Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Internet entra nella legislazione italiana

3 agosto 1998

La legge n. 269, contenente Norme contro lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia, del turismo sessuale in danno dei minori, quale nuova forma di riduzione in schiavitù è la prima iniziativa legislativa che in Italia dedica attenzione al fenomeno Internet.
Questa legge considera lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia e del turismo sessuale in danno dei minori come forme particolari del preesistente e più generale concetto di riduzione in schiavitù. I reati introdotti dalla nuova legge, infatti, sono inseriti nel Capo del Codice Penale dedicato ai «delitti contro la personalità individuale», immediatamente dopo l'art. 600 c.p. che prevede e punisce la riduzione in schiavitù.
In particolare l'articolo 600-ter42 punisce la diffusione di materiale pornografico con ogni mezzo e attraverso Internet prevedendo due distinte fattispecie criminose. La prima consiste nel distribuire, divulgare o pubblicizzare con ogni mezzo, compreso quello telematico, il materiale pornografico realizzato con l'impiego di minori. La seconda fattispecie vieta la proliferazione di contegni propedeutici allo sfruttamento sessuale dei minori. In essa viene contemplata ogni attività di distribuzione e divulgazione di notizie o informazioni preordinate all'adescamento o allo sfruttamento sessuale minorile.
La nuova legge prevede e sanziona anche l'ipotesi di chi consapevolmente si procura o dispone di materiale pornografico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale dei minori.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Saddam invade il Kuwait
  Evento successivo

La strage del treno Italicus