Skip to content

Impatto del carrier sensing e della Fresnel zone in reti locali wireless ad hoc 802.11

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Longo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Informatica
  Relatore: Giuseppe Anastasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

Con lo sviluppo e la diffusione della comunicazione cellulare è cresciuto il fabbisogno di comunicare con altre persone in qualsiasi parte del mondo in cui ci troviamo.
Oggigiorno la telefonia mobile comprende sistemi sempre più sofisticati che tendono ad estendere il concetto di apparecchiatura telefonica, atta puramente alla sola comunicazione vocale, al concetto di mobile smartphone (telefoni cellulari intelligenti); questi sono dei telefoni cellulari che si avvicinano ai computer portatili (ovviamente con possibilità più limitate rispetto ad essi) che, oltre a gestire traffico vocale, utilizzano traffico dati per lo scambio di SMS , EMS , MMS ed infine permettono la navigazione Internet: l’ultima generazione di telefoni cellulari implementati con la tecnologia UMTS, rendono più funzionale il concetto di “stay connect” cioè stare sempre connessi ad Internet.
Quindi con i concetti di mobile smartphone e di “stay connect” si è data la possibilità di accedere ad Internet quando, come e dove si vuole senza nessun confine e nessun limite. Tale concetto si è anche ribaltato sulle reti locali di computer in cui alcuni nodi della rete non potevano più essere fissi a causa della mobilità da parte dell’utente. Da qui infatti nasce il concetto del mobile computing.
Il mobile computing può essere considerato lo sviluppo successivo delle reti di computer fisse o wired come per i telefoni cellulari sono i mobile smartphone. Questo concetto infatti estende la local area network, che è puramente wired, in una wireless local area network (WLAN) che può essere mista, cioè wired e wireless al tempo stesso (infrastructured network), o puramente wireless (ad hoc network).
Le infrastructured network sono costituite da gateway fissi e cablati, e da bridge tra la rete wireless e la rete fissa, che essi stessi sono delle stazioni base, chiamati access-point. Questi punti di accesso gestiscono il traffico tra i computer fissi ed i computer mobili che in quel momento si trovano nel loro raggio di comunicazione. Questa architettura di rete wireless ricorda molto quella usata per la telefonia cellulare in cui le stazioni radio base sono gli access-point e i cellulari sono i computer portatili, ripetendone in maniera analoga alcune problematiche. Una di queste, ad esempio, è gestire in maniera efficiente l’handoff presente durante il movimento di un portatile che esce dal raggio d’azione di un access-point ed entra in quello di un altro, garantendone così la continuità della comunicazione dei dati tra il portatile e la rete.
Il secondo tipo di reti wireless è la rete mobile senza infrastruttura fissa comunemente conosciuta come ad hoc network. Reti come questa non hanno router fissi e tutti i nodi hanno la possibilità di muoversi e di connettersi tra loro in modo puramente arbitrario. I nodi di questa rete funzionano come dei router che scoprono e mantengono i percorsi verso altri nodi. Esempio di applicazioni delle reti ad hoc sono le operazioni di ricerca e salvataggio di emergenza, meeting o convention nei quali i partecipanti desiderano condividere velocemente le loro informazioni, e l’operazione di acquisizione dei dati in zone della Terra inospitali.
In seguito ci interesseremo principalmente delle ad hoc networks e di tre problematiche che possono incidere negativamente sulle loro prestazioni: la Fresnel Zone, la zona di Carrier Sensing e la presenza di connessioni Multi Rate.
Abbiamo affrontato queste problematiche compiendo alcune serie di esperimenti in outdoor, per i primi due aspetti, e di una serie di esperimenti in indoor, per l’ultimo, utilizzando sempre reti ad hoc statiche.

La struttura della tesi è la seguente:
- Capitolo 1: fornisce una descrizione delle WLAN in termini di caratteristiche, di tecnologie usate e di possibili applicazioni;
- Capitolo 2: descrive in maniera dettagliata lo standard IEEE 802.11;
- Capitolo 3: presenta l’ambiente di sperimentazione, descrivendone gli strumenti software ed hardware utilizzati;
- Capitolo 4: descrive gli esperimenti effettuati e la loro analisi;
- Capitolo 5: sintetizza i risultati del lavoro compiuto indicandone possibili sviluppi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione iv Introduzione Introduzione Con lo sviluppo e la diffusione della comunicazione cellulare è cresciuto il fabbisogno di comunicare con altre persone in qualsiasi parte del mondo in cui ci troviamo. Oggigiorno la telefonia mobile comprende sistemi sempre più sofisticati che tendono ad estendere il concetto di apparecchiatura telefonica, atta puramente alla sola comunicazione vocale, al concetto di mobile smartphone (telefoni cellulari intelligenti); questi sono dei telefoni cellulari che si avvicinano ai computer portatili (ovviamente con possibilità più limitate rispetto ad essi) che, oltre a gestire traffico vocale, utilizzano traffico dati per lo scambio di SMS 1 , EMS 2 , MMS 3 ed infine permettono la navigazione Internet: l’ultima generazione di telefoni cellulari implementati con la tecnologia UMTS, rendono più funzionale il concetto di “stay connect” cioè stare sempre connessi ad Internet. Quindi con i concetti di mobile smartphone e di “stay connect” si è data la possibilità di accedere ad Internet quando, come e dove si vuole senza nessun confine e nessun limite. Tale concetto si è anche ribaltato sulle reti locali di computer in cui alcuni 1 Short Message Service: servizio messaggi brevi, permette di inviare o ricevere messaggi di 160 caratteri. 2 Enhanced Message Service: servizio di messagistica avanzato che consente di spedire una combinazione di semplici suoni, immagini, melodie ed animazioni, unitamente ad un normale messaggio di testo. 3 Multimedia Message Service: servizio di messagistica multimediale che consente la creazione di messaggi contenenti una combinazione di testo, immagini, suoni, melodie e filmati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi