Skip to content

La neuroeconomia ed il neuromarketing: analisi, valutazioni ed applicazioni.

Informazioni tesi

  Autore: Michael Liguori
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Enrico Valdani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 184

Il lavoro nel primo capitolo analizza le origini della neuroeconomia. Partendo dal filosofo che più di altri aveva intuito l’importanza e la centralità del distinguere – nell’uomo – il cervello come organo fisico e la mente come entità pensante, in relazione all’anima: Cartesio. Si analizzano poi come fisicamente le tecniche di imaging possano far distinguere – nell’agire umano – processi automatici o controllati e come questi coinvolgano in maniera molto evidente aree cerebrali diverse. Una volta poste le basi concettuali dell’argomento affrontato, si analizzano – nel secondo capitolo – due esperimenti neuroeconomici, uno sull’impatto di un contesto di certezza nel processo decisionale, l’altro sulle basi neuronali del processo decisionale nel gioco dell’ultimatum, due studi molto famosi nel campo neuroeconomico. Il capitolo terzo affronta l’approccio neuronale legato maggiormente al consumer behavior nel marketing. Il neuromarketing: accantonate le tecniche tradizionali di analisi del consumer behavior ed acquisite come utili le informazioni fornite dal campo di indagine psicologico, si sposta verso un’altra frontiera dell’analisi del comportamento del consumatore: l’attivazione cerebrale dell’individuo. Il capitolo quarto è stato dedicato alla valutazione dei metodi di neuroeconomia e neuromarketing. Oltre ad esplicitare le eventuali perplessità, si tenta comunque di giungere ad una conclusione valutativa del metodo. Nell’ultima parte di questo ultimo capitolo – infatti – vengono riportati gli spunti di riflessione, le critiche, i vantaggi dell’oggetto in discussione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione John Nash, nella sua “teoria sulle aspettative tradite”, afferma che è impossibile affidare alle variabili valori razionali. Il mondo è pieno di valori mutevoli, un costante evolvere di numeri, dati e forme. Verrebbe – quindi – da rinunciare a trovare, nel caos, una logica sottostante o una metodica che riesca a razionalizzare fenomeni complessi, ma fortunatamente non è così. La matematica, e le altre scienze esatte, sono in grado di fornire numerosi modelli e teorie atte a catalogare – almeno in parte – la realtà. Tutto ciò consente di ridurre il cosmo, e ciò che si evolve e plasma intorno a noi, ad una sola variabile: il cervello umano. Se non esistesse la mente degli uomini sicuramente le particelle cosmiche continuerebbero a viaggiare nello spazio senza fine, i giorni continuerebbero comunque ad alternarsi alle notti, ma non costituirebbero un dato, bensì solo un fenomeno. La realtà si trasforma in input, nel momento in cui vi è presente un organo, o una funzione, in grado di elaborare ciò che si percepisce; la variabilità è funzione della percezione umana. Un oggetto che muta forma estrinseca la propria natura di potersi distribuire nello spazio in maniera non costante, di per se stesso è intrinseco nella definizione dell’oggetto la sua variabilità, ma la mente umana non si ferma dinanzi a ciò che è evidente e cerca di dedurre da ciò che osserva una regola atta a governare un determinato fenomeno. La ricerca spasmodica di regole non è altro che una dichiarazione di paura dell’uomo: quando qualcosa sfugge al dominio umano alimenta l’incertezza ed il timore del contesto in cui gli uomini agiscono. L’assunto fondamentale dal quale parte il Premio Nobel John Nash, è uno dei molti possibili, ma non l’unico. Diversi movimenti filosofici hanno affrontato l’argomento: se vi siano variabili reali ed

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi