Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I servizi di pubblica utilità in Francia: specificità del modello e tendenze di riforma dei settori

Testo che analizza il processo di privatizzazione delle imprese pubbliche nel paese in cui storicamente nasce e si sviluppa il servizio pubblico.
Il taglio economico della tesi lascia spazio ad ampie digressioni in merito agli aspetti giuridici, storici, sociali e politici, che tanto influenzano l'evoluzione del servizio pubblico in Francia ed in Europa, e che permettono di avere una visione dinamica e multidimensionale dell'argomento.
Ad un sunto storico ed una indagine definitoria del concetto di "Service Public", segue una rassegna della normativa comunitaria in materia di di liberalizzazione e imprese pubbliche, un'analisi economica del processo di privatizzazione, e quattro analisi tecniche per i settori elettrico, ferroviario, delle poste e delle telecomunicazioni in Francia.

Informazioni sulla tesi:
- Tempo di redazione della tesi: 1 anno (fino a febbraio 2000)
- Discussione: Marzo 2000
- Punti: 6 + arrotondamento (max. 7)
- Fonti materiale: prevalentemente enti pubblici e centri di documentazione con sede nella capitale francese; Internet; Bibliografia comune.
- Materie correlate: Scienza delle finanze; Economia delle imprese pubbliche; Economia industriale; politica economica; storia economica; diritto comunitario.

Destinatari:
- Chi è interessato ad un'analisi critica del processo di privatizzazione di fine millennio.
- Chi vuole approfondire le conoscenze in uno specifico settore correlato all'attività pubblica nell'economia: Elettricità, Ferrovie, Poste, Telecomunicazioni.
- Chi vuole conoscere origini ed evoluzione recente del servizio pubblico "alla francese"

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Il processo di riduzione dell’intervento diretto dello Stato nell’economia si è innescato da oltre un ventennio in numerosi paesi europei. Solo a partire dagli anni Novanta (se si eccettuano Svezia e Gran Bretagna dove il processo è iniziato diversi anni prima) esso ha riguardato direttamente servizi di pubblica utilità quali telecomuni cazioni, fornitura elettrica, trasporto ferroviario e servizi postali, per i quali sino ad allora la maggior parte degli Stati, in ragione del più o meno ampio monopolio naturale sull’infrastruttura necessario alla loro erogazione e delle missioni di interesse generale espletate, ritenevano necessaria l’esistenza di un operatore pubblico spesso verticalmente integrato, che avesse il monopolio su tali servizi. Il testo si propone di descrivere le cause della travagliata evoluzione dei servizi di pubblica utilità in Francia, caratterizzata sul piano pratico da una certa riluttanza da parte delle autorità francesi ad accettare l’istanza comunitaria di apertura del mercato per i settori sopracitati, culminante spesso nella difesa ad oltranza ed incondizionata del monopolio pubblico verticalmente integrato: ciò che la Francia sembra “difendere”, non sono tanto delle imprese pubbliche particolarmente efficienti, quanto piuttosto una vera e propria cultura del “service public” fondata sulla tradizione repubblicana francese ed una forte coscienza collettiva del sociale ma che per molti paesi sembra solo significare confusione tra una certa gamma di servizi ed una configurazione organizzativa ormai vetusta, confusione tanto

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Laurent Di Santo Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2222 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.