Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi comparativa dei geni del ciclo cellulare in A. Thaliana e S. Cerevisiae

Tesi di Laurea in bioinformatica e biologia molecolare.
Analisi dei geni regolatori del ciclo cellulare in due organismi modello Arabidopsis thaliana e Saccharomyces cerevisiae. Ricerca in databases biologici, e analisi filogenetica molecolare delle cicline dei due organismi e dell'uomo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1..Introduzione 1.1. La bioinformatica “La bioinformatica si occupa dello sviluppo di metodi computazionali per studiare la struttura, la funzione e l’evoluzione dei geni, delle proteine e di interi genomi; inoltre, allo stesso tempo fornisce dei metodi per la gestione e l’analisi di informazioni biologiche che derivano da esperimenti compiuti su scala genomica”( Higgs e Attwood). La bioinformatica fornisce un completamento della biologia molecolare fornendo ad essa gli strumenti per una analisi in silico delle informazioni che riguardano genomi, geni e i loro prodotti. In quest’ottica, la definizione di bioinformatica può essere modernamente rielaborata come biologia molecolare computazionale, che usa tecniche computazionali per studiare strutture, funzioni, regolazioni, reti di interazioni di geni e proteine, prefiggendosi come fine ultimo quello di analizzare e predire la funzione, l’organizzazione, la regolazione e il funzionamento degli interi genomi dei diversi organismi. Gli ultimi successi nello sviluppo di tecniche di sequenziamento ha permesso di ottenere in breve tempo una incommensurabile quantità di dati biologici impossibile da gestire sia nell’ archiviazione che nella messa a disposizione del mondo scientifico, senza l’ausilio di specifici strumenti, i quali sono forniti proprio dalla bioinformatica. La gestione dei dati è affidata a consorzi, essi organizzano e curano specifici databases che racchiudono informazioni biologiche sia provenienti da studi sperimentali diretti che disponibili in letteratura. La bioinformatica fornisce, inoltre, strumenti per l’analisi dei dati biologici che offrono un supporto indispensabile sia per l’interpretazione dei risultati sperimentali che per la pianificazione di nuovi studi. Nello scenario delle scienze della vita la bioinformatica irrompe come un nuovo approccio agli studi biologici in cui l’analisi in vitro è pianificata e supportata dalla possibilità sia di avere accesso in modo facile e veloce a una grande quantità di

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze biologiche

Autore: Mauro Calicchio Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 35 click dal 30/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.