Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Maghreb, un mosaico di lingue. Politiche linguistiche di Marocco, Algeria e Tunisia a confronto

Il presente lavoro è una breve analisi sulla particolare situazione linguistica del Maghreb, nella quale si trovano oggi i paesi di Marocco, Algeria e Tunisia.
È opinione diffusa che i paesi arabi siano abitati da persone arabe, di lingua araba e di religione islamica. Tuttavia questo è del tutto erroneo. L'obiettivo del mio lavoro, pertanto, è quello di prendere in esame l'attuale frammentario paesaggio linguistico dei tre paesi maghrebini, il problema del riconoscimento linguistico delle minoranze, e capire quali sono i processi che hanno portato al plurilinguismo.
Questo non è certamente il primo lavoro su tale argomento, tuttavia può essere considerato un approccio iniziale alla questione, sulle quali hanno già lavorato e scritto molti esperti. La mia documentazione è avvenuta grazie alla lettura di questi scritti, ed inoltre ho avuto modo di studiare documenti ufficiali come costituzioni, leggi e bollettini ufficiali che sono stati pubblicati nel corso del tempo.
Nel primo capitolo vengono illustrati i principali fatti storici della regione del Maghreb sin dall'antichità, fino ad arrivare alla nascita dei paesi di Marocco, Algeria e Tunisia, fino alla loro indipendenza avvenuta nella seconda metà del '900.
Nel secondo capitolo viene affrontato il tema linguistico. Vengono brevemente presentate le maggiori varietà linguistiche rimaste nell'uso, e vengono analizzate le lingue più parlate, ovvero il berbero, l'arabo standard e il francese, e le politiche linguistiche che le riguardano, emanate dai governi dei tre paesi presi in esame.
Inoltre, un sottocapitolo è dedicato interamente alla scolarizzazione.
Nel terzo capitolo si parla della darija, il dialetto arabo parlato nel Maghreb e lingua madre della maggioranza degli abitanti. Pur non godendo ancora di nessun riconoscimento ufficiale, viene utilizzato sempre di più anche nella stampa e nei nuovi media, sebbene non abbia un codice definito. Si parla anche della ḥassāniyya, una altro dialetto parlato al sud di Marocco e Algeria, che merita di essere citato.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro è una breve analisi sulla particolare situazione linguistica del Maghreb, nella quale si trovano oggi i paesi di Marocco, Algeria e Tunisia. È opinione diffusa che i paesi arabi siano abitati da persone arabe, di lingua araba e di religione islamica. Tuttavia questo è del tutto erroneo. L'obiettivo del mio lavoro, pertanto, è quello di prendere in esame l'attuale frammentario paesaggio linguistico dei tre paesi maghrebini, il problema del riconoscimento linguistico delle minoranze, e capire quali sono i processi che hanno portato al plurilinguismo. Questo non è certamente il primo lavoro su tale argomento, tuttavia può essere considerato un approccio iniziale alla questione, sulle quali hanno già lavorato e scritto molti esperti. La mia documentazione è avvenuta grazie alla lettura di questi scritti, ed inoltre ho avuto modo di studiare documenti ufficiali come costituzioni, leggi e bollettini ufficiali che sono stati pubblicati nel corso del tempo. Nel primo capitolo vengono illustrati i principali fatti storici della regione del Maghreb sin dall'antichità, fino ad arrivare alla nascita dei paesi di Marocco, Algeria e Tunisia, fino alla loro indipendenza avvenuta nella seconda metà del '900. Nel secondo capitolo viene affrontato il tema linguistico. Vengono brevemente presentate le maggiori varietà linguistiche rimaste nell'uso, e vengono analizzate le lingue più parlate, ovvero il berbero, l'arabo standard e il francese, e le politiche linguistiche che le riguardano, emanate dai governi dei tre paesi presi in esame. Inoltre, un sottocapitolo è dedicato interamente alla scolarizzazione. Nel terzo capitolo si parla della darija, il dialetto arabo parlato nel Maghreb e lingua madre della maggioranza degli abitanti. Pur non godendo ancora di nessun riconoscimento ufficiale, viene utilizzato sempre di più anche nella stampa e nei nuovi media, sebbene non abbia un codice definito. Si parla anche della ḥassāniyya, una altro dialetto parlato al sud di Marocco e Algeria, che merita di essere citato. 8

Laurea liv.I

Facoltà: Studi Umanistici

Autore: Ilaria Tatti Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 61 click dal 13/07/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.