Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo dell'identità: il ruolo del pregiudizio e degli stereotipi nella formazione di un'identità positiva in un gruppo di persone appartenenti a minoranze sessuali

Il presente elaborato vuole essere un piccolo contributo per capire il vasto concetto dello sviluppo dell’identità, in particolar modo, nelle persone appartenenti a minoranze sessuali. La formazione dell’identità personale è un processo continuo che dura tutta la vita ed è in continua evoluzione. Nelle persone appartenenti a minoranze sessuali lo sviluppo della propria identità deve affrontare uno step in più rispetto alle persone eterosessuali, accettando la propria identità gay, lesbica o bisessuale (LGB) e rivelandola al mondo che lo circonda (coming-out). Un’altra difficoltà con cui le persone LGB devono fare i conti è la società che li circonda. Infatti in una cultura eterosessista come la nostra, tutte quelle sessualità diverse dall’orientamento eterosessuale vengono considerate sbagliate e perverse (Borrillo, 2001), generando sentimenti di odio nelle persone (omofobia), atti di vittimizzazione verso le persone LGB (bullismo omofobico) che possono portare le persone appartenenti a minoranze sessuali a sviluppare alti livelli di stress cronico, definito da Meyer (2003) minority stress, che, a sua volta, portano ad interiorizzare pregiudizi e discriminazioni generando uno stigma sessuale interiorizzato e, in casi estremi, creando nell’individuo pensieri suicidi (ideazioni suicidaria).
In questa cornice teorica, abbiamo effettuato una ricerca sperimentale somministrando a un gruppo di 117 partecipanti LGB tra i 15 e i 35 anni una batteria di questionari denominata “Benessere e Realizzazione di Sé” che ha avuto come responsabile del progetto il Prof. Roberto Baiocco. Attraverso vari strumenti è stata valutata l’identità positiva in persone LGB e la sua correlazione con altri fattori (età, bullismo, lo stigma sessuale interiorizzato).
Sono state svolte le statistiche descrittive sulle dimensioni che costituiscono le varie scale, è stata effettuata un’analisi fattoriale e verificata l’attendibilità dei fattori estratti. Inoltre l’obiettivo della ricerca era quello di verificare i fattori che possono ostacolare o prevenire la formazione di una positiva identità di sé.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Il presente elaborato vuole essere un piccolo contributo per capire il vasto concetto dello sviluppo dell’identità, in particolar modo, nelle persone appartenenti a minoranze sessuali. La formazione dell’identità personale è un processo continuo che dura tutta la vita ed è in continua evoluzione. Nelle persone appartenenti a minoranze sessuali lo sviluppo della propria identità deve affrontare uno step in più rispetto alle persone eterosessuali, accettando la propria identità gay, lesbica o bisessuale (LGB) e rivelandola al mondo che lo circonda (coming-out). Un’altra difficoltà con cui le persone LGB devono fare i conti è la società che li circonda. Infatti in una cultura eterosessista come la nostra, tutte quelle sessualità diverse dall’orientamento eterosessuale vengono considerate sbagliate e perverse (Borrillo, 2001), generando sentimenti di odio nelle persone (omofobia), atti di vittimizzazione verso le persone LGB (bullismo omofobico) che possono portare le persone appartenenti a minoranze sessuali a sviluppare alti livelli di stress cronico, definito da Meyer (2003) minority stress, che, a sua volta, portano ad interiorizzare pregiudizi e discriminazioni generando uno stigma sessuale interiorizzato e, in casi estremi, creando nell’individuo pensieri suicidi (ideazioni suicidaria). In questa cornice teorica, abbiamo effettuato una ricerca sperimentale somministrando a un gruppo di 117 partecipanti LGB tra i 15 e i 35 anni una batteria di questionari denominata “Benessere e Realizzazione di Sé” che ha avuto come responsabile del progetto il Prof. Roberto Baiocco. Attraverso vari strumenti è stata valutata l’identità positiva in persone LGB e la sua correlazione con altri fattori (età, bullismo, lo stigma sessuale interiorizzato). Sono state svolte le statistiche descrittive sulle dimensioni che costituiscono le varie scale, è stata effettuata un’analisi fattoriale e verificata l’attendibilità dei fattori estratti. Inoltre l’obiettivo della ricerca era quello di verificare i fattori che possono ostacolare o prevenire la formazione di una positiva identità di sé.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Giulia Sestili Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 190 click dal 12/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.