Studio e validazione di un modello di circolazione fetoplacentare

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Sergio Borlenghi Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 904 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Sviluppo di un modello innovativo di circolazione fetoplacentare. Validazione mediante sperimentazione in-vitro con prove di perfusione e dissezione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Studio e validazione di un modello della circolazione feto-placentare 5 Introduzione La circolazione feto-placentare è ormai da parecchi anni oggetto di grande interesse da parte dell'ostetricia. La placenta è un organo preposto al mantenimento delle funzioni vitali e al nutrimento del feto durante la gravidanza: si sviluppa assieme ad esso e termina la sua funzione al momento del parto. In particolare sostituisce l'apparato respiratorio, garantisce lo scambio di alimenti e di sostanze di scarto e opera una funzione regolatrice della temperatura del feto, in assenza di un adeguato sviluppo delle zone del sistema nervoso centrale preposte a tale funzione. Ma nonostante la sua estrema importanza l'abbia fatta oggetto di decenni di ricerche, non sono state raggiunte risposte definitive a molti dei quesiti che la riguardano. Per esempio ancora non sono chiarite la struttura microscopica della placenta durante la gravidanza e la distribuzione del flusso sanguigno al suo interno. Quesiti più complessi, evidentemente non ancora del tutto analizzabili, riguardano il trasferimento di sostanze organiche ed il metabolismo. Risposte a queste domande, se confortate da una buona attendibilità, consentirebbero di chiarire le controversie su come avviene l'ossigenazione del sangue del feto e sulle cause delle tante patologie della gravidanza tuttora classificate tra quelle ad eziologia sconosciuta. Allo stato attuale le conoscenze su problemi quali il ritardo di crescita intrauterina (IUGR), la tossicologia e la teratologia, sono ancora prive di solide conferme sperimentali. Inoltre la ricerca clinica non promette grandi passi in questa direzione in quanto, per questioni etiche, esperimenti e prove invasive sul feto non sono proponibili. Per quanto riguarda le misurazioni indirette, l'applicazione clinica della velocimetria basata sul principio Doppler ha reso possibile descrivere le caratteristiche del flusso ematico sia della parte fetale sia della parte materna della placenta, ma la strumentazione attualmente disponibile può fornire misurazioni con tolleranze dell'ordine del 35% e, fatto molto rilevante, l'attendibilità dei risultati dipende dall'abilità dell'operatore a causa della difficoltà di posizionamento delle sonde. Ricerche con l'utilizzo di tecniche di misurazione diretta, farmaci e sostanze radioattive sono state condotte su animali, ma non hanno portato a risultati conclusivi: si è osservato piuttosto che ogni specie animale ha sviluppato nel corso dell'evoluzione un diverso