Skip to content

Il modello delle amministrazioni indipendenti in Italia e negli Stati Uniti. Profili comparati di disciplina della concorrenza.

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Colangelo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: F.g. Scoca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

La tesi si propone di analizzare l'evolversi della disciplina antitrust negli Stati Uniti ed in Italia con particolare riguardo all'emergere delle amministrazioni indipendenti. A tal fine, viene proposta una ricostruzione comparata del diverso contesto nel quale le authorities sono state istituite prima negli Stati Uniti e poi in Europa: vengono analizzate in particolare le funzioni ed i poteri della Federal Trade Commission e dell'Autorità Garante del Mercato e della Concorrenza. L'evoluzione della disciplina antitrust viene condotta principalmente attraverso una disamina della casistica giurisprudenziale al fine di sottolineare l'impatto decisivo delle diverse teorie economiche: si sottolinea il diverso atteggiamento proposto dalla per se condemantion theory e dalla rule of reason. Il tentativo esperito è quello utilizzare l'analisi economica per dare una lettura dinamica delle vicende che attraversano il diritto della concorrenza: di come siano stati elaborati i concetti di mercato rilevante, di abuso di posizione dominante, di tying, di essential facility, di monopoly leveraging, di network externalities e così via.La storia della legislazione antitrust negli Stati Uniti ed in Europa può essere riletta come la rappresentazione delle diverse modalità con cui, in fasi storiche e in contesti istituzionali quanto mai differenti, è stato affrontato il nodo cruciale dello sviluppo dei paesi occidentali, il ''dilemma'' irrisolto della democrazia liberale: l'emergere nel mercato, come espressione e prodotto della libertà individuale, del fenomeno opposto del potere privato; un potere tanto più pericoloso, che minaccia non solo di menomare la libertà economica degli altri individui, bensì di incidere sull'equilibrio delle decisioni pubbliche, e che dunque può essere fronteggiato soltanto con un accrescimento del potere pubblico, ossia con qualcosa che a sua volta può tradursi in una ulteriore restrizione degli spazi dell'autonomia individuale.Una società democratica è e resta tale se riesce a definire e a salvaguardare due confini: l'uno, al di là del quale sorge il potere non legittimo degli individui; l'altro, al di là del quale lo stesso potere pubblico legittimo diventa illegittimo.Tutto il dibattito che percorre la società contemporanea verte, in definitiva, sul ''dove'' collocare tali confini. Le complesse vicende concernenti le normative e le politiche antitrust ruotano, sostanzialmente, intorno al medesimo problema, cioè intorno alla alternativa tra la tensione verso un assetto dei mercati che privilegi l'eguaglianza delle opportunità ed un'altra che tuteli invece prioritariamente la remunerazione delle attività imprenditoriali.Il profilo che assume nei vari Paesi quello che chiamiamo lo ''Stato regolatore'' (funzioni, tecniche, soggetti) e lo sviluppo delle relazioni, delle contaminazioni e delle affinità tra i sistemi amministrativi, con riguardo particolare alle politiche di regulation, è oggetto privilegiato di analisi interdisciplinaridalle quali emerge il progressivo atteggiarsi dello Stato come ''Stato limitato'', che non significa Stato astensionista, ma che circoscrive il raggio delle risposte che organizza da sè e che invece rispetta sempre di più le logiche d'azione dei sistemi regolati dei quali tende a farsi garante.Il principale di questi sistemi, in cui il vivere sociale si articola mediante l'organizzazione normativa, come ci insegna la più matura esplicitazione della lettura weberiana e kelseniana, è appunto il mercato, che sarebbe sbagliato considerare un locus naturalis.Parlare di antitrust significa appunto sicuramente ''ibridare'' diritto ed economia, considerare cioè la valenza economica della istituzione-concorrenza come un quadro entro il quale deve condursi la valutazione dei diritti degli operatori sul mercato, in un doppio ambito di tutela, l'uno di tipo pubblicistico e l'altro di tipo privatistico: interesse generale versus massimizzazione del profitto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 L’orizzonte nel quale si colloca lo sforzo di analisi del presente lavoro è il medesimo prescelto da un recentissimo saggio di Giuliano Amato, che fornisce non soltanto una limpidissima ricostruzione storico-critica delle forme e dei criteri della regolazione pubblica dell’iniziativa privata, ma evidenzia anche con grande finezza la vivissima attualità delle questioni, delle opzioni e dei dilemmi che caratterizzano l’evoluzione della disciplina del mercato e della concorrenza negli Stati Uniti ed in Europa 1 . La storia della legislazione antitrust negli Stati Uniti ed in Europa può essere riletta come la rappresentazione delle diverse modalità con cui, in fasi storiche e in contesti istituzionali quanto mai differenti, è stato affrontato il nodo cruciale dello sviluppo dei paesi occidentali, il “dilemma” irrisolto della democrazia liberale: l’emergere nel mercato, come espressione e prodotto della libertà individuale, del fenomeno opposto del potere privato; un potere tanto più pericoloso, che minaccia non solo di menomare la libertà economica degli altri individui, bensì di incidere sull’equilibrio delle decisioni pubbliche, e che dunque può essere fronteggiato soltanto con un accrescimento del potere pubblico, ossia con qualcosa che a sua volta può tradursi in una ulteriore restrizione degli spazi dell’autonomia individuale 2 . Una società democratica è e resta tale se riesce a definire e a salvaguardare due confini: l’uno, al di là del quale sorge il potere non legittimo degli individui; l’altro, al di là del quale lo stesso potere pubblico legittimo diventa illegittimo 3 . Tutto il dibattito che percorre la società contemporanea verte, in definitiva, sul “dove” collocare tali confini. Le complesse vicende concernenti le normative e le politiche antitrust ruotano, sostanzialmente, intorno al medesimo problema, cioè intorno alla alternativa tra la tensione verso 1 G.AMATO, Antitrust and the Bounds of Power. The Dilemma of Liberal Democracy in the History of the Market, Oxford 1997. 2 ibidem, p.2. 3 ibidem, p.3.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi