Skip to content

Determinazione dell'efficienza di raccolta in camere a ionizzazione usate in fasci di radiazione con elevata dose per impulso

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Pandolfo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Fisica
  Relatore: Agostina Congiu Castellano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

L’argomento di questa tesi riguarda la ricombinazione ionica nelle camere a ionizzazione utilizzate per la dosimetria dei fasci di radiazione impiegati in radioterapia.
Le camere a ionizzazione sono i rivelatori più usati per effettuare misure di dose assorbita per applicazioni in radioterapia. Una delle fonti di incertezza nelle misure di dose assorbita, effettuate mediante questi rivelatori, è costituita dalla misura della carica prodotta dalla radiazione nel gas (tipicamente aria) di cui è riempita la cavità della camera. Il valore di carica misurato da una camera a ionizzazione non può essere utilizzato direttamente per determinare la dose assorbita, poichè la carica raccolta dagli elettrodi del rivelatore è inferiore alla carica generata dalla radiazione incidente, a causa del fenomeno della ricombinazione ionica. La dose assorbita in un mezzo è proporzionale alla carica prodotta dalla radiazione nel gas di riempimento della cavità della camera a ionizzazione. Se si utilizzasse il segnale di carica fornito dalla camera a ionizzazione, senza correggerlo per la perdita di carica dovuta a ricombinazione, si determinerebbe una dose assorbita inferiore a quella realmente impartita. Data l’incertezza richiesta sulla misura di dose assorbita in acqua (<3%) l’incertezza sulla misura di carica deve necessariamente essere inferiore a questo valore.
In base ai più recenti modelli relativi all’efficienza di raccolta (data dall’inverso del fattore correttivo per la ricombinazione di carica) in camere a ionizzazione ad aria, l’efficienza di raccolta dipende non solo dalla ricombinazione ionica ma anche dalla presenza di elettroni che migrano direttamente verso l’elettrodo di raccolta della carica (elettroni liberi). In questo lavoro è stata studiata l’adeguatezza dei metodi impiegati per correggere gli effetti di ricombinazione, considerando gli sviluppi più recenti della teoria proposta per tener conto dell’effetto degli elettroni liberi sull’efficienza di raccolta, in un fascio di radiazione pulsata con elevata dose per impulso. Questa teoria non ha avuto a tutt’oggi verifiche sperimentali mediante misure in fasci di questo tipo.
Il lavoro sperimentale è consistito in misurazioni di dose assorbita in acqua eseguite con camere a ionizzazione e con il dosimetro chimico a solfato ferroso, che permette la misura della dose assorbita con un meccanismo che non coinvolge la ionizzazione prodotta in un gas ed è indipendente dalla dose per impulso. Il valore di dose assorbita fornito dal dosimetro chimico è stato assunto come riferimento.
I risultati del confronto tra i valori di dose assorbita misurati con le camere e con il dosimetro di riferimento indicano che la correzione per la ricombinazione ionica derivata dal modello teorico senza elettroni liberi risulta non essere adeguata in fasci di radiazione pulsata con elevata dose per impulso. I fattori correttivi derivati dai modelli che prendono in considerazione la componente di elettroni liberi presente nella corrente di ionizzazione portano a un migliore accordo i risultati ottenuti con camere a ionizzazione e dosimetro chimico. Tuttavia, anche con queste correzioni, il valor medio della dose assorbita in acqua misurata dalle camere a ionizzazione è risultato essere sempre diverso da quello di riferimento.
In questo quadro fa eccezione una delle camere a ionizzazione considerate che, quando è polarizzata ad una tensione di 1000 V, mostra un comportamento diverso. I risultati ottenuti mostrano che tutti i modelli che tengono conto della componente di elettroni liberi riescono a correggere adeguatamente la perdita di segnale dovuta alla ricombinazione. Purtroppo non è stato possibile verificare se questo effetto di maggiore efficacia della correzione ad elevati potenziali di polarizzazione, valga anche per altre camere (non è stato possibile, per limiti costruttivi, aumentare la tensione oltre i 300 V).
In definitiva, i risultati mostrano che gli attuali modelli teorici per determinare l’efficienza di raccolta ad alte dosi per impulso non sono completamente adeguati. Gli stessi risultati non consentono tuttavia di poter trarre già delle precise indicazioni su dove tali modelli siano carenti. E’ necessario quindi proseguire questa sperimentazione soprattutto considerando una più vasta tipologia di camere a ionizzazione, in modo da escludere che grandi problemi possano dipendere da effetti spuri introdotti dagli specifici metodi di misura fin qui considerati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’argomento di questa tesi riguarda la ricombinazione ionica nelle camere a ionizzazione utilizzate per la dosimetria dei fasci di radiazione impiegati in radioterapia. Nella dosimetria in radioterapia è richiesta un’incertezza minore del 3% in relazione alla misura di dose assorbita in acqua, il mezzo di riferimento che simula meglio le proprietà di assorbimento e diffusione del tessuto biologico. Errori superiori al 3% nella dosimetria di base, possono ripercuotersi sulla possibilità di successo del trattamento radioterapico. Le camere a ionizzazione sono i rivelatori più usati per effettuare misure di dose assorbita per applicazioni in radioterapia, essendo i rivelatori con le migliori caratteristiche di sensibilità e precisione. Una delle fonti di incertezza nelle misure di dose assorbita, effettuate mediante questi rivelatori, è costituita dalla misura della carica prodotta dalla radiazione nel gas (tipicamente aria) di cui è riempita la cavità della camera a ionizzazione. Il valore di carica misurato da una camera a ionizzazione non può infatti essere utilizzato direttamente per determinare la dose assorbita, poiché la carica raccolta dagli elettrodi della camera è inferiore alla carica effettivamente generata dalla radiazione incidente, a causa del fenomeno della ricombinazione ionica. La dose assorbita in un mezzo è proporzionale alla carica prodotta dalla radiazione nel gas di riempimento della cavità costituente il volume sensibile della camera a ionizzazione. Pertanto, se si utilizzasse il segnale di carica fornito dalla camera a ionizzazione, senza correggerlo per la perdita di carica dovuta a

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alta dose per impulso
camere a ionizzazione
efficienza di raccolta
elettroni liberi
ricombinazione ionica
fasci di radiazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi