Skip to content

Il Soft Power della Cina nella Regione del Corno d'Africa

Informazioni tesi

  Autore: Ludovica Aicha Brambilla
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: vittorio emanuele parsi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

I rapporti tra Africa e Cina risalgono al secondo dopoguerra ma recentemente stanno aumentando considerevolmente. Infatti, negli ultimi due decenni, la Repubblica Popolare Cinese è diventata un partner commerciale ed un investitore cruciale per alcuni paesi africani, tra di essi quelli nell’area del Corno d’Africa possono essere facilmente delineati come una regione di particolare e recente interesse.
Lo scopo dell’elaborato è quello di comprendere meglio la natura di queste connessioni, più precisamente mira a comprendere in che modo le relazioni crescenti tra questi paesi debbano essere inquadrate all’interno di una strategia di soft power, piuttosto che come attività volte prettamente alla creazione di una strategia geo-economica.
Questo elaborato si divide in tre parti e, in primo luogo, fornisce un’introduzione teorica al concetto di soft power formulato da Nye. Il secondo capitolo si concentra sul contesto al quale si fa riferimento tracciando le peculiarità e le diverse espressioni della strategia di soft power portata avanti dalla Repubblica Popolare cinese a livello globale. Infine, il terzo capitolo è dedicato all’argomento cuore della tesi, dopo un breve excursus storico delle relazioni politiche tra il Corno e la Cina, l’elaborato approfondisce i vari aspetti e strumenti del “Chinese soft power” nella regione. Vengono presi in considerazione diversi elementi tra cui l’attrattività del successo del modello cinese di sviluppo, la pratica diplomatica con i quattro paesi, il ruolo delle telecomunicazioni e dei media, lo strumento degli Istituti Confucio e degli scambi educativi. A questo punto, il testo arriva ad esporre le conclusioni della tesi e la risposta al quesito principale della stessa.

Informazioni tesi

  Autore: Ludovica Aicha Brambilla
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: vittorio emanuele parsi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE "La cultura è diventata una fonte sempre più importante di coesione e creatività nazionale e un fattore di crescente importanza nella competizione per la forza nazionale complessiva" […]; Dobbiamo valorizzare la cultura come parte del soft power del nostro paese per garantire meglio i diritti e gli interessi culturali fondamentali del popolo” 1 Con queste parole, l’ex segretario generale del Partito Comunista Cinese Hu Jintao presentava, all’interno del 17° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese del 2007, l’iniziativa chiave a livello nazionale che avrebbe dato inizio all’impresa, pensata e pianificata, di costruzione da parte della Cina del suo soft power a livello globale. Il concetto di Soft Power ha iniziato ad essere al centro dei dibattiti di politica internazionale durante gli anni Novanta, dopo che Joseph S. Nye, famoso studioso statunitense e preside della Kennedy School of Government di Harvard, coniò il termine all’inizio del decennio. Riflettendo sul significato di potere, inteso come la capacità di influenzare i comportamenti altrui per ottenere il risultato voluto, 2 Nye definì come soft power la modalità indiretta in cui esercitare tale potere, ovvero la modalità che non richiede l’uso di minacce o di ricompense. Originariamente il potere veniva costruito basandosi sulla forza militare ed economica, questa sua prima faccia viene chiamata hard power e si contrappone al soft power, il quale si basata sull’attrazione e la capacità di persuasione della cultura, dei valori e delle politiche di un Paese. Quando Nye scrive a proposito di questa seconda faccia del potere lo fa avendo in mente la potenza che più di tutte è stata detentrice di soft power nel XX secolo, ovvero gli Stati Uniti d’America. Tuttavia, con il nuovo millennio la PRC 3 ha mostrato un forte impegno nella costruzione di una strategia di soft power, tanto che dal 2007 è entrato a far parte delle priorità nazionali in politica estera, in particolare in riferimento alla promozione del cosiddetto sviluppo pacifico. Vale a dire che la Cina vuole proporsi come partner commerciale affidabile e soprattutto mira ad eliminare il pregiudizio diffuso di una “minaccia cinese” per diventare membro attivo e affermato all’interno della comunità internazionale. In un’intervista dell’aprile 2016 per il Centre for Strategic and International Studies, J. Nye riflette sul soft power cinese e spiega come quest’ultimo stia funzionando in determinate aree 1 Parte del discorso di Hu Jintao del 15 ottobre 2007 riportato da ChinaDaily.com 2 J. S. Nye, “Soft Power. The means to success in world politics”, PubblicAffairs, New York 2004, p. 3. 3 Acronimo utilizzato di seguito per identificare la Repubblica Popolare Cinese
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi