Skip to content

Potere, stato e diritti in Michel Foucault

Informazioni tesi

  Autore: Simone Romanoni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Mario Antomelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 196

Il mio lavoro di tesi su Michel Foucault si presenta come una ricognizione storiografica che deve il suo inizio alla impossibilità di fruire di una interpretazione unitaria del filosofo francese, di certo una delle figure culturali più affascinanti del Novecento, ma anche una delle più ambigue e maltrattate. Leggendo alcune sue prese di posizione, infatti, rimane spesso un senso di smarrimento, sia perché le sue parole cedono di frequente al gusto di una raffinata provocazione, sia perché a volte sono in tensione con le azioni concrete della biografia.
Ecco allora che sorge il desiderio di capire meglio questo strano personaggio dai mille volti e colori: come scegliere tra chi ne ha fatto un inossidabile militante del dissenso e chi, al contrario, ha visto in lui il profilo di uno scettico che non crede nemmeno a quello che dice, ma dice e fa solo per sete di denaro? Come scegliere tra chi lo ha collocato a Sinistra (tra i Maoisti, i Marxisti, i Comunisti…) e chi ha cercato invece di cogliere la rigidità di ogni possibile collocazione, ricordando che Foucault da un lato aveva stracciato la tessera del Partito Comunista Francese, e dall’altro, ad un certo punto, aveva pure rivalutato, e invitato a studiare, il liberalismo?
Sullo sfondo di simili interrogativi e nell’ambizioso progetto di fare chiarezza sul pensiero più segreto di Foucault, la mia tesi si muove considerando come centrale lo snodo problematico dei rapporti tra potere e diritto nel tempo del presente: dal rifiuto di un diritto al singolare imposto da un potere microfisico che occupa il ruolo del nemico, si passerà al doveroso riconoscimento di un orizzonte plurale dei diritti, di fronte al quale il potere non può che porsi come un irrinunciabile interlocutore.
Al lettore il piacere di giudicare se si tratta di una imbarazzante contraddizione, di una svolta politica improvvisa oppure di una scelta, dal punto di vista teorico, perfettamente in linea con l’evoluzione del pensiero di Foucault tra gli anni Settanta e Ottanta.

S.R.
Pavia, 26 novembre 2002

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE: UNA “STORIA DEL PRESENTE” Avviare uno studio su Michel Foucault potrebbe sembrare ad alcuni una inutile perdita di tempo, uno sterile esercizio di interpretazione di temi e problemi già troppo noti alla comunità degli studiosi, perché più volte ripresi, analizzati e commentati nel corso degli ultimi vent’anni. Dalla morte del filosofo 1 molte ricerche sono apparse, anche se non tutte possono dirsi leali nel loro tentativo di ricostruire una figura che resta senza dubbio enigmatica: del resto era già lo stesso Foucault a lamentarsi dei pregiudizi di cui la sua opera cadeva vittima 2 . Oggi disponiamo, quindi, di una nutrita serie di studi, i quali si indirizzano al pensiero e alle opere di Foucault secondo prospettive che sono, a volte, riduttive e parziali, quando non apertamente svianti. Di fronte a una siffatta terra-di-nessuno 3 , ci sono delle ragioni storico-politiche evidenti: ciò che egli diceva non era indolore né per il marxismo ortodosso, né per la psicoanalisi, né per le posizioni liberali, e nemmeno per le istituzioni politiche e giuridiche dello Stato contemporaneo. Gli ambiti tradizionali del pensiero e dell’azione politica vengono problematizzati in profondità, operazione, quest’ultima, che non poteva non suscitare imbarazzi e accese reazioni da parte di chi dava per scontate troppe “verità”. A ciò si aggiunga anche un certo carattere sfrontato e provocatorio di Foucault : “I libri dovrebbero essere delle specie di bombe e nient’altro” 4 . Un’altra ragione che può aiutarci a capire perché si è prodotto un così acceso campo di battaglia attorno al pensiero filosofico di Foucault è da rintracciare nella complessa rete che collega le opere pubblicate a tutto un “teatro di dichiarazioni” 5 , in cui le numerose interviste rilasciate detengono un ruolo determinante nella esposizione pubblica del suo 1 Foucault stesso ha più volte rifiutato di definirsi filosofo, preferendo specificare la sua funzione di intellettuale, ma, infine, assumendo nella fase finale del suo pensiero l’attributo di filosofo. 2 Cfr. M. Foucault, Precisazioni sul potere. Risposta ad alcuni critici (1978), in “Aut-Aut”, 167-168 sett.- dic. 1978, p. 5: “Bisogna che l’individuo sia condannabile e condannato; poco importa la natura delle prove”. Non possiamo che essere d’accordo con l’affermazione di John Rajchman secondo cui “la produzione di Michel Foucault è stata a lungo accompagnata da dissensi, fraintendimenti e veementi polemiche”, in Michel Foucault. La libertà della filosofia, Armando Editore, Roma, 1987, p. 7. 3 Cfr. intervista a M. Foucault, Politica ed etica (1983), in D.E. vol. IV, p. 587: “Un socialista ha scritto che il pensatore che mi era più prossimo era Adolf Hitler (…). Sono stato considerato dai liberali come un tecnocrate agente per conto del governo gollista, sono stato considerato dai gollisti come un pericoloso anarchico di sinistra (…) che era apertamente un agente del K.G.B.” 4 Cfr. intervista a M. Foucault, Dialogo sul potere (1978), in D.E. vol. III, p. 477. 5 L’espressione è di G. Deleuze, come ci informa J. Miller nella sua biografia La passione di Michel Foucault, Longanesi, Milano, 1994, p. 439.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi