vita quotidiana. Nel mondo sociale osservato da Goffman le persone agiscono e interagiscono cercando di indossare, di volta in volta, vesti adatte alle diverse situazioni e di rispettare l'ordine normativo e cognitivo ereditato dalla società.
Il secondo capitolo ha come oggetto di analisi il romanzo di Pirandello Uno, nessuno e centomila e alcune teorie di sociologo tedesco Georg Simmel, le cui opere furono lette da Pirandello.
Il protagonista del romanzo, Vitangelo Moscarda, dalla considerazione della moglie riguardante il suo naso, considerato leggermente storto, scopre di non essere per gli altri quel che credeva d'essere: è centomila, secondo la realtà che gli altri gli danno. Dalla filosofia del romanzo risulta, quindi, che le persone non scelgono di nascere, non scelgono come nascere e non possono evitare "le trappole tutte della vita". Basandoci su questo concetto affronteremo tutti i cambiamenti dell'individuo all'interno della società.
Sarà analizzato, infine, il concetto del relativismo conoscitivo che Pirandello riprese da Simmel, basato sul fatto che non esiste una verità assoluta, ma molte verità soggettive. Risulta, pertanto, difficile conoscere la realtà, non esistendo una verità unica.
Nel terzo capitolo verrà esaminata l'opera teatrale di Pirandello Enrico IV. In primo luogo ci sarà un riferimento al teatro pirandelliano, approfondendo le sue caratteristiche. Poi si analizzerà l'opera Enrico IV, studio sul significato della pazzia e sul tema caro all'autore del rapporto tra personaggio e uomo, finzione e realtà. Essa esprime i temi fondamentali della drammaturgia pirandelliana: la solitudine e l'incomunicabilità dell'individuo, la sua continua alienazione nella società e nella vita, la sua incapacità di esistere come persona libera e autonoma.
Si collegheranno a tali tematiche i saggi di Erving Goffman Asylums e Stigma, nei quali l'autore si occupa della tendenza degli individui, apparentemente irresistibile e quasi universale, a classificare gli altri e a tenere un comportamento diverso nei loro confronti a seconda della categoria sociale a cui appartengono.
Si cercherà di comprendere che cosa Pirandello abbia trasmesso attraverso le sue opere, quali interrogativi abbia voluto suscitare. Queste argomentazioni non fanno parte di un discorso chiuso, ma vogliono originare riflessioni e discussioni. La volontà consisterebbe in un invito a non concepire la realtà come un dato di fatto, che sfugge alla creatività della persona.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Con la presente tesi si vuole tracciare un percorso che riguarda la condizione dell’uomo attraverso il pensiero e le opere di Luigi Pirandello, facendo riferimento alla sociologia di Erving Goffman, il quale ha analizzato l’aspetto del ruolo sociale e delle regole d’interazione, e di Georg Simmel, autore che ha influenzato l’ideologia di Pirandello. L’interesse per le opere di Pirandello nasce dalla consapevolezza che egli ha rappresentato una tra le voci più significative di un’epoca, il Novecento. L’autore descrive nei suoi lavori le riflessioni sull’esistenza e sul ruolo dell’uomo nella società, affermando che non è possibile trovare alcuna soluzione positiva alla crisi che coinvolge e sconvolge i singoli individui. Il suo merito è, dunque, quello di aver fornito un’ampia panoramica di tale stato d’animo, che si riferisce non solo all’epoca in cui Pirandello vive, ma che può fornire spunto di riflessione al lettore di ogni tempo. Nel primo capitolo della nostra ricerca si analizzerà, tramite la novella di Pirandello La Carriola, la condizione esistenziale dell’uomo, condannato all’eterno inconsistente fluire e vanamente impegnato a trascendere quella condanna in un’inconclusa ricerca della forma. Il protagonista dell’opera vive un drammatico sdoppiamento di personalità, destinato a sfociare nell’estraniamento dalla società. La crisi d’identità del personaggio pirandelliano, cui si farà riferimento, deriva proprio dalla presa di coscienza della sua condizione. Parallelamente si esporranno alcuni concetti del sociologo Erving Goffman, il quale analizza le interazioni tra le persone che avvengono nelle scene ordinarie della vita quotidiana. Nel mondo sociale osservato da Goffman le persone agiscono e interagiscono cercando di indossare, di volta in volta, vesti adatte alle diverse situazioni e di rispettare l’ordine normativo e cognitivo ereditato dalla società. Verrà, inoltre, presa in esame la teoria di Goffman, definita “modello drammaturgico”, dove le interazioni sociali sono viste come una sorta di rappresentazioni teatrali nelle quali l’uomo-attore indossa una maschera nel rapporto con la società. Questa metafora illustra come gli individui mettano in scena immagini socialmente significative di se stessi nelle interazioni con altri. Il secondo capitolo ha come oggetto di analisi il romanzo di Pirandello Uno, nessuno e centomila e alcune teorie di sociologo tedesco Georg Simmel, le cui opere furono lette da Pirandello. Il protagonista del romanzo, Vitangelo Moscarda, dalla considerazione della moglie riguardante il suo naso, considerato leggermente storto, scopre di non essere per gli altri quel che credeva d’essere: è centomila, secondo la realtà che gli altri gli danno. Dalla filosofia del romanzo risulta, quindi, che le persone non scelgono di nascere, non scelgono come nascere e non possono 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura italiana
sociologia
follia
luigi pirandello
georg simmel
stigma
erving goffman
uomo-attore
condizione uomo
maschera

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi