Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

La riforma elettorale

4 agosto 1993

La riforma elettorale viene introdotta con l'approvazione, da parte del Parlamento italiano, di due distinte leggi: una riguardante il sistema elettorale della Camera, l'altra quello del Senato. Si tratta della L. n. 277, recante «norme per l'elezione della Camera dei deputati» e della L. n. 276, recante «norme per l'elezione del Senato della Repubblica».
Con la nuova legge elettorale della Camera, il territorio nazionale è diviso in 26 circoscrizioni elettorali (la Val d'Aosta è circoscrizione a parte) nelle quali sono distribuiti in proporzione alla popolazione residente 629 dei 630 seggi della Camera.
In ogni circoscrizione il 75% dei seggi è attribuito nell'ambito di altrettanti collegi uninominali nei quali risulta eletto il candidato che ha ottenuto il maggior numero dei voti, mentre il rimanente 25% dei seggi è attribuito in ragione proporzionale. I collegi uninominali sono 474 (475 con la Val d'Aosta) e i seggi proporzionali 175.
Ogni elettore dispone di due schede di votazione: una per votare il candidato nel collegio uninominale e una per la scelta della lista ai fini dell'attribuzione, nell'ambito della circoscrizione, dei seggi in ragione proporzionale. La prima scheda contiene i nominativi dei candidati uninominali. La seconda scheda contiene il contrassegno e l'elenco dei candidati (da uno a quattro) di ciascuna lista ai quali non va attribuita alcuna preferenza.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Colombo salpa da Palos
  Evento successivo

La legge sull'editoria