Skip to content

Ruolo della risposta immunitaria innata nell’infezione da Coronavirus SARS-CoV-2

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Latino
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Scienze Biotecnologiche
  Corso: Biotecnologie sanitarie
  Relatore: Lorenzo Mortara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 24

A partire dal mese di dicembre 2019, a Wuhan, nella provincia di Hubei in Cina, si è diffuso un virus che ha avuto origine dai pipistrelli ed è stato trasmesso all’uomo tramite un ospite intermedio tuttora sconosciuto. Il virus appartiene alla specie SARS-CoV e rappresenta la causa della sindrome respiratoria acuta grave denominata COVID-19 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS); quest’ultima ha dichiarato, il 28 febbraio 2020, lo stato di epidemia e successivamente l’11 marzo 2020 la pandemia, poiché diffuso in tutto il pianeta. Ad oggi sono 2.971.831 i casi confermati nel mondo e 206.553 i morti secondo i dati dell’OMS (aggiornamento 27 aprile 2020).
L’obiettivo di questo studio è quello di analizzare il ruolo della risposta immunitaria innata nell’infezione da SARS-CoV-2 partendo da un’introduzione relativa alla descrizione del sistema immunitario, dei suoi protagonisti e del ruolo del processo infiammatorio nel nostro organismo. Poiché si tratta di un ceppo nuovo, i dati e le notizie relative ad esso sono in fase di verifica e di approfondimento da parte della comunità scientifica mondiale. Per questo motivo la descrizione del virus SARS-CoV-2 è preceduta da una breve trattazione attinente alla sottofamiglia Orthocoronavirinae o Coronavirus, focalizzando l’attenzione sugli altri due ceppi che hanno destato un particolare interesse a livello mondiale nell’ultimo ventennio, dopo essere riusciti a superare le barriere di specie infettando l’uomo. L’approfondimento e la comprensione dell’origine, epidemiologia, sintomatologia e della scomparsa di SARS-CoV (2003) e di MERS-Cov (2012) potrebbero suggerire una futura soluzione all’odierna crisi di salute pubblica.
I farmaci oggetto di studio per il trattamento della malattia COVID-19 sono molteplici così come le sperimentazioni per la realizzazione di un vaccino efficace e in grado di prevenire altre possibili ricomparse del virus. In attesa di un vaccino sicuro ed efficace, è importante capire la fisiopatologia dell’infezione SARS-CoV-2 sia per mitigare gli effetti negativi e pericolosi per la vita sia per individuare delle vie risolutive. Tra queste, ve ne sono due ipotetiche che saranno descritte dettagliatamente: la prima si pone l’obiettivo di rafforzare la Trained Immunity tramite la vaccinazione contro altri microrganismi diversi da SARS-CoV-2, la seconda ha l’intento di limitare la tempesta di citochine che è stata individuata nei pazienti infetti da SARS-CoV-2. Una terza possibile ipotesi di lavoro, che verrà sinteticamente illustrata, potrebbe essere quella riguardante il trattamento della sintomatologia cardiaca, individuata più recentemente in presenza di episodi di trombosi venosa e arteriosa.
In conclusione, l’auspicio è che ancora una volta la Scienza possa intervenire in modo tempestivo e risolutivo per contenere la diffusione di questo virus e fronteggiarne eventuali ricomparse, evitando soprattutto di aumentare il già elevato numero di decessi finora registrati.

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Latino
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Scienze Biotecnologiche
  Corso: Biotecnologie sanitarie
  Relatore: Lorenzo Mortara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 24

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 RIASSUNTO A partire dal mese di dicembre 2019, a Wuhan, nella provincia di Hubei in Cina, si è diffuso un virus che ha avuto origine dai pipistrelli ed è stato trasmesso all’uomo tramite un ospite intermedio tuttora sconosciuto. Il virus appartiene alla specie SARS-CoV e rappresenta la causa della sindrome respiratoria acuta grave denominata COVID-19 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS); quest’ultima ha dichiarato, il 28 febbraio 2020, lo stato di epidemia e successivamente l’11 marzo 2020 la pandemia, poiché diffuso in tutto il pianeta. Ad oggi sono 2.971.831 i casi confermati nel mondo e 206.553 i morti secondo i dati dell’OMS (aggiornamento 27 aprile 2020). L’obiettivo di questo studio è quello di analizzare il ruolo della risposta immunitaria innata nell’infezione da SARS-CoV-2 partendo da un’introduzione relativa alla descrizione del sistema immunitario, dei suoi protagonisti e del ruolo del processo infiammatorio nel nostro organismo. Poiché si tratta di un ceppo nuovo, i dati e le notizie relative ad esso sono in fase di verifica e di approfondimento da parte della comunità scientifica mondiale. Per questo motivo la descrizione del virus SARS-CoV-2 è preceduta da una breve trattazione attinente alla sottofamiglia Orthocoronavirinae o Coronavirus, focalizzando l’attenzione sugli altri due ceppi che hanno destato un particolare interesse a livello mondiale nell’ultimo ventennio, dopo essere riusciti a superare le barriere di specie infettando l’uomo. L’approfondimento e la comprensione dell’origine, epidemiologia, sintomatologia e della scomparsa di SARS-CoV (2003) e di MERS-Cov (2012) potrebbero suggerire una futura soluzione all’odierna crisi di salute pubblica. I farmaci oggetto di studio per il trattamento della malattia COVID-19 sono molteplici così come le sperimentazioni per la realizzazione di un vaccino efficace e in grado di prevenire altre possibili ricomparse del virus. In attesa di un vaccino sicuro ed efficace, è importante capire la fisiopatologia dell’infezione SARS-CoV-2 sia per mitigare gli effetti negativi e pericolosi per la vita sia per individuare delle vie risolutive. Tra queste, ve ne sono due ipotetiche che saranno descritte dettagliatamente: la prima si pone l’obiettivo di rafforzare la Trained Immunity tramite la vaccinazione contro altri microrganismi diversi da SARS-CoV-2, la seconda ha l’intento di limitare la tempesta di citochine che è stata individuata nei pazienti infetti da SARS-CoV-2. Una terza possibile ipotesi di lavoro, che verrà sinteticamente illustrata, potrebbe essere quella riguardante il trattamento della sintomatologia cardiaca, individuata più recentemente in presenza di episodi di trombosi venosa e arteriosa. In conclusione, l’auspicio è che ancora una volta la Scienza possa intervenire in modo tempestivo e risolutivo per contenere la diffusione di questo virus e fronteggiarne eventuali ricomparse, evitando soprattutto di aumentare il già elevato numero di decessi finora registrati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

il-6
anticoagulanti
coronavirus
risposta immunitaria
cellule natural killer
covid-19
sars-cov-2
polmonite interstiziale
tocilizumab
tempesta di citochine

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi