Skip to content

Internet e promotori finanziari nella gestione dei patrimoni mobiliari on line

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Buemi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Vincenzo Capizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 391

Il capitolo primo prende in esame il sistema finanziario e gli attori dello stesso, mercato – intermediari – strumenti finanziari e autorità di vigilanza, per, poi, fare una piccola digressione sull’evoluzione del nostro sistema finanziario e trattare in modo sintetico la teoria dell’intermediazione e i processi di intermediazione, scambio diretti e indiretti o intermediati, fino a giungere alla disamina dell’evoluzione dei rapporti tra intermediari e committenti e tracciare una breve rassegna della normativa di riferimento, allo scopo di fornire gli elementi necessari alla comprensione delle modalità mediante le quali gli intermediari finanziari gestiscono i patrimoni mobiliari (argomento, oggetto del capitolo secondo).
Dopo aver preso in esame nel capitolo primo il sistema finanziario e gli attori dello stesso, mercati – intermediari – strumenti finanziari e autorità di vigilanza, con particolare riferimento alla formazione dei saldi finanziari, base delle transazioni, alle principali caratteristiche di un moderno sistema finanziario all’interno di una moderna economia; dopo aver esaminato brevemente, sempre nel capitolo primo, la storia/l’evoluzione del sistema finanziario italiano e dopo aver tracciato i punti salienti della teoria dell’intermediazione finanziaria e dei processi della stessa, messi in atto da intermediari quali i Brokers e i Dealers e, infine, dopo aver esaminato i punti saliente dell’evoluzione dei rapporti tra intermediari e committenti, il capitolo secondo è interamente dedicato alla gestione dei patrimoni/valori mobiliari.
Il capitolo secondo prima di addentrarsi nella descrizione degli intermediari e degli strumenti che operano prettamente sul mercato mobiliare, illustra le principali “tappe” normative che hanno portato la luce sul nostro sistema finanziario, il quale ha vissuto per quasi un cinquantennio un periodo di stasi. Si parte dunque dalla legge bancaria del 1926 fino a giungere alle riforme degli anni settanta e a quelle più attuali degli ultimi anni novanta; l’analisi è, prima di carattere normativo e, poi, di carattere illustrativo/descrittivo, ossia si analizzano prima le leggi fondamentali che hanno rivoluzionato il nostro sistema finanziario, dalla legge sulle Sim del 1991, alle sue modifiche mediante altre riforme in attuazione delle direttive comunitarie, quali la legge del 1993 che ha istituito il Testo Unico Bancario (TUB), la legge del 1996, conosciuta come decreto EuroSim e la legge del 1998 che ha istituito il Testo Unico della Finanza (TUF); poi, la seconda parte del capitolo secondo è dedicata all’illustrazione delle principali caratteristiche di intermediari, quali le Società di Investimento Mobiliare (SIM), le Società di Gestione del Risparmio (SGR), alle modalità di gestione dei servizi di investimento da parte delle banche e si conclude con la descrizione dello strumento Fondo Comune di Investimento, descrivendone le caratteristiche tecniche, economiche e commerciali principali, nonché una particolare tipologia di Fondo Comune di Investimento (Hedge fund), la misurazione delle performance degli stessi, la situazione italiana e il flop dei Fondi Pensione nel nostro paese.
........ecc........
Il presente ed ultimo capitolo si sostanzia in una “sintesi” del lavoro fin qui svolto ed è rivolto alla comprensione, mediante l’enunciazione dei tratti fondamentali, del percorso seguito in tutto il lavoro di tesi. Si inizia, dunque, dall’evoluzione del nostro sistema finanziario, evoluzione, che nel 1991 (legge sulle SIM) ha condotto a parlare sempre più di processi di intermediazione finanziaria e, in particolare, di transazioni dirette e indirette poste in essere su valori mobiliari facendo, in tal modo, accrescere la massa del risparmio gestito nel nostro Paese. Si descrivono le transazioni effettuate in modo “tradizionale” mediante l’ausilio del promotore finanziario, collocatore di prodotti/servizi finanziari “fuori sede”, e quelle che la tecnologia rende, da pochi anni, possibili, mediante il fenomeno dell’home-banking, in particolare, mediante il trading on line alimentando il processo di crescita della cosiddetta cyberbanca e delle operazioni di e-banking. Si descrivono dunque, le tecnologie che rendono possibile l’intermediazione finanziaria, tra datori e utilizzatori di fondi, mediante il canale Internet (e applicativi che saranno disponibili nel prossimo futuro). Infine si descrivono gli strumenti di scelta per i soggetti in surplus finanziario che effettuano transazioni on line, il trading on line.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Schemi specifici – domanda x domanda - 1 PRIMA DOMANDA: IL RUOLO DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NELLA PROMOZIONE/COLLOCAMENTO/GESTIONE DEI VALORI MOBILIARI. Cap.1,par.3.Evoluì. del sistema finanziario.Più intermediari e strumenti. Despecializzazione della banca. Legge 77 del 23 Marzo 1983. Intermediazione mobiliare : SIM/Sgr/SICAV (D.lg EuroSim) Cap.1,par.4. Domanda d’intermediazion e. No Walras. Cap.1.par.5.Fat t. imperfezione mercati ed intermediari. Cap.1, par.2. Intermediari e funzioni. Cap.1, par.5.1.-5.2.- 5.3.Negoziazione in proprio e per conto terzi. Cap.2, par.2.Introduzione SIM e Promotore. Nuovo canale di promozione/collocamento di valori mobiliari. Cap.2,par.5. Caratteristich e delle SIM. Cap.2, par.4. Normativa di riferimento. Cap.1.,par.6.Evoluzione dei rapporti Intermediari – Committenti. Crescita del risparmio dato in gestione(e della concorrenza tra i gestori). Cap.2,par.8.De scrizione dei Fondi Comuni d’Investimento. Cap.2, par.7. I numeri del risparmio gestito in Fondi. Cap.2, par.8.2.1. Aumento della competizione tra i gestori dei Fondi. Cap.4.Informatic a – Intermediari - Borsa Cap.5.Evoluzio ne delle spese in I.C.T. delle banche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi