Skip to content

La transizione economica del Kazakistan

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Caldana
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Antonio Covi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 204

Il Kazakistan, la più vasta delle nuove repubbliche sorte dalle ceneri dell’Unione Sovietica, in dieci anni d’indipendenza politica ha cercato di ottenere quella economica, attraverso un processo di transizione al libero mercato rivolto alla rottura dei legami con il sistema di produzione sovietico. Situato nel cuore dell’Asia Centrale e vecchio percorso della Via della Seta, questo “ponte” tra Europa ed Asia è diventato per le potenze mondiali un importante polo strategico ed economico, rispettivamente per il controllo della diffusione del fondamentalismo e per la scoperta di abbondanti giacimenti petroliferi nel Mar Caspio che potrebbero diversificare la fornitura di greggio dal Medio Oriente.
In questo lavoro ho percorso la storia del Kazakistan dalle Orde mongole condotte da Gengis Khan alle recenti elezioni parlamentari dello scorso settembre, analizzando, attraverso le fondamentali tappe economiche, le evoluzioni politiche e sociali del paese.
Nel primo capitolo ho riportato gli aspetti generali storici e geografici, del Kazakistan, soffermandomi in particolare sulla disastrosa situazione ecologica lasciata da anni di sperimentazioni nucleari e di sfruttamento dei terreni il cui recupero è ancora oggi incerto poiché il paese è privo di una legislazione organica in materia e di misure adatte alla protezione dell’ambiente. Ho approfondito l’articolata storia della popolazione kazaka, sottoposta nei secoli ad invasioni, espropriazioni ed infine alla violenta sedentarizzazione effettuata da Stalin che ha cambiato radicalmente lo stile di vita dei nomadi che popolavano le steppe. Infine, ho accennato alla struttura dell’economia pianificata ed al ruolo del Kazakistan nel sistema produttivo sovietico, per poi passare nel secondo capitolo del mio lavoro, a quella che è stata definita la transizione economica.
Con il termine controverso di “transizione” si indica normalmente il processo affrontato dai paesi dell’ex Unione Sovietica nel passaggio all’economia di libero mercato, si tratta quindi non di una semplice riorganizzazione ma di un totale cambiamento della struttura economica che ha altresì coinvolto la struttura sociale dei paesi.
Alcuni autori parlano per questo di “transizione estrema” la quale abbraccia un periodo di tempo che ha inizio con l’indipendenza politica delle nuove repubbliche e che in molti casi, tra cui quello del Kazakistan, non può ancora definirsi conclusa.
I primi investimenti esteri, l’inizio della produzione di petrolio da parte di compagnie petrolifere straniere e la privatizzazione delle attività economiche hanno rappresentato gli aspetti principali del sistema di riforme che hanno condotto alla liberalizzazione del mercato, grazie ai quali è stato possibile superare le disastrose crisi che si sono abbattute sulla fragile economia durante gli anni ’90.
Il rialzo dei prezzi delle materie prime ha dato una spinta all’economia del paese tale da provocare una crescita straordinaria dell’economia rispetto alle altre repubbliche. Ha però evidenziato la stretta relazione esistente tra i mutamenti economici e l’industria petrolifera. Questo aspetto viene trattato con particolare attenzione nella terza parte del lavoro, nella quale ho messo in luce l’arretratezza dei settori economici tradizionali ed il contrasto che esiste tra la crescita economica e lo sviluppo reale del Kazakistan, inteso come qualità delle infrastrutture, distribuzione della ricchezza, situazione ambientale e qualità della vita.
Infine, ho ritenuto importante osservare sia la politica interna, dominata dalla figura di Nazarbaev e dai suoi familiari che detengono il potere economico e mediatico, sia la politica internazionale del presidente che ha saputo destreggiarsi tra i propri interessi e le spinte delle grandi potenze interessate al potenziale petrolifero del Caspio e, soprattutto dopo l’11 settembre, alla collaborazione nel campo della difesa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il Kazakistan, una delle nuove repubbliche sorte dalle ceneri dell’Unione Sovietica, in dieci anni d’indipendenza politica ha cercato di ottenere quella economica, attraverso un processo di transizione al libero mercato rivolto alla rottura dei legami con il sistema di produzione sovietico. Situato nel cuore dell’Asia Centrale e vecchio percorso della Via della Seta, questo “ponte” tra Europa ed Asia è diventato per le potenze mondiali un importante polo strategico, per il controllo della diffusione del fondamentalismo ed energetico per la scoperta di giacimenti che potrebbero diversificare la fornitura del petrolio dal Medio Oriente. In questo lavoro ho percorso la storia del Kazakistan dalle Orde di Gengis Khan alle recenti elezioni parlamentari di settembre, analizzando, attraverso le fondamentali tappe economiche, le evoluzioni politiche e sociali del paese. Nel primo capitolo ho riportato gli aspetti generali storici e geografici, del Kazakistan, soffermandomi in particolare sulla disastrosa situazione ecologica lasciata da anni di sperimentazioni nucleari e di sfruttamento dei terreni il cui recupero è ancora oggi incerto perchè privo di una legislazione organica e di misure adatte alla protezione dell’ambiente. Ho approfondito l’articolata storia della popolazione kazaka, sottoposta nei secoli ad invasioni, espropriazioni ed infine alla violenta sedentarizzazione effettuata da Stalin che ha cambiato radicalmente lo stile di vita dei nomadi che popolavano le steppe. Infine, ho accennato alla struttura dell’economia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

asia centrale
economia dei paesi in via di sviluppo
kazakistan
la questione del mar caspio
oleodotti in eurasia
privatizzazione nell'ex unione sovietica
transizione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi