Skip to content

Deducibilità dei costi dal reddito d'impresa: il principio dell'imputazione al conto economico

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Trappolini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Franco Gallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 203

Il lavoro rappresenta un'utile guida per la comprensione teorica e, soprattutto, pratica delle principali novità in materia di rapporti tra reddito civilistico e risultato fiscale sancite dalla Riforma fiscale (D.Lgs. 344/2003).
La tesi esamina i principali aspetti teorici e pratici del principio di imputazione dei costi al conto economico del bilancio d'esercizio, che rappresenta una condizione essenziale per la deduzione degli elementi negativi dal reddito d'impresa.
La prima parte esamina il collegamento tra il risultato civilistico ed il reddito fiscale, ammesso dal TUIR, che rappresenta un decisivo presupposto del principio di imputazione.
Quindi ampio spazio è dedicato alle varie opinioni dottrinarie circa la ratio della regola della previa imputazione dei costi al conto economico.
Viene quindi illustrato il principale effetto negativo del principio di imputazione: l'inquinamento fiscale del bilancio d'esercizio. Sono passate attentamente in rassegna tutte le soluzioni al riguardo avanzate dal Legislatore: viene quindi apprfonditamente esaminata la soluzione definitiva al problema delle interferenze fiscali nel bilancio d'esercizio: l'eliminazione del comma secondo dell'art. 2426 del c.c. (ad opera della recente Riforma del Diritto Societario) e, soprattutto, la previsione di un prospetto riconciliativo allegato alla dichiarazione dei redditi in cui far confluire ammortamenti, altre rettifiche di valore ed accantonamenti aventi esclusiva rilevanza fiscale.
Oltre all'analisi delle eccezioni al principio della previa imputazione dei costi al conto economico contenute nel TUIR precedente viene illustrata in modo profondo la natura derogatoria della disposizione che introduce detto prospetto.
La tesi contiene quindi l'illustrazione delle principali e numerose voci di costo, rientranti in ognuna delle categorie citate dal Legislatore, che possono essere dedotte indipendentemente dal transito al conto economico del bilancio: il tutto con il beneficio di schemi ed esempi pratici e numerici che possono facilitare l'assimilazione del meccanismo di contabilizzazione - ai fini della relativa deduzione fiscale - di voci di costo rilevanti solo dal punto di vista tributario. In questo senso, particolare attenzione è dedicata al trattamento contabile degli ammortamenti anticipati, materia di ampie discussioni teoriche in passato.
Attenzione è dedicata anche alle implicazioni concrete del nuovo meccanismo di ripartizione degli utili in sospensione d'imposta disegnato dal legislatore.
Il lavoro, infine, completa l'illustrazione delle tematiche di recentissima introduzione con il riferimento ai nuovi Principi Contabili Internazionali (IAS) che entreranno in vigore dal 2005: spazio è in particolare dedicato all'esame del loro significato, delle generali ripercussioni sull'ordinamento civilistico relativo al bilancio e delle principali implicazioni fiscali che tali IAS inevitabilmente sanciranno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Funzione essenziale di un’impresa è produrre utilità, sotto forma di beni o servizi. Tale attività è giustificata, anzitutto, dalla volontà dell’imprenditore di conseguire ricavi. Tuttavia, essa comporta inevitabilmente il sostenimento di costi ed oneri. Sebbene rappresentino in maniera evidente aspetti sconvenienti per l’impresa, essi possono altresì procurare benefici significativi. Infatti, i costi che sono stati sostenuti durante l’esercizio imprenditoriale possono diminuire, secondo i limiti stabiliti normativamente, l’ammontare dell’imponibile fiscale dell’impresa-contribuente ed essere, dunque, dedotti dal reddito tassabile. Risulta interessante, quindi, esaminare le condizioni ed i limiti da osservare affinché una spesa affrontata da un’impresa durante la propria attività gestionale possa essere portata in deduzione dal relativo reddito imponibile. Da ciò, nasce l’intenzione di prendere in considerazione il principale requisito che deve essere rispettato, generalmente, affinché un costo possa sancire una riduzione della base imponibile di un’impresa: la previa imputazione del medesimo al conto economico del bilancio d’esercizio. Si tratta di un principio essenziale e di una condizione imprescindibile ai fini della determinazione del reddito d’impresa e del complessivo sistema di individuazione dello stesso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ammortamenti
bilancio
costi
deducibilità
fiscale
ias
imputazione
inquinamento
prospetto
riconciliativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi