Skip to content

Analisi del reato di disastro ambientale: dalla fattispecie giurisprudenziale al nuovo art. 452 quater c.p.

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Donzelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Silvia  Tordini Cagli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 216

Il lavoro si propone principalmente di indagare la parabola evolutiva della figura criminosa del disastro ambientale, a partire dalle sue origini giurisprudenziale sino alla formulazione legislativa introdotta a seguito dell'emanazione della l. 68/2015.
A tal fine si è ritenuto necessario in primo luogo studiare il quadro giuridico in cui si inserisce il delitto di cui si discute nonché effettuare un analisi del vissuto originario dell'art. 434 c.p. norma dalla quale ha preso vita la fattispecie di disastro ambientale.
L'attenzione si è quindi concentrata quest'ultima con particolare riguardo all'atteggiamento della giurisprudenza in relazione alla tipicità del fatto, alla causalità e alla colpevolezza.
Infine non poteva rinunciarsi a esaminare l'attuale disposizione di cui all'art. 452quater c.p. che, in ossequio al principio di legalità, ha esplicitato il delitto di disastro ambientale; in assenza di un opera giurisprudenziale sulla norma si è fatto particolare riferimento alle osservazioni della dottrina.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Introduzione Il presente lavoro si propone di indagare la tutela penale dei fenomeni di disastro ambientale. L’attuale disciplina è stata introdotta con la l. 22 maggio 2015 n. 68 ma già sul finire degli anni ‘70 l’arma della supplenza giudiziaria ha tentato di fornire una risposta sanzionatoria alle più gravi forme di inquinamento dell’ecosistema. Per meglio intendere le ragioni dell’opera giudiziaria e riformatrice e offrire un quadro completo della figura criminosa di cui si discute si è considerato innanzitutto necessario procedere a un’analisi del contesto normativo e della sua evoluzione. Le criticità di cui da sempre soffre il diritto penale ambientale, giovane fronte d’intervento di un legislatore che è stato per lungo tempo sordo nei confronti delle istanze di salvaguardia degli equilibri naturali, sono state superate in virtù di una duplice forza motrice. Da un lato grazie alla sensibilità sviluppatasi nell’ambito dell’Unione Europea la quale si è fatta promotrice appassionata della tutela dell’ecosistema; dall’altro, come osservato, è stata la stessa giurisprudenza a farsi carico delle esigenze politico – criminali sottese agli episodi disastrosi, intraprendendo un’operazione ermeneutica al limite – o forse anche travalicante il limite - del principio di legalità, rinvenendo nella disposizione di cui all’art. 434 c.p. la norma chiave per assicurare presidio a tali fenomeni. Si è ritenuto quindi di non poter prescindere dallo studio del delitto ora menzionato e del suo vissuto giurisprudenziale e dottrinale nell’intervallo di tempo che separa l’introduzione codice rocco dalla successiva evoluzione in chiave ambientale della fattispecie, che ha messo in luce una incriminazione particolarmente densa di problematiche interpretative e atta a presidiare fatti criminosi del tutto diversi rispetto a quelli ricadenti nella figura giudiziaria rivolta salvaguardare l’habitat naturale e umano dalle più feroci aggressioni. L’attenzione si è quindi concentrata su quest’ultima: dalla sua origine, fatta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
diritto penale
disastro ambientale
art. 452 quater c.p.
crollo di costruzioni
disastro innominato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi