Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'intertestualità in Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino

Facendo una ricerca sull’intertestualità nei film di Quentin Tarantino ho scoperto una grande lacuna di lavori utili da questo punto di vista, soprattutto per quanto riguarda l’intertestualità cinematografica. Trovo questo abbastanza interessante considerando il fatto che molti registi e sceneggiatori usano l’intertestualità per vari scopi nei loro lavori e per quello che riguarda Quentin Tarantino il concetto di intertestualità sia approfondito solo per i suoi primi film. Ci sono pochissimi saggi recenti in merito a questo argomento ed anche questo è abbastanza interessante poiché non c’è nessun altro sceneggiatore o regista che accumula consapevolmente così tante allusioni nel suo lavoro. Con questa tesi cercherò di fare una panoramica dell’uso e dell’importanza dell’intertestualità nella produzione cinematografica di Quentin Tarantino.
Il primo capitolo esporrà la trattazione teorica dell’intertestualità. Darò un breve sguardo alla storia del termine, riassumendo diversi approcci teorici e i differenti significati dati dai diversi studiosi e alla fine sceglierò il più adatto per analizzare i film di Tarantino.
La vita di Quentin Tarantino sarà il contenuto del secondo capitolo. Cercherò di trovare e sottolineare ogni possibile influenza che possa avere avuto importanza nella formazione del suo stile cinematografico. Basandomi su numerose interviste, saggi e biografie, mostrerò come la sua vita si intrecci alla sua intertestualità.
L’ultimo capitolo si concentrerà sul film Bastardi senza gloria. Il proposito di questo capitolo è quello di trovare e analizzare ogni traccia di intertestualità che Tarantino può aver inserito nel film.
Infine riassumerò i punti più importanti della tesi cercando di rispondere alla domanda sul ruolo che l’intertestualità gioca nella popolarità di Tarantino.
Lo scopo di questo lavoro non è né quello di analizzare teoricamente il concetto di intertestualità, né quello di scrivere una biografia sulla vita di Quentin Tarantino, ma semplicemente quello di fare un’analisi completa di Bastardi senza gloria come capolavoro intertestuale all’interno della cornice intertestuale del background tarantiniano.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Facendo una ricerca sull’intertestualità nei film di Quentin Tarantino ho scoperto una grande lacuna di lavori utili da questo punto di vista, soprattutto per quanto riguarda l’intertestualità cinematografica. Trovo questo abbastanza interessante considerando il fatto che molti registi e sceneggiatori usano l’intertestualità per vari scopi nei loro lavori e per quello che riguarda Quentin Tarantino il concetto di intertestualità sia approfondito solo per i suoi primi film. Ci sono pochissimi saggi recenti in merito a questo argomento ed anche questo è abbastanza interessante poiché non c’è nessun altro sceneggiatore o regista che accumula consapevolmente così tante allusioni nel suo lavoro. Con questa tesi cercherò di fare una panoramica dell’uso e dell’importanza dell’intertestualità nella produzione cinematografica di Quentin Tarantino. Il primo capitolo esporrà la trattazione teorica dell’intertestualità. Darò un breve sguardo alla storia del termine, riassumendo diversi approcci teorici e i differenti significati dati dai diversi studiosi e alla fine sceglierò il più adatto per analizzare i film di Tarantino. La vita di Quentin Tarantino sarà il contenuto del secondo capitolo. Cercherò di trovare e sottolineare ogni possibile influenza che possa avere avuto importanza nella formazione del suo stile cinematografico. Basandomi su numerose interviste, saggi e biografie, mostrerò come la sua vita si intrecci alla sua intertestualità.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Lisa Frasconi Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 158 click dal 26/01/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.