Skip to content

L'offerta e il mercato dell'abbigliamento sostenibile in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Nadia Cioni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Economia
  Corso: Marketing e Ricerche di Mercato
  Relatore: Riccardo Lanzara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 190

Abbinare la moda e, in particolare, l’abbigliamento al concetto di sostenibilità può apparire un paradosso. Ciò che oggi va di moda, non è ciò che lo era ieri o che lo sarà domani. La moda è in continuo cambiamento, rappresentando perfettamente l’idea di spreco. Tuttavia, gli sconvolgimenti climatici, gli effetti della recente crisi economico-finanziaria e il mutamento degli assetti economico-politici mondiali hanno messo sotto inchiesta la correttezza e la possibilità stessa di continuare ad adottare un modello capitalista, caratterizzato dal consumismo sfrenato e dall’utilizzo poco razionale delle risorse disponibili, ma limitate. La sostenibilità si sta facendo progressivamente strada nel mondo della produzione, cosi come in quello del consumo, rendendo sempre più importante il legame tra l’attività economico-finanziaria e il rispetto di un’etica comune. Si parla, quindi, di banca etica, di tracciabilità e genuinità dei prodotti alimentari, di energia rinnovabile e di trasporti a minor impatto ambientale. In questo contesto, anche la moda sta iniziando timidamente a mostrare qualche tentativo nella stessa direzione: nascono nuovi movimenti, che promuovono una diversa filosofia di produzione e consumo dell’abito, sempre più spesso all’interno delle fiere del settore prende spazio il tema della sostenibilità e i modelli di consumo stanno lentamente modificandosi.
Con la presente trattazione ci si pone l'obiettivo di delineare un quadro generale su lo stato attuale e i trends futuri dell'offerta e del mercato dell'abbigliamento sostenibile in Italia. Nello specifico, si sono affrontati i seguenti aspetti:

- L’analisi del settore dell’abbigliamento sostenibile, focalizzandosi sulla quantità e qualità della sostenibilità praticata dalle aziende;
- L’analisi del mercato e dei fattori alla base dell’acquisto, del consumo e dello smaltimento di abbigliamento sostenibile, con particolare attenzione alle pratiche adottate e all’impegno predisposto dai consumatori in questo genere di acquisti;
- La previsione dei trend futuri per quanto riguarda la domanda e l’offerta di abbigliamento sostenibile e, in particolare, l’eventualità di una diffusione del fenomeno nel mercato di massa.

La realizzazione del progetto si è svolta attraverso quattro principali fasi metodologiche:
- La ricerca bibliografica la sua sintesi e indicizzazione, per l’elaborazione delle informazioni contenute nel capitolo 2 e 3 della presente trattazione.
- L’utilizzo di internet per la ricerca delle informazioni necessarie sulle aziende, sui consumatori e sulle dinamiche del mercato;
- La somministrazione di due questionari auto-compilati e strutturati, sia ai consumatori, che ai blogger e alle aziende;
- L’elaborazione dei risultati e le conclusioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE. 1.1. Perché affrontare il tema dell’abbigliamento sostenibile? Abbinare la moda e, in particolare, l’abbigliamento al concetto di sostenibilità può apparire un paradosso. Ciò che oggi va di moda, non è ciò che lo era ieri o che lo sarà domani. La moda è in continuo cambiamento, rappresentando perfettamente l’idea di spreco. Pertanto l’unione del concetto di sostenibilità, che comporta risparmio delle risorse e riutilizzo dei capi di abbigliamento, a quello di moda, quale consumo sfrenato e capriccioso di capi di abbigliamento e accessori, può sembrare un tentativo di privarla del suo senso originario. In realtà la moda, nasce dal bisogno materiale dell’uomo di coprirsi, per proteggere il proprio corpo dalle intemperie e assume, nel corso della storia, una serie di funzioni immateriali, semantiche e culturali. Diventa apparenza e appartenenza sociale, distinzione attraverso, ad esempio, il fenomeno dell’anti-moda, espressione della propria personalità e immagine di sé, seguendo i ritmi degli sviluppi della società e facendosi specchio delle tendenze culturali che la animano. E’ in quest’ottica che la moda può ricongiungersi al concetto di sostenibilità, divenendo in sostanza il riflesso di una trasformazione economica, sociale e culturale, che da qualche anno, sta avvenendo a livello mondiale. Gli sconvolgimenti climatici, gli effetti della recente crisi economico-finanziaria il mutamento degli assetti economico-politici mondiali, hanno messo sotto inchiesta la correttezza e la possibilità stessa di continuare ad adottare un modello capitalista, caratterizzato da consumismo sfrenato e dall’utilizzo poco razionale delle risorse disponibili, ma limitate. La sostenibilità si sta facendo progressivamente strada nel mondo della produzione, cosi come in quello del consumo, rendendo sempre più importante il legame tra l’attività economico-finanziaria e il rispetto di un’etica comune. Si parla, quindi, di banca etica, di tracciabilità e genuinità dei prodotti alimentari, di energia rinnovabile e di trasporti a minor impatto ambientale. In questo contesto, anche la moda sta iniziando timidamente a mostrare qualche tentativo nella stessa direzione: nascono nuovi movimenti, che promuovono una diversa filosofia di produzione e consumo dell’abito, sempre più spesso all’interno delle fiere del settore prende spazio il tema della sostenibilità e i modelli di consumo stanno lentamente modificandosi. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi