Skip to content

Quasimodo traduttore di Neruda

Informazioni tesi

  Autore: Maria Stefania Dutto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Luigi Surdich
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

L’elaborato è suddiviso in tre capitoli.
Nel primo mi sono occupata delle traduzioni che Quasimodo effettuò dai classici, soffermandomi in particolare sui Lirici greci, poiché ciò ha segnato una tappa estremamente significativa nel percorso di traduzione e di poesia dell’autore. Ho dedicato, quindi, un paragrafo all’analisi degli scambi fra traduttore e tradotti, sia per quanto riguarda le modalità espressive, sia per ciò che concerne i contenuti.
Nel secondo capitolo ho offerto una panoramica delle traduzioni che Quasimodo fece da stranieri contemporanei (H. Melville, E. E. Cummings, C. Aiken, E. Pound, P. Éluard…), dedicando poi un paragrafo ai lirici spagnoli che, sebbene non siano stati tradotti da Quasimodo, hanno tuttavia esercitato una grande influenza sia sulla poesia di quest’ultimo che su quella di Neruda. In particolare mi sono soffermata sulla generación del ’27 (Federico García Lorca, Rafael Alberti, Luis Cernuda…). Va ricordato che Quasimodo aveva letto i lirici spagnoli nella traduzione di Carlo Bo (Milano, Corrente, 1941).
Infine nel terzo capitolo, cuore dell’elaborato, ho tentato una ricostruzione storica del rapporto fra i due poeti e ho parlato delle traduzioni che Quasimodo fece da alcune poesie di Neruda (edite da Einaudi nel 1952), prendendo in esame due liriche (Cuerpo de mujer e Ángela adónica) e confrontandone la traduzione quasimodiana con quelle di due illustri ispanisti: Giuseppe Bellini e Dario Puccini. Nel paragrafo 3.3, intitolato Il gioco del “dare” e dell’“avere” (con riferimento all’omonimo saggio di Cristina Marchisio), ho analizzato i punti di contatto fra Quasimodo e Neruda, citando numerosi esempi tratti dai testi. Sono molti i motivi che legano i due poeti: il forte naturalismo descrittivo, con elementi di valore concreto ma, allo stesso tempo, fortemente simbolico (mare, vento, fiamma, pioggia, pino, colomba); il cromatismo acceso (la dominanza del verde, riscontrabile, peraltro, anche in Federico García Lorca); la partecipazione al dolore altrui e la sensibilità verso le classi più povere; una visione pànica ed erotica della vita; la nostalgia per i paesaggi del cuore e della memoria, i paesaggi del Sud: Sicilia per Quasimodo, Cile per Neruda. Ho dedicato, infine, un paragrafo alla critica sul rapporto Quasimodo – Neruda, segnalando alcuni interessanti contributi: Franco Fortini, Elena Salibra, Tommaso Scarano, Cristina Marchisio, Oreste Macrì.

P. S. Colgo l'occasione per ringraziare in questa sede (sebbene i loro nomi non compaiano nella tesi) la Prof.ssa ANA LOURDES DE HERIZ, la Prof.ssa MORENA CARLA LANIERI e il Prof. LUIS DAPELO per il loro validissimo aiuto: mi hanno dato molto non solo dal punto di vista formativo, ma anche sul piano umano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Perché Quasimodo e perché Neruda? Due poeti che hanno molti punti in comune: entrambi uomini del Sud (nel senso più ampio del termine), entrambi legati visceralmente alla propria terra, entrambi figli di ferrovieri e sensibili ai problemi politico-sociali del loro tempo. La scelta è dettata da un amore personale. Amai Quasimodo fin dal mio primo “incontro” con lui, alle medie inferiori. La prima poesia che lessi fu Uomo del mio tempo, e mi segnò in maniera indelebile. Neruda lo “conobbi” più tardi (doveva essere il 1997 o ’98), quando, girovagando per librerie, mi capitò fra le mani una sua raccolta di poesie. Così cominciai ad apprezzare questo poeta traboccante d’amore per la vita. In questo lavoro cercherò di interessarmi dapprima a Quasimodo traduttore, soffermandomi sui classici e, in particolare, sui Lirici greci, poiché hanno costituito un passo importante nel percorso di traduzione – e di poesia – dell’autore. Nel capitolo successivo parlerò, brevemente e genericamente, delle traduzioni dagli stranieri moderni e contemporanei. Accennerò, inoltre, ai lirici spagnoli (in particolare, la “generazione del ‘27”) poiché rivestono un ruolo di grande importanza sia nella poesia di Quasimodo che in quella di Neruda. Dopodiché affronterò l’argomento principale, tentando una ricostruzione storica del rapporto fra i due poeti, soffermandomi sulle traduzioni che Quasimodo fece da alcune poesie di Neruda (edite da Einaudi nel 1952), mettendo a confronto alcune traduzioni di Quasimodo con quelle di altri traduttori e cercando di evidenziare in che cosa le une si distinguano dalle altre.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi