Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Comunicazione europea sul partenariato euromediterraneo

8 marzo 1995

La Commissione europea approva, su iniziativa del vicepresidente Marin, una comunicazione al Consiglio e al Parlamento europeo relativa all'istituzione di un partenariato euromediterraneo.
L'obietttivo della comunicazione è quello di definire le priorità e gli indirizzi del partenariato euromediterraneo e di indicare i modi e gli strumenti d'attuazione che la Commissione reputa più idonei per risolvere i problemi dei PTM (Paesi Terzi del Mediterraneo).
La Commissione propone tre filoni d'intervento strettamente legati tra loro:
- il sostegno alla transizione economica che deve tradursi nell'instaurazione della grande zona di libero scambio euromediterranea, nella dinamizzazione del settore privato nei Paesi mediterranei, nella dinamizzazione degli investimenti europei e nell'adeguamento delle infrastrutture economiche e sociali;
- il sostegno a un migliore equilibrio socio-economico che non si deve limitare ai problemi riguardanti la sfera economica, ma deve guardare anche a quelli legati alla povertà, alle diseguaglianze sociali ed economiche, al degrado dell'ambiente, al traffico di stupefacenti, all'immigrazione clandestina e al terrorismo;
- il sostegno all'integrazione regionale che dovrà portare ad un'intensificazione dei legami di cooperazione e di comunicazione tra i Paesi mediterranei, per cui agli accordi con la Comunità dovranno seguire degli accordi di libero scambio e di cooperazione anche tra tutti i Paesi mediterranei.
La Comunità dovrà sostenere questo processo fornendo l'assistenza adeguata alla creazione di strutture di cooperazione regionale e contribuendo, attraverso prestiti, al finanziamento delle infrastrutture necessarie nei settori dei trasporti e delle comunicazioni.
Per raggiungere gli obiettivi che si è prefissati, la Comunità possiede essenzialmente due strumenti: le risorse di bilancio e i prestiti su risorse proprie della BEI. Secondo la Commissione, gli interventi dei fondi di bilancio si dovrebbero concentrare sul sostegno al settore privato e sull'assistenza tecnica, mentre le risorse della BEI dovrebbero essere utilizzate per il finanziamento di operazioni "bancabili" come i prestiti a lungo termine. Si dovrebbe inoltre tentare di combinare questi due elementi ,dove è possibile e dove si possono produrre delle sinergie.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Muore Kubrick
  Evento successivo

Nasce Barbie, la prima bambola adulta