Skip to content

Valutazione inclusiva

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Vento
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica "E-Campus"
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Pedagogia
  Relatore: Maria Gioia Pierotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

Sono lo studente Francesco Vento iscritto all’Università Ecampus al secondo anno della Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche LM 85. Ho deciso di affrontare con il prezioso aiuto della Prof.ssa Maria Gioia Pierotti lo studio di un particolare argomento che riguarda il mondo della scuola di oggi ovvero la "Valutazione Inclusiva". Prima di approcciarmi a tale argomento ho eseguito una analisi di tutti gli argomenti inerenti tale tematica. Tenuto conto anche della mia professione ho studiato, visionato, meditato ed indagato diversi argomenti che sviluppano il concetto della “Valutazione Inclusiva”. La mia tesi di laurea è composta, oltre che da introduzione e conclusione, da tre significativi capitoli.
Si inizia con il primo capitolo scomposto in tre sotto capitoli che individuano come oggetto di studio “L’educazione inclusiva” dove si parte con una ampia ricerca sulla odierna concezione di istituzione Scuola e del mondo dell’Istruzione. Il tutto verrà esplicitato considerando anche le interazioni sinergiche tra la Scuola e il concetto complesso di cultura che implica le strutture di Didattica e Pedagogia Speciale collegate tra loro con varie sfumature. In seguito a ciò si andranno a vedere le correlazioni e la funzione che svolge la Scuola di oggi nella tutela del minore e come essa diventi una struttura a tutti gli effetti multiforme e multifattoriale. Proprio da ciò si giunge ad esplicitare il nuovo concetto di “Inclusione scolastica” chiarendo la sua storia la sua istituzione e tutto ciò che concerne in termini normativi, pedagogici, didattici, applicativi, procedurali e metodologici.
Questo risulterà essere un fondamentale capitolo che pone le basi per la dissertazione successiva del secondo capitolo inerente “La Valutazione”. In questo capitolo si svilupperà una proficua articolazione sull’argomento, si affronteranno le varie sfumature inerenti, tenendo come base la concezione dello psicologo russo Vygostkij. Da qui si giungerà al fulcro della questione ovvero si andrà ad esplicitare cosa concerne la valutazione per allievi con bisogni educativi speciali.
Così verranno spiegate cosa sono realmente i bisogni educativi speciali e come si sviluppa la loro valutazione in un’ottica inclusiva. Si illustreranno così i concetti fondamentali di Portfolio delle competenze, ICF e PDP che concorrono ad una valutazione inclusiva di tutti gli allievi che compongono le classi della nostra scuola italiana.
In seguito a questo si passerà al terzo capitolo, inerente la “Inclusione e valutazione” ovvero tutta quella serie di strumenti compensativi e dispensativi metodologici che aiutano a sviluppare nella pratica una valutazione inclusiva.
Quindi si chiariranno la figura dell’insegnante di sostegno che nell’ottica inclusiva assume una nuova veste. Poi si espliciterà il concetto di “approccio delle capacità” applicato alla disabilità e ai Bisogni Educativi Speciali, fino a giungere alle tecnologie e a strumenti compensativi.
L’obiettivo di tale lavoro di tesi è di potere dare uno sguardo sulle nuove direzioni che deve intraprendere la Scuola di oggi. Osservare quest’ambito in un’ottica descrittiva ma anche informativa, didascalica e formativa.
La scuola inclusiva, quindi, intesa come scuola che raccoglie l’intera parte umana di ogni alunno dove le diversità vengono viste e interpretate come risorsa senza opposizione e scandalo.
La valutazione nella scuola inclusiva assume determinati caratteri quali:
 La valutazione è autentica per ciascuna fase del suo sviluppo senza che si limiti a misurare, a classificare e a definire.
 Affrontando il rischio educativo, essa accetta la sfida posta dalla diversità nei livelli esistenziale, culturale e didattico.
 Accoglie le diverse forme ed espressioni specifiche della diversità (segnale della struttura speciale profonda dell’unitarietà della persona).
 Assolve alle esigenze di differenziazione della diversità.
 Partecipa a produrre ambienti di apprendimento efficaci ed inclusivi.
 Sopporta e conduce percorsi speciali didattici personalizzati costantemente rispondenti alle esigenze dei bisogni educativi, allo scopo di non far diventare le diversità delle disuguaglianze seguendo il percorso di una didattica personalizzata.
Arrivare così, a comprendere che la valutazione inclusiva assume il ruolo di una valutazione del profitto scolastico degli allievi con bisogni educativi speciali, che frequentano le classi comuni della scuola italiana, in cui il sistema e l’azione valutativa sono studiate con lo scopo di incoraggiare l’apprendimento di tutti gli allievi.
L’obiettivo e traguardo finale della valutazione inclusiva è che il complesso di tutte le pratiche, i metodi e i processi di valutazione diano un sostegno, un incoraggiamento e un’incentivazione a promuovere la partecipazione scolastica e l’integrazione di tutti gli allievi.

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Vento
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica "E-Campus"
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Pedagogia
  Relatore: Maria Gioia Pierotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
[8] 1.1 Un’idea di cultura e scuola Per quanto il fine della educazione scolastica sia unico, o, per meglio dire, unitario - formazione della personalità umana nella sua integralità e nella sua dimensione individuale e sociale - esso tuttavia non può essere pura forma, ma deve concretizzarsi in un contenuto, o in una serie di contenuti che si riuniscono nel concetto generale di cultura. Questi contenuti assumono anche forme proprie e specifiche in rapporto alla situazione storico-sociale nella quale l’educando si trova a vivere. Una educazione meramente «formale», in senso proprio potrebbe infatti significare una potenziale indifferenza rispetto ai contenuti, non solo, ma addirittura come capacità che di fatto non si definisce come una attuale capacità verso qualche cosa. La conseguenza sarebbe una scuola che, rivolta ad un futuro più o meno misterioso o indecifrabile, si esaurirebbe in una capacità che non è capace di nulla, perché non contiene nulla. Se l’educazione allora, non è puro esercizio formale ma aiuto, stimolo, guida all’educando perché si appropri attivamente di qualche cosa, il discorso allora verte sulla cultura come contenuto della educazione. A proposito del termine di cultura, è necessario precisarne il concetto, o i concetti, cui essa si riferisce. Nel suo significato etimologico, il termine si rifà al latino colere, ed indicava originariamente la cura e l’educazione delle capacità dell’uomo, e della sua possibilità di innalzarsi al di sopra del semplice stato di natura. In questo senso furono anche usati, come sinonimi, i termini di humanitas, di civitas, per indicare, appunto, l’esercizio delle facoltà spirituali, allo scopo di metterle in condizione di dare i frutti più abbondanti e migliori consentiti dalla costituzione dell’uomo. In una seconda accezione, il termine cultura è venuto a sostanziarsi per indicare non l’operazione, ma i mezzi con cui si attua la «coltivazione», ovvero anche l’ambiente in cui si svolge l’operazione. In questo senso, da un significato soggettivo, il termine cultura ha acquistato una significazione oggettiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disabilità
bisogni educativi speciali
valutazione
tecnologie
capacità
inclusione
vygotskij
ruolo della scuola
competenze compensative
insegnante specializzato al sostegno

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi