Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arte, cultura e promozione del territorio: il caso della Strada del Vino Colli dei Longobardi

L'aumento del turismo enogastronomico di questi ultimi anni mi ha spinto ad approfondire una realtà singolare come quella delle Strade del Vino, analizzando nello specifico il caso della Strada del Vino Colli dei Longobardi.
Il percorso, ultimo nato nella provincia di Brescia, ha la particolarità di ospitare, oltre che aziende dell'enogastronomia di qualità anche realtà museali di fama nazionale ed internazionale, quali il Museo di S.Giulia o il Museo del Marmo di Botticino.
Il caso delle Strade del Vino è, in realtà, un'ottimo esempio di applicazione pratica di "generic promotion", data la volontà comune dei diversi soggetti coinvolti nel progetto di lavorare e collaborare insieme per un unico scopo.
Durante lo svolgimento della tesi, quindi, dopo alcuni cenni alla letteratura economica volti a trovare una definizione di marketing turistico, verranno analizzate le modalità con le quali i diversi soggetti operanti in una situazione particolare come quella delle Strade del Vino organizzano ed indirizzano le loro azioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. _______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ INTRODUZIONE La “WINE ECONOMY” sta assumendo ormai un ruolo sempre più importante in Italia ed in Europa: il vino, il mondo agricolo e le sue produzioni tipiche, il turismo che ruota intorno all’enogastronomia, stanno vivendo un momento favorevole che potrà determinare in futuro nuovi e più stabili elementi di sviluppo economico per molti territori rurali italiani. Le ragioni dell’aumento della domanda di vino degli ultimi dieci anni sono molto diverse. Esistono delle motivazioni di carattere socio- culturale che comprendono: • una rilegittimazione del “mondo dell’agricoltura” che non è più, quindi, guardata con distaccata sufficienza, ma con un certo interesse, una certa curiosità e voglia di riscoperta, • una ripresa attenzione per tutto ciò che riguarda l’ambiente, la difesa degli ecosistemi, la valorizzazione del territorio, • una ritornata visione salutistica del vino con supporti crescenti del settore medico-scentifico: dopo anni di diffuso allarme sociale nei confronti dell’alcool si sta facendo strada un approccio culturale più razionale e educativo. Ci sono poi, motivazioni economiche date da rapporti più equilibrati tra i livelli qualitativi e i prezzi di vendita. In questi anni, poi, stanno emergendo sempre più nuovi segmenti di consumatori (donne e giovani sono i più importanti tra questi) e nuove occasioni di consumo (wine bar). Infine esistono motivazioni essenzialmente legate al prodotto: la qualità intrinseca si sta elevando e buona parte dei produttori si è andata 1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Lottici Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6981 click dal 23/02/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.