Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trascendenza e immanenza nel trascendentalismo kantiano

Il lavoro di tesi presentato svolge il percorso kantiano che, sulla linea della "svolta trascendentale", pone un punto fermo nella storia della filosofia e, più specifamente, dell'ontologia: il ripensamento del rapporto sinallagmatico tra soggetto e oggetto di conoscenza, passando attraverso le riflessioni della scuola neokantiana marburghese.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Discutere della questione che pone la relazione trascendenza e immanenza significa, anzitutto, porsi all’interno di una prospettiva determinata che delimiti un problema afferente alla genesi costitutiva del processo di conoscenza. È evidente che, quando si tratta di un trascendere o di un essere immanente, la domanda sottaciuta chiede del soggetto del trascendere (essere immanente), ossia del chi/cosa trascende e dell’oggetto trasceso, ossia del che trasceso. In ogni caso, cioè, è necessario un rimando al più ampio campo del conoscere. L’ambito che, nella nostra ricerca, è stato fissato come punto di riferimento ed allo stesso tempo orizzonte di validità, si identifica col criticismo trascendentale kantiano. Risulta, pertanto, un intreccio a doppia trama ciò che lega, inscindibilmente, l’aspetto più intrinseco del conoscere con quello, per così dire, più estrinsecabile, fatto, qui per noi, punto di indagine. Impostare il discorso della polarità trascendenza-immanenza richiede, dunque, l’inserimento nel contesto che solo ne permette, legittimandola, la estrinsecazione del problema specifico. Lo sfondo del trascendentalismo costituisce, allora, il terreno, reso fertile dal seme dell’a priori, da cui scaturisce il frutto del trascendente e dell’immanente. Bisognerà comprendere a fondo il significato della filosofia trascendentale per poter cercare una risposta al problema. L’indagine trascendentale, così come ogni ricerca che si inoltra nelle profondità genealogiche della conoscenza, esige un’inchiesta meticolosa che chiama in causa due “concetti” spesso abusati dalla tradizione di pensiero: soggetto e oggetto. Cercheremo di cogliere la precipua collocazione di entrambi nel mare magnum del conoscere teoretico e soprattutto di interpretarne il senso, nell’ottica di un discorso che vuole affondare le proprie radici in una dimensione espressamente estetica (trascendentale).

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giacomo Maria Virone Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3523 click dal 21/02/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.